Girard-Perregaux Casquette 2.0: il ritorno di un mito

Casquette 2.0

Immagine 1 di 5

 

Il Casquette è tornato! Questo nuovo modello, chiamato Casquette 2.0, ricorda il modello originale, ma si contraddistingue per l’utilizzo di ceramica e di titanio Grado 5. L’originale è stato prodotto dal 1976 al 1978: in quel lasso di tempo Girard-Perregaux ha realizzato 8200 esemplari di questo innovativo orologio al quarzo che, negli anni, è diventato molto ambito dagli appassionati di  orologi e dagli  amanti  degli  oggetti  di  classe. Il Casquette 2.0 presenta un nuovo movimento al quarzo con maggiori funzionalità e la cassa ergonomica, le dimensioni e il design lo rendono adatto a tutti. Nel 1976 Girard-Perregaux presentò il Casquette, un innovativo orologio con display tubolare a LED, alimentato da un movimento al quarzo e con un aspetto molto diverso  dai  tradizionali  modelli  a  due  lancette  dell’epoca.  È interessante notare che Girard-Perregaux, la Manifattura  fondata  nel  1791,  era  all’avanguardia  nella  tecnologia  al  quarzo  per  gli  orologi. La frequenza  di 32.768 Hz è stata infatti definita dalla Maison ed è poi stata adottata come standard universale per gli orologi al quarzo. Una curiosità: ‘Casquette’ non era il nome ufficiale di questo rivoluzionario orologio, che veniva commercializzato servendosi di un Continua a leggere

Ball Watch Engineer Hydrocarbon Original: alla conquista dei fondali marini

Engineer Hydrocarbon Original

Immagine 1 di 6

 

In occasione del quindicesimo anniversario, Ball Watch (azienda creata nel 1891) ha presentato il nuovo Engineer Hydrocarbon Original, concepito per l’esplorazione sottomarina e le immersioni. La lunetta unidirezionale dell’Engineer Hydrocarbon Original è graduata, di modo che i sub possano misurare con precisione i tempi di immersione e di conseguenza regolare i supporti di decompressione in tutta sicurezza. Al fine di garantire al massimo le funzioni subacquee, la lunetta è stata seghettata così da poter essere maneggiata sia a mani nude, sia con dei guanti da immersione. Impermeabile fino a 200 metri, questo modello è uno dei pochi che includono dei micro-tubi di gas H₃ all’interno della stessa lunetta in vetro zaffiro. Questi tubi, vera e propria peculiarità del marchio, si trovano sotto le lancette e per la prima volta, anche sotto il Continua a leggere

Rado e la sua Red Selection rossa

Rado Captain Cook

Immagine 1 di 6

 

Un quadrante rosso cattura inevitabilmente gli sguardi, attirando l’attenzione sul polso: per questo gli orologi rossi sono una rarità e soltanto pochi marchi orologieri osano proporre questo colore per i propri modelli. Uno di questi è Rado che, grazie al suo stile unico, unisce quadranti rossi con diversi materiali e design per dar vita a originali esemplari da uomo e per signora. Un esempio lo si ha con lo sportivo Captain Cook: il quadrante viene proposto con una sfumatura rosso scuro che tende al nero (nero presente anche nella lunetta girevole in ceramica hi-tech). Un bellissimo bracciale in acciaio a tre file di maglie, poi, lo esalta. Il pubblico femminile può pure apprezzare il Continua a leggere

VICENZAORO PRESENTA “VO’Clock Privé”, il nuovo salotto dell’orologiera

In occasione di Vicenzaoro di quest’anno, che si terrà dal 17 al 21 marzo, IEG – Italian Exhibition Group lancia VO’Clock Privé, un momento di incontro fra i protagonisti dell’orologeria contemporanea e gli appassionati. Da venerdì 18 a domenica 20 marzo 2022, infatti, Zenith, Girard-Perregaux, Eberhard & Co., Corum, Perrelet, Vincent Calabrese, Locman Italy, Junghans, Wyler Vetta e Timex (questi i primi nomi confermati) incontreranno la clientela finale e il settore. L’orologeria da polso nella sua lunga storia sta attraversando il suo apice come valutazione economica; rappresenta un trend di crescita costante degli ultimi anni culminato con un 2021 da record, una decisa ripresa delle esportazioni di orologi svizzeri. A ottobre 2021 l’export di segnatempo elvetici è stato di 2,1 miliardi di franchi (circa 2 miliardi di euro), la cifra mensile più elevata negli ultimi sette anni, con un aumento del 4,8% rispetto allo stesso mese del 2019, e si stima che nel 2021 le Continua a leggere

Piaget Polo Skeleton

Piaget Polo Skeleton con diamanti

Immagine 1 di 4

 

Nel 1979, quando Piaget creò il modello Piaget Polo, aveva in mente un orologio al contempo raffinato e da usare ogni giorno. Oggi, con il nuovo, magnifico Polo Skeleton che vi presento, l’obiettivo rimane lo stesso. La cassa in oro bianco del diametro di 42 mm è spessa solo 7,35 mm ed è impreziosita da 268 diamanti taglio brillante; l’orologio è dotato di un bracciale in oro bianco lucido e satinato con design ad H ornato di altri 1478 diamanti taglio brillante. L’incastonatura completa richiede più di 61 ore di lavoro: prima di essere posizionati, infatti, i diamanti vengono tagliati su misura. L’orologio è dotato di fibbia deployante, mentre il diamante capovolto sulla corona conferisce un sofisticato tocco finale. Il calibro 1200S1, uno dei Continua a leggere

Il nuovo Audemars Piguet Royal Oak Black Ceramic 34 mm

Audemars Piguet Royal Oak Black Ceramic 34 mm

Immagine 1 di 3

 

Quei piccoli dettagli che fanno comunque la differenza. In occasione del 50° anniversario della collezione Royal Oak, Audemars Piguet svela il suo nuovo modello automatico (34 mm x 8,8 mm) totalmente rivestito in ceramica nera. Pur mantenendo la stessa cassa, il quadrante nero presenta l’ultima evoluzione del design del Royal Oak, novità che debutta quest’anno su alcuni dei modelli del Royal Oak da 34, 37, 38 e 41 mm. Il quadrante guilloché nero con motivo “Grande Tapisserie” presenta ora a ore 12 la firma allungata Audemars Piguet senza il monogramma AP. Applicata e realizzata in oro rosa 24 carati, la dicitura è ottenuta tramite accrescimento galvanico, un processo chimico analogo alla stampa 3D. Ogni lettera è unita all’altra con collegamenti dallo spessore di un capello e fissati a mano sul quadrante grazie a minuti piedini quasi del tutto invisibili. Le dimensioni e la lunghezza degli indici applicati e delle lancette in oro rosa con rivestimento luminescente, pur mantenendo i consueti codici estetici del Royal Oak, sono state armonizzate con il resto dei modelli anniversario. Continua a leggere

Glashütte Original Lady Serenade: edizione limitata per San Valentino

Glashuette Original Lady Serenade Valentine

Immagine 1 di 11

 

Manca poco a San Valentino, giorno il cui tutto il mondo omaggia l’amore. Glashütte Original ha creato per tale ricorrenza una versione in edizione limitata (50 pezzi mondo) del suo orologio da donna Lady Serenate. Per dar vita a questa nuova versione, i creativi della manifattura sassone si sono ispirati al fiore del croco, minuto bulbo perenne diffuso in Europa, nord Africa ed Asia che, per la maggior parte, fiorisce tra la fine dell’inverno e l’inizio della primavera. Ci sono testimonianze della coltivazione dei crocus provenienti da dipinti cretesi e di origine romana pertanto lo possiamo considerare una tra le piante ornamentali che vengono coltivate da più tempo in Europa. Omero descrive il talamo nuziale di Giove e Giunone ricoperto da una moltitudine di fiori tra cui il croco. Al tempo dei Romani, il croco veniva collocato sulle tombe in quanto considerato simbolo di speranza per la vita ultraterrena. Probabilmente gli antichi conoscevano soltanto il croco da cui si ricava lo zafferano con il quale preparavano anche filtri d’amore. Proprio per questi motivi, uno dei significati attribuiti a questo delizioso fiore è quello della passione e dell’amore. Dato tutti questi richiami, la scelta di ispirarsi a questo delicato quanto resistente fiore ci risulta piuttosto azzeccata e per nulla banale come potrebbe essere, al contrario, una tanto bella quanto scontata, rosa rossa.

La cassa del Glashütte Original Lady Serenade versione San Valentino è in acciaio, misura 36 millimetri di diametro per 10,2 millimetri di spessore ed è impreziosita da una lunetta con incastonati 52 diamanti taglio brillante. Sul quadrante in madreperla bianca spiccano otto indici a forma di cuore in vetro zaffiro rosa con numeri e lancette in ottone rodiato. A ore 3 la corona zigrinata presenta un Continua a leggere

Swatch festeggia i 70 anni di regno della Regina Elisabetta

 

Swatch How Majestic

Immagine 1 di 3

 

Oggi, 6 febbraio, la Regina Elisabetta II è la prima monarca britannica a celebrare un Platinum Jubilee, ovvero 70 anni di regno. E Swatch rende onore allo stile colorato e inconfondibile di Sua Maestà con HOW MAJESTIC. La regina è sempre stata nota per il suo tempismo perfetto nell’abbinare il colore del suo outfit alla specifica occasione: verde intenso per un giro in campagna, giallo accesso per evidenziare un evento gioioso, colori autunnali dalla testa ai piedi per portare il suo amico fedele a quattro zampe al parco. Swatch ricorda questa tappa del Platinum Jubilee con l’orologio HOW MAJESTIC, caratterizzato da un mix colorato e allegro. HOW MAJESTIC GENT rappresenta un omaggio allo stile di Sua Maestà e alla sua presenza, con il datario che cambia ogni giorno il colore dell’outfit della Regina. Ci saranno giorni in cui il suo abbigliamento sembrerà più arancione, altri più rosa, viola, blu, e cosi via. Sua Maestà, con un cappello esclusivo abbinato, spilla e borsetta, è rappresentata vicino a uno dei suoi fedeli amici a quattro zampe sul quadrante bianco. A conferire un tocco regale ci sono la corona stampata argentata sopra il logo Swatch e i 70 punti sempre in stampa dorata per celebrare i 70 anni di regno della Regina. La cassa e il cinturino in bianco opaco sono caratterizzati da un effetto metallico. All’interno della speciale custodia, sotto la protezione di una delle iconiche guardie della Regina, si trova una sorpresa unica: una brillante corona argentata. L’orologio è disponibile online e nei negozi Swatch dal 3 febbraio 2022.

Janvier68

Police e The Batman: 4 orologi in edizione limitata

 

THE BATMAN

Immagine 1 di 4

 

POLICE, marchio italiano di occhiali e orologi, annunciando la sua partnership con Warner Bros. ha presentato 4 orologi dedicati al film THE BATMAN. Realizzati solamente in 10.000 esemplari in tutto il mondo, gli orologi sono disponibili al pubblico a partire da oggi, 4 febbraio 2022. I segnatempo sono stati progettati per celebrare il film che sarà  presentato in anteprima il 4 marzo 2022. L’edizione limitata Police x THE BATMAN, è disponibile in tutti i principali rivenditori di orologi a partire da €199 fino a € 399. I quattro orologi sono stati denominati THE BATMAN, THE BATMAN Edizione Vengeance, THE BATMAN Edizione Gotham City e THE BATMAN Edizione Catwoman. Vediamoli più nel dettaglio.

L’orologio THE BATMAN presenta un’esclusiva struttura della cassa di 50 x 32 mm divisa in due parti che evoca la doppia identità del personaggio. Ogni cassa può essere impostata su un fuso orario specifico, una caratteristica che rende l’orologio perfetto per chi viaggia. Gli elementi distintivi – il logo The Bat e la grafica del titolo del film – decorano la parte inferiore dell’orologio. Le due corone, posizionate in Continua a leggere

OMEGA e Pechino 2022

 

OMEGA Seamaster Diver 300M

Immagine 1 di 6

 

Le Olimpiadi Invernali di Pechino che inizieranno domani, segnano una pietra miliare per OMEGA: il marchio svizzero, infatti, celebrerà il suo trentesimo anniversario in veste di Cronometrista Ufficiale dei Giochi Olimpici. OMEGA ha iniziato il suo ruolo nel 1932, quando l’azienda svolse il suo compito con un solo orologiaio e 30 cronografi. Quest’anno a Pechino, sarà coinvolto un team di 300 cronometristi con 200 tonnellate di attrezzature, a dimostrazione di quanto sia cresciuto questo ruolo fondamentale. Inoltre il brand ha anche potuto maturare una preziosa esperienza a Pechino, dove nell’estate del 2008 è approdato in veste di Cronometrista Ufficiale. Il 1936 fu il primo anno in cui OMEGA cronometrò ufficialmente i Giochi Olimpici Invernali a Garmisch-Partenkirchen, cronometrando ogni singolo momento con un solo orologiaio e 27 cronometri. Il 1948 fu la prima volta che le cellule fotoelettriche OMEGA furono utilizzate ai Giochi Olimpici. Questa tecnologia rivoluzionaria arresta automaticamente il cronografo sulla linea del traguardo, sostituendo le inaffidabili capacità dell’occhio umano. Durante gli eventi estivi dello stesso anno, OMEGA ha anche presentato la sua prima fotocamera per i fotofinish ai Giochi Olimpici, rivoluzionando per sempre il cronometraggio sportivo. Ai Giochi Olimpici Invernali del 1956 OMEGA introdusse per la prima volta i cancelletti di partenza nello sci alpino. Fecero il loro debutto a Cortina d’Ampezzo, segnalando l’inizio di ogni gara. Non appena gli atleti passavano i cancelletti di partenza, il rilevatore al quarzo di OMEGA si attivava. Il 1964 fu il primo anno in cui OMEGA riuscì a rendere visibili in sovrimpressione i tempi delle prestazioni olimpiche nella parte inferiore degli schermi televisivi. Questo grazie a una nuova tecnologia nota con il nome di Omegascope. Mai prima di allora gli spettatori non presenti sul luogo dei Giochi erano stati informati così rapidamente e con tale precisione sugli eventi in corso. A Innsbruck era arrivato il concetto di cronaca sportiva in “tempo reale”. Il 1968 fu l’anno in cui OMEGA introdusse per la prima volta il sistema di “cronometraggio integrato” ai Giochi Olimpici. Per gli eventi che si svolsero a Grenoble, il brand fu in grado di fornire alla stampa, ai media, ai canali televisivi, ai giudici e al pubblico in generale informazioni supplementari sulle prestazioni atletiche nonché statistiche dettagliate. Ma non solo, grazie all’Omegascope aggiornato si potevano ora anche visualizzare in sovrimpressione sugli schermi televisivi i dettagli completi delle gare, compresi i nomi degli atleti, i tempi in diretta, i tempi finali, i tempi intermedi e le velocità. Nel 1980 OMEGA introdusse la sua tecnologia Game-O-Matic. Il sistema era in grado di calcolare e visualizzare immediatamente la classifica di un atleta non appena questi tagliava il traguardo nelle gare di sci alpino. Era dotato di una propria attrezzatura per l’elaborazione dei dati e fu in grado di soddisfare tutte le aspettative del Comitato Organizzatore a Lake Placid quell’anno. Il 1992 fu l’anno in cui OMEGA presentò il suo nuovo sistema Scan’O’Vision ad Albertville. OMEGA aveva già usato le camere per photofinish alle Olimpiadi in passato, ma ora questa tecnologia aggiornata era in grado di misurare digitalmente i tempi con un’approssimazione di 1/1000 di secondo. Il miglioramento nella precisione fu sorprendente e aprì un nuovo capitolo nella scienza del cronometraggio. Nel 2006 OMEGA introdusse degli Continua a leggere