Tre nuovi modelli nella collezione Waterbury di Timex

La nuova collezione Waterbury di Timex

Immagine 1 di 3

  

La collezione Waterbury di Timex prende il nome dall’azienda fondata nel 1854 a Waterbury, nel Connecticut, la Waterbury Clock Company. Per chi non lo sapesse, Timex è un marchio di orologeria statunitense conosciuto per il buon rapporto qualità/prezzo dei suoi orologi che li ha così resi accessibili ai più. Nel corso dei suoi 167 anni di presenza sul mercato, Timex, oltre a conquistare nel 1966 la certificazione Nasa, ha portato grandi innovazioni nel mondo delle lancette come i primi orologi da polso durante gli anni della Prima Guerra Mondiale, lo smartwatch e l’esclusiva illuminazione del quadrante INDIGLO®. Grazie a questa tecnologia esclusiva di proprietà di Timex, introdotta nel 1992, il quadrante si illumina in una tonalità indaco, un colore tra il verde ed il blu. Ora la famiglia Waterbury di Timex si allarga con la presentazione di tre nuovi modelli diver. All’interno della cassa in Continua a leggere

Hamilton Khaki Navy Frogman Automatico: nuovo look per sfidare gli abissi

Hamilton Khaki Navy Frogman Automatico

Immagine 1 di 6

  

Il Khaki Navy Frogman Automatic di Hamilton è progettato per garantire precisione, leggibilità e resistenza soprattutto sott’acqua. Il nome, Frogman, deriva da come venivano chiamati i soldati della Marina statunitense che indossarono l’originale durante la Seconda Guerra Mondiale. Il  cinturino in caucciù ondulato rende omaggio alle onde del mare e una cassa in acciaio da 46 mm e impermeabile fino a 300 metri, protegge la corona di carica della “rana del mare” (non poteva certo essere un orologio dalle piccole dimensioni, visti anche gli utilizzi).  Il quadrante è nero ed è dotato di Super-LumiNova® per una leggibilità in scarse condizioni di luce (come ad esempio nelle profondità oceaniche), mentre i Continua a leggere

Breitling presenta il nuovo Navitimer Cosmonaute

Tudor Black Bay GMT S&G

Immagine 1 di 6

  

Nel 60mo anniversario del suo viaggio a bordo della navicella Aurora 7, il leggendario orologio con quadrante 24 ore “si regala” una nuova edizione. E, per la prima volta dal 1962, Breitling ha presentato al pubblico il Cosmonaute originale. Un po’ di storia per iniziare (vi voglio tenere sulle spine prima di descrivervi il nuovo, strepitoso, Cosmonaute). Negli anni ‘60, il Navitimer di Breitling era considerato l’orologio da pilota per eccellenza. L’attenzione del mondo, però, si stava ormai spostando allo spazio. Grazie alla sua esperienza nel settore degli orologi per l’aviazione, il 24 maggio 1962 Breitling si aggiudicò il titolo di primo orologio da polso svizzero nello spazio, dopo che l’astronauta Scott Carpenter orbitò attorno alla Terra per tre volte con al polso il Navitimer Cosmonaute nella missione Mercury-Atlas 7. L’orologio era stata una personale richiesta di Carpenter, che già l’aveva indossato ai tempi in cui volava, ma con l’aggiunta di un quadrante da 24 ore per distinguere il giorno dalla notte nell’oscurità dello spazio. Oggi, Breitling lancia un’edizione speciale, limitata a 362 esemplari numerati, che vuole essere un omaggio tanto al numero di circumnavigazioni che la navicella eseguì attorno alla Terra, quanto all’anno in cui la missione fece la storia. Il 24 maggio 1962, cinque ore dopo il lancio, la navicella spaziale Aurora 7 con Carpenter al suo interno si inabissò senza incidenti nell’Atlantico. Le operazioni di salvataggio si prolungarono per oltre tre ore, con una conseguente esposizione all’acqua salata del mare che provocarono danni irreparabili al Cosmonaute di Carpenter. Breitling sostituì immediatamente l’orologio di Carpenter con un altro, ma l’originale pezzo di storia dello spazio, malconcio e rovinato dalla corrosione, rimase custodito nella collezione di famiglia di Breitling, senza mai essere restaurato. Fino ad oggi! Il Cosmonaute ha tutte le funzioni del Navitimer: dal Continua a leggere

Zannetti Zacharius 1982

ZANNETTI Zacharius 1982

Immagine 1 di 4

  

Un bellissimo racconto di Jules Verne ha guidato Zannetti nella realizzazione di un modello subacqueo dal disegno unico e fuori dal comune. Nel racconto, ambientato a Ginevra nel medioevo, l’orologiaio più famoso della città era il vecchio mastro Zacharius, convinto di esser riuscito a padroneggiare il tempo avendo racchiuso una parte della propria anima in ogni pezzo da lui fabbricato. Ma un giorno tutti gli orologi si fermano all’improvviso l’uno dopo l’altro e per Zacharius sembra essere arrivata la fine del suo sogno di dominio… a meno che non riesca a trovare l’unico orologio ancora in funzione! Seguito dalla figlia Gérande e dall’apprendista Aubert, il vecchio costruttore di lancette percorse le solitudini alpine fino al castello di Andernatt, dove alla fine il tempo gli si mostrerà nei panni di un vecchietto dalle idee strampalate. veniamo all’orologio. La prima scelta importante per la realizzazione del Zacharius 1982, per Zannetti è stata quella del materiale: il bronzo; materiale composto essenzialmente da una lega di rame e stagno, con un punto di fusione più basso rispetto all’acciaio e Continua a leggere

Tudor Black Bay GMT S&G

Tudor Black Bay GMT S&G

Immagine 1 di 6

  

Il Black Bay GMT di Tudor consente la visualizzazione simultanea di più fusi orari, una complicazione decisamente funzionale grazie a cui è possibile leggere l’ora locale senza perdere di vista quella di altri due fusi orari. Riconoscibile per la lunetta girevole graduata 24 ore, le cui tonalità evocano il giorno e la notte, il Black Bay GMT è ora disponibile anche in una bellissima versione S&G (Steel & Gold). La cassa satinata e lucida in acciaio 316L e oro giallo, è di 41 mm di diametro comodamente indomabile da chiunque, con lunetta girevole bidirezionale in oro giallo e disco in alluminio anodizzato nero e marrone emblematico della funzione GMT. Le lancette “Snowflake”, una caratteristica distintiva degli orologi subacquei TUDOR sin dal 1969, hanno un rivestimento fosforescente Swiss Super‑LumiNova®. Il calibro di Manifattura MT5652 è certificato dal COSC, con spirale del bilanciere in silicio e autonomia di Continua a leggere

Blancpain Air Command e la nuova collezione femminile

Blancpain Air Command

Immagine 1 di 5

  

Gli orologi femminili occupano da sempre un posto di riguardo in Blancpain. Dai primi anni ’30 la Manifattura continua a sviluppare nuovi movimenti e a innovare a favore delle signore. In fatto di cronografi da donna, poi, il Marchio fu il primo a presentare, nel 1998, un cronografo fly-back per signora. E oggi l’Air Command ne propone una nuova interpretazione, più sportiva. Il rarissimo cronografo Blancpain degli anni ’50, al quale si ispira la collezione Air Command, traspare attraverso il look vintage di questa novità. Sia la disposizione dei contatori sia quella della scala tachimetrica sul quadrante, ma anche la forma delle lancette e degli indici luminescenti, così come i pulsanti del cronografo del tipo “a pistone” e il vetro zaffiro glass box rimandano al modello originale. Come i veri orologi di aviazione dell’epoca, anche il Continua a leggere

Zero Oxygen: il nuovo Montblanc 1858 Geosphere Chronograph 0 Oxygen LE290

Montblanc 1858 Geosphere Chronograph 0 Oxygen LE290

Immagine 1 di 5

  

Il segnatempo “Zero Oxygen” che vi presento oggi, disponibile in edizione limitata a 290 pezzi, è un orologio senza ossigeno all’interno del movimento; il che offre numerosi vantaggi agli esploratori che hanno bisogno di strumenti affidabili anche nelle condizioni più estreme. La totale mancanza di ossigeno, infatti, non solo evita l’appannamento, possibile a causa dei drastici sbalzi di temperatura in quota, ma previene anche l’ossidazione. Senza ossigeno, tutti i componenti hanno una maggiore durata, il che garantisce anche la massima precisione nel tempo. Montblanc ha voluto spingersi ancora oltre, portando il nuovo 1858 Geosphere Chronograph 0 Oxygen LE290 in una vera spedizione alpinistica sulla montagna più alta del mondo: l’Everest.  E chi se non l’alpinista Nimsdai Purja poteva accettare questa sfida? Nato in Nepal, Nimsdai ha iniziato la Continua a leggere

Jaeger-LeCoultre Polaris Date

Jaeger-LeCoultre Polaris Date

Immagine 1 di 5

  

Il Polaris Date di Jaeger-LeCoultre, ispirato al Memovox Polaris del 1968, è ora disponibile con un quadrante verde intenso (colore oramai molto di tendenza nell’orologeria contemporanea). Modello iconico della Manifattura, il Memovox Polaris si è affermato sin dalla sua introduzione nel 1968. Lanciato nel 2018, il Polaris Date trae ispirazione da questo Memovox Polaris di 30 anni prima. Il quadrante laccato con sfumature in due tonalità e molteplici finiture testurizzate permette al Polaris Date di dare priorità alla leggibilità senza rinunciare all’estetica. La sfumatura spazia dal verde oliva al verde foresta, assumendo diverse tonalità a seconda dell’angolo di luce riflessa: tutto ciò lo rende, a parer mio, un orologio veramente bello. Un rivestimento in lacca traslucida conferisce profondità al quadrante, permettendo agli Continua a leggere

Girard-Perregaux Laureato Absolute Cronografo Edizione Aston Martin F1

Laureato Absolute Cronografo Edizione Aston Martin F1

Immagine 1 di 5

  

Lo scorso anno, Girard-Perregaux è diventato Sponsor ufficiale orologiero di Aston Martin, la casa automobilistica britannica produttrice di veicoli sportivi e lussuosi, e dell’Aston Martin Aramco Cognizant Formula One™ Team (AMF1). Dalla collaborazione fra le due aziende sono nati due orologi: il Tourbillon con Tre Ponti Volanti Edizione Aston Martin e il Laureato Cronografo Edizione Aston Martin. Ora, per la prima volta, Girard-Perregaux ha collaborato con l’AMF1 Team alla creazione di un nuovo modello, il Laureato Absolute Cronografo Edizione AM F1, che racchiude due primati per il settore. Il nuovo Laureato Absolute Cronografo Edizione AM F1 sfoggia una cassa all’avanguardia da 44 mm, dove al suo interno si fondono polvere di titanio ed elementi in carbonio presi da due vetture di gara della F1 usate nella stagione 2021, segnando il primo primato. Mediante un processo di lavorazione altamente tecnologico, i componenti individuali vengono uniti e Continua a leggere

Chopard Alpine Eagle XL Chrono in Lucent Steel A223

Chopard Alpine Eagle XL Chrono in Lucent Steel A223

Immagine 1 di 5

  

In occasione del Salone dell’Orologeria Watches & Wonders tenutosi a Ginevra, Chopard ha presentato per la prima volta il cronografo flyback della collezione Alpine Eagle con un cinturino in caucciù che indubbiamente lo rende più sportivo. L’Alpine Eagle XL Chrono in Lucent Steel A223 è declinato in due opzioni di quadrante, Blu Aletsch o Nero Assoluto. La cassa sportiva e maschile, di dimensioni extra-large (44 mm di diametro) ma molto bella, è realizzata appunto in Lucent Steel A223, un’innovativa lega di acciaio messa a punto da Chopard per le sue virtù anallergiche, la sua solidità e la sua lucentezza: caratteristiche sono state rese possibili da un meticoloso processo di rifusione. Sul lato destro, i pulsanti legati alle funzioni cronografiche sono integrati da un lato e dall’altro del proteggi-corona. Il segnatempo ospita il movimento Chopard 03.05-C, uno dei movimenti cronografici più innovativi del mondo, sviluppato e assemblato dagli artigiani dei laboratori di orologeria della Maison. Con le sue 60 ore di autonomia, il calibro è stato oggetto di una progettazione elaborata per garantire regolazioni precise e un utilizzo ottimale delle funzioni di cronometraggio. È dotato di ruota a colonne e vanta diverse innovazioni tecniche sfociate nella registrazione di tre brevetti Chopard. In primo luogo, è dotato di un sistema di ingranaggio unidirezionale che evita le perdite di energia e garantisce contemporaneamente una carica rapida, una caratteristica apprezzata nella famiglia dei cronografi, noti consumatori di energia. Inoltre, la modalità di innesto verticale garantisce un avvio preciso delle misurazioni dei tempi. Questo calibro cronografo è di tipo “flyback”, una funzione che permette il cronometraggio istantaneo dei tempi brevi grazie ai tre martelli girevoli con bracci elastici che agevolano l’azzeramento dei contatori. Il movimento Chopard 03.05-C con funzione “stop secondi” che permette una regolazione precisa dell’orologio è certificato Cronometro dal Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri. L’Alpine Eagle XL Chrono, già proposto con bracciale integrato in metallo e con un’opzione in pelle, si presenta in questa nuova veste con un Continua a leggere