Richard Mille RM 27-03 Rafael Nadal: spettacolo puro!

RM 27-03 Rafael Nadal

 

Dal 2010, Richard Mille ha sviluppato una serie di orologi sensazionali attraverso una collaborazione unica nella storia dell’orologeria, con Rafael Nadal. L’ultimo nato, nonostante la presenza di un movimento tourbillon, non delude in termini di resistenza agli urti. Scegliere il torneo del Grande Slam che come ogni anno si svolgerà al Roland Garros è stata una decisione ovvia per la presentazione dell’RM 27-03 Rafael Nadal. Per il campione spagnolo, già vincitore per nove volte dell’Open di Francia, la terra battuta è la superficie preferita. Questo nuovo orologio combina materiali innovativi nel rispetto della tradizionale perizia orologiera. L’RM 27-03 si presenta nei suggestivi colori giallo e rosso della sua cassa in Quartz TPT® in onore della Spagna, paese nativo di Rafa. La notevole intensità delle sfumature è stata ottenuta grazie all’impregnazione di sottili strati di silicio, di soli 45 micron di spessore, in resine pigmentate, secondo un procedimento esclusivo di sovrapposizione degli strati di lamenti prima di essere portati a 120° C, tecnica sviluppata dalla North Thin Ply Technology (NTPT®). Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Breitling Chronoliner B04: lusso e comfort

Breitling Chronoliner B04 Boutique Edition

 

Il Chronoliner di Breitling ospita un Calibro manifattura B04, dotato di un praticissimo sistema di secondo fuso orario e proposto in una serie limitata, impreziosita da una livrea completamente blu. Con il suo cronografo automatico, il secondo fuso orario su 24 ore e la lunetta girevole in ceramica high-tech che permette di leggere un terzo fuso orario sempre su 24 ore – l’ideale per misurare i tempi di volo quando si parte per destinazioni lontane intorno al mondo – il Chronoliner si è imposto come il perfetto orologio dell’aviazione. Oggi Breitling propone questo cronografo in una versione speciale blu per le boutiques, dotata del Calibro manifattura B04 che offre una comodità estrema. Interamente progettato e fabbricato nei laboratori della marca, questo motore, certificato ufficialmente come cronometro dal COSC, si distingue per il suo sistema con doppio fuso orario di grande funzionalità. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Hublot e i Big Bang Unico Sapphire Blu e Rosso

Hublot Big Bang Unico Sapphire

 

Belli, colorati, preziosi e a tiratura molto limitata gli orologi che vi presento oggi. Partiamo col colore: sembra che il colore non conosca limiti per Hublot. Riveste i materiali, li esalta e li rende unici. Hublot fonde ora i metalli allo zaffiro per creare una cassa Big Bang di colore blu. È la prima volta che lo zaffiro si riveste di questo colore in orologeria. Il Big Bang Unico Sapphire era già stato protagonista della rivoluzione dello zaffiro nel 2016. Un anno dopo questa prima mondiale, la manifattura di Nyon ne firma un’altra, frutto del suo costante impegno di innovazione, ricerca e sviluppo. Benché gli zaffiri sintetici colorati esistano dal 1902, ovvero da quando sono stati inventati dal chimico francese Auguste Victor Louis Verneuil, la fusione dello zaffiro è complessa e imprevedibile. Il suo processo di cristallizzazione è instabile ed è difficile ottenere zaffiri di colore simile anche se vengono prodotti contemporaneamente. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Hamilton e l’ODC X-03

Hamilton ODC X-03

 

La collaborazione fra Hamilton e Hollywood iniziò “sott’acqua” nel 1951, quando alcuni attori che impersonavano eroi subacquei indossarono orologi Hamilton nel film Le rane del mare (The Frogmen), film candidato agli Oscar. Da allora, Hamilton ha lavorato costantemente con registi e direttori artistici per offrire orologi che potessero rappresentare al meglio l’immagine di ogni personaggio. Ad oggi, le partecipazioni ai film 2001: Odissea nello spazio e Interstellar si confermano vere e proprie pietre miliari nella carriera del marchio a Hollywood. Hamilton ha deciso di celebrare questi due celeberrimi film creando un segnatempo straordinariamente audace: l’ODC X-03. Ispirato alla navicella spaziale Endurance di Interstellar, il modello ODC X-03 è frutto di una collaborazione vincente nata agli Hamilton Behind the Camera Awards (BTCA) del 2014, evento che il marchio organizza regolarmente a Los Angeles e in Cina. L’orologio nato da questo incontro, progettato da Nathan Crowley, scenografo di Interstellar e candidato per tre volte agli Oscar, porta i segnatempo spaziali in una nuova dimensione.

L’ODC X-03 è il terzo modello di una trilogia di orologi nata con il film 2001: Odissea nello spazio, di Stanley Kubrick. Lanciati rispettivamente nel 2006 e nel 2009, anche i modelli X-01 e X-02 traevano ispirazione da quello che viene ritenuto indiscutibilmente uno dei film più straordinari di tutti i tempi. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

SEVENFRIDAY S3/01

SEVENFRIDAY S3/01

 

La prima serie del SEVENFRIDAY con cassa quadrata dal lancio della serie M nel 2014, che vi presento oggi (l’S3/01), si distingue per il quadrante aperto e un anello esterno unico. I tre orologi della serie S hanno già fatto parlare molto durante il loro debutto a Baselworld e l’S3/01, con un design ispirato all’industria dei motori, è in vendita da venerdì 5 maggio. Rendendo omaggio all’industria dei motori, l’S3/01 riduce la meccanica dell’orologio all’essenziale. Il design aperto rivela la struttura interna della cassa che supporta i molteplici livelli di costruzione del quadrante. La lancetta delle ore rossa opaca e quella dei minuti in rodio sono posizionate tra un disco – che richiama quello dei freni – e quello dei 60 secondi mentre il telaio è incassato in un anello esterno in EPDM con proteggi-corona. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Girard-Perregaux e il Laureato Squelette

Girard-Perregaux Laureato Squelette

 

Disegnato negli Anni 70 da un architetto milanese, il Laureato di Girard-Perregaux si è immediatamente affermato come icona dell’orologeria. L’ultima generazione del Laureato, lanciata nel 2016, si è arricchita quest’anno dello Squelette. Il bracciale metallico con l’alternanza delle superfici lucide e satinate, la cassa con le anse che sono parte integrante delle linee, la lunetta ottagonale lucida, inserita in un cerchio. Tutto suggerisce la ricerca delle proporzioni e dell’armonia. Il Laureato Squelette possiede un esterno e un interno in dialogo permanente. Il guscio è una cassa rigorosa con diametro di 42 mm e spessore di 10,88 mm, disponibile in acciaio o oro rosa 18ct con bracciale coordinato.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Rado e il nuovo Ceramica: prova al polso

Rado Ceramica

 

Qualche settimana fa ho potuto provare un orologio iconico tornato sulla scena: il Rado Ceramica, segnatempo diventato famoso per l’utilizzo della ceramica hi-tech, riproposto in una nuova veste grazie al restyling curato dal noto designer Konstantin Grcic, che l’ha re-interpretato in chiave contemporanea con un accento sulle linee geometriche, le stesse che resero il modello originale un classico. Innanzitutto sappiate che il nuovo Ceramica è un segnatempo dedicato tanto all’uomo come alla donna. Trovo poi che la silhouette lineare del bracciale originale si sia evoluta in un orologio dalla forma più classica, con i bordi della cassa monoblocco leggermente ricurvi a occupare il centro della scena. Anche se ho provato una versione lucida, due versioni per uomo del Ceramica dispongono di una finitura opaca, novità assoluta rispetto al passato. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Breguet Marine Equation Marchante

Breguet Marine Equation Marchante

 

Abraham-Louis Breguet, durante tutta la sua carriera, non smise mai di dimostrare la sua eccezionale maestria. Stimato in tutta Europa, Breguet trovò in Luigi XVIII, re di Francia, un ammiratore attivo. L’anno 1814 quest’ultimo lo nomina membro del Bureau des Longitudes di Parigi. Istituito nel 1795, questo organismo ha per scopo il perfezionamento dei diversi rami dell’astronomia e la loro applicazione alla geografia, la navigazione e la fisica del globo. Unico rappresentante della sua professione, Breguet diventa l’orologiaio di riferimento, in particolare per quando riguarda il calcolo delle longitudini in mare, col titolo ufficiale di Horloger de la Marine Royale. La nomina di orologiaio della Marina implica notevoli conoscenze scientifiche e gli conferisce una funzione fondamentale per il Paese. A quell’epoca, infatti, i cronometri da marina erano di vitale importanza per le flotte perché consentivano di calcolare la posizione delle navi.

Sulla scia di questa eredità unica, la Maison Breguet lancia oggi in esclusiva mondiale il modello Marine Équation Marchante 5887. L’equazione del tempo è una delle complicazioni orologiere più rare e affascinanti. Consente di indicare l’oscillazione del tempo solare medio – ore e minuti civili – rispetto al vero tempo solare – ore e minuti solari.  Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

OMEGA e i nuovi Seamaster Edizione Venezia

OMEGA Seamaster Edizione Venezia

 

OMEGA inizio di settimana spumeggiante non per le condizioni climatiche, bensì per i nuovi Seamaster “Edizione Venezia” che saranno venduti esclusivamente nella famosa città italiana. La decisione di realizzare un orologio in omaggio a Venezia non è casuale: alla fine degli anni ‘50 la città fu fonte d’ispirazione per uno dei simboli più famosi di OMEGA. A quei tempi la collezione OMEGA Seamaster era relativamente nuova e rappresentava perfettamente la storia subacquea del brand. Tutto quello che serviva, era un emblema che fosse unico. La risposta fu trovata da un membro del design department di OMEGA già ideatore dell’iconico medaglione con l’osservatorio che il brand utilizzava per i modelli Constellation. Durante una visita a Venezia la sua immaginazione fu catturata dalle famose gondole e dai magnifici ippocampi di nettuno intagliati su entrambi i lati. Venezia rappresenta il luogo da dove molti esploratori degli oceani hanno iniziato i loro viaggi. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

SKAGEN Connected: prova al polso

Skagen Connected

 

SKAGEN è un marchio conosciuto, forse più all’estero che in Italia (purtroppo lasciatemi dire) per le sue collezioni di segnatempo moderni e funzionali, oltre a gioielli e pelletteria per l’uomo e la donna. Il marchio prende il nome da un resort marino in Danimarca, dove il si incontrano il Mare del Nord ed il Mar Baltico e gli orologi sono ispirati alla famosa linea costiera di Skagen, facendo uso di linee pulite e curve morbide. Da poco è stata lanciata SKAGEN Connected, una linea di dispositivi indossabili. La prima collezione comprende lo smartwatch ibrido Hagen Connected, che ho potuto provare.

Il primo colpo d’occhio è stato decisamente positivo: i dispositivi indossabili SKAGEN Connected sono ideati e realizzati con la stessa precisione e attenzione riservata ai segnatempo analogici. I connected watch trovo siano accessori creati appositamente per i consumatori che amano essere al passo con le ultime tecnologie, pur non rinunciando allo stile. E Skagen, devo riconoscerlo, in questo non è seconda a nessuno. Continua a leggere

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page