Chopard Alpine Eagle: fantastico segnatempo all’insegna della natura

Chopard Alpine Eagle

Immagine 1 di 12

 

Nel 1980, l’allora ventiduenne Karl-Friedrich Scheufele, attuale co-presidente della Maison Chopard, disegnò il suo primo progetto di orologeria: il St. Moritz. Questo segnatempo, divenuto uno dei best-seller della Maison nel decennio a seguire, non solo fu il primo sportivo della Casa ma anche il primo orologio realizzato in acciaio nei laboratori di Chopard che, fino ad allora, era più conosciuta per i suoi orologi in oro ed in oro e diamanti.  Quasi quarant’anni dopo, dalla mente creativa e lungimirante di Karl-Friedrich Scheufele, nasce l’Alpine Eagle, una rivisitazione in chiave moderna dell’iconico St. Moritz. Impermeabile fino a 100 metri, è disponibile in dieci referenze in acciaio, oro, acciaio e oro oppure oro e diamanti e si declina in modelli unisex: modello Large (41 mm x 9,7 mm) e modello Small (36 mm x 8,4 mm). Ho avuto il piacere di avere un breve ma intenso “incontro a tu per tu” con l’Alpine Eagle Large. Indossarlo significa iniziare un, seppur virtuale, percorso emozionale dove l’ immaginazione ti porta a volare Oltralpe, tra silenti e maestose montagne, tra rocce e ghiacciai dove l’unica vera regina incontrastata è l’aquila. Oltre all’alternanza di parti satinate (tutte le superfici piane) e lucide (gli smussi) che regalano all’insieme un piacevole gioco di luci, sono due le cose che ti colpiscono subito: il prezioso Continua a leggere

Chopard Mille Miglia Classic Chronograph Zagato 100th Anniversary Edition

Chopard Mille Miglia Classic Chronograph Zagato 100th Anniversary Edition

Immagine 1 di 5

Con scala tachimetrica a sottolinearne lo stretto legame con l’universo della velocità, il cronografo rappresenta l’emblema per eccellenza di sportività. Spesso i luoghi comuni portano a considerarlo un segnatempo per soli uomini. Al contrario, noi pensiamo che il suo fascino sia trasversale e possa arricchire, senza risultare fuori luogo, sia polsi maschili che femminili. La donna, in grado di passare con nonchalance da ballerine rasoterra al tanto amato e temuto killer tacco 12, crediamo possa anche alternare sofisticati orologi tutti brilli e pellami pregiati ai più sportivi in acciaio. Di recente sono rimasta conquistata dal Mille Miglia Classic Chronograph Zagato 100thAnniversary Edition, cronografo realizzato da Continua a leggere

GPHG 2017: i migliori orologi di quest’anno

Chopard L.U.C Full Strike

Immagine 1 di 25

 

Mercoledì scorso si è tenuta a Ginevra la 17° edizione del Grand Prix d’Horlogerie de Genève (GPHG), che ha assegnato i premi orologio dell’anno; sono stati 16 i vincitori, scelti da una preselezione di 72 segnatempo. Il premio più significativo, l’Aiguille d’Or 2017, è andato allo Chopard L.U.C Full Strike. La cerimonia ha visto assegnare gli altri premi a Zenith, Vacheron Constantin, Van Cleef e Arpels, Voutilainen, Ulysse Nardin, Tudor, Parmigiani, Longines, Greubel Forsey, Chanel e Bulgari. I 72 orologi selezionati per il GPHG 2017, così come i 15 vincitori, sono ancora al Musèe d’art et d’histoire (MAH) di Ginevra a far parte dell’esposizione dedicata all’arte orologeria contemporanea, dove resteranno fino al 15 novembre, per poi spostarsi alla terza Dubai Watch Week. Di seguito l’elenco degli orologi vincitori, che potete ammirare nella photogallery. 

 

Premio “Aiguille d’Or”: Chopard L.U.C Full Strike

Premio “Revival”: Longines Avigation BigEye

Premio donna: Chanel Première Camélia Skeleton

Premio donna “High-Mech”: Van Cleef & Arpels, Lady Arpels Papillon Automate

Premio uomo: Bvlgari, Octo Finissimo Automatic

Premio cronografo: Parmigiani Fleurier, Tonda Chronor Anniversaire

Premio “Tourbillon and Escapement”: Bvlgari, Octo Finissimo Tourbillon Skeleton

Premio orologio con Calendario: Greubel Forsey QP à Équation

Premio orologio da viaggio: Parmigiani Fleurier, Toric Hemisphères Rétrograde

Premio orologio con meccanica eccezionale: Vacheron Constantin Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600

Premio “Petite Aiguille”: Tudor, Black Bay Chrono

Premio orologio sportivo: Ulysse Nardin Marine Regatta

Premio orologio gioiello: Chopard Lotus Blanc Watch

Premio orologio artistico: Voutilainen Aki-No-Kure

Premio Innovazione: Zenith Defy Lab

 

 

BASELWORLD 2014: Anteprima

Rolex GMT-Master II

Immagine 1 di 9

 

 

Anche quest’anno a Basilea si svolge il più importante salone mondiale dell’orologeria e della gioielleria. Da oggi al 3 aprile 2014, infatti,  apre i battenti Baselworld 2014 che, come ogni anno, attirerà oltre 150000 visitatori e 3500 rappresentanti dei media di tutto il mondo su una superficie di circa 140 mila metri quadrati. E noi ci saremo per vedere i più importanti brand del lusso e poi  mostrarvi in anteprima i modelli più innovativi. Un settore che non risente particolarmente della crisi internazionale, anzi cresce (il 2013 è stato un anno record: le esportazioni orologiere sono aumentate dell’1,9% annuo a 21,8 miliardi di franchi. E pure il 2014 è partito bene). Nelle prossime settimane perciò, rientrato dalla trasferta elvetica, vi illustrerò le novità più salienti dei marchi più significativi (ben 1400 espositori). Tra le tante, inizio ad anticiparvene (con le immagini nella fotogallery) qualcuna.

Continua a leggere

Vincitori del Grand Prix d’Horlogerie di Ginevra 2013

girard_perregaux_gp_close-up_cadran_93500_53_131_ba6c

Immagine 1 di 14

Girard-Perregaux Scappamento Costante L.M.

 

Anche quest’anno a metà novembre si è svolto il Grand Prix d’Horlogerie de Genève (GPHG), la manifestazione che, una volta visionate le ultime creazioni, premia gli orologi più belli del mondo. A questa manifestazione non partecipano tutti i grandi marchi di orologeria di lusso: mancano infatti tutti i marchi del Gruppo Swatch e altri singoli marchi quali Rolex (presente però con Tudor), Patek Philippe, Vacheron Constantin.

Creato nel 2001, ha previsto 70 orologi preselezionati che, attraverso una mostra itinerante in giro per il mondo partendo da Pechino il 11 ottobre, ha proseguito per Macao, Dubai sino a tornare a Ginevra dove sono stati esposti alla Cité du Temps dall’1 al 10 novembre. Continua a leggere