Audemars Piguet celebra Il 25° Anniversario del Royal Oak Offshore

Royal Oak Offshore Cronografo

 

Nel 2018 Audemars Piguet festeggerà il 25° anniversario del Royal Oak Offshore, lanciato nel 1993. All’evento pre-SIHH, la Maison orologiera svizzera presenterà tre nuove versioni del suo iconico orologio sportivo: una riedizione dell’originale Royal Oak Offshore Cronografo a carica automatica nonché un nuovissimo e bellissimo Continua a leggere

Royal Oak Offshore: i 6 nuovi cronografi esposti a Milano

Royal Oak Offshore

 

A Milano, da oggi al 13 aprile, vengono esposti ventuno Royal Oak Offshore che hanno fatto la storia di questo modello, insieme ai sei nuovi cronografi presentati lo scorso gennaio in occasione del Salone Internazionale dell’Alta Orologeria di Ginevra. L’esposizione si tiene all’interno dello splendido Palazzo Bagatti Valsecchi, nell’ambito della mostra Untold, curata da Rossana Orlandi. Esposizione che ho potuto ammirare in anteprima e che vi consiglio di metterla in agenda. Audemars Piguet dedica il 2014 al Royal Oak Offshore, un orologio che ha saputo mantenere lo stesso carattere innovativo, lungimirante e ribelle del modello che, nel 1993, rivoluzionò la tradizione prettamente conservativa dell’universo degli orologi di lusso.

Continua a leggere

Royal Oak Offshore LeBron James Limited Edition

roo-lbj_26210or-oo_-a109cr-01_soldier-2

Immagine 1 di 6

Royal Oak Offshore LeBron James

 

Audemars Piguet è particolarmente orgogliosa di essere a fianco del quattro volte MVP Lebron James, un nome familiare nel basket, un giocatore considerato tra i più talentuosi, forti ed esperti di tutti i tempi. Sin dagli esordi, Lebron si è impegnato non solo nel migliorare se stesso nello sport che lo ha reso celebre in tutto il mondo, ma anche la vita di tantissimi bambini, attraverso le iniziative solidali promosse dalla Lebron James Family Foundation. Per celebrare i suoi straordinari successi, Audemars Piguet ha realizzato un segnatempo in un’edizione limitata molto speciale: il Royal Oak Offshore Chronograph LeBron James. Continua a leggere

Intervista a Demetrio Albertini

 

Nato il 23.08.1971 a Besana in Brianza (MI), Demetrio Albertini è cresciuto calcisticamente nel Milan, vestendo la maglia rossonera ad eccezione della stagione 90/91 durante la quale non ancora ventenne, venne dirottato in prestito al Padova. Rientrato al Milan nella stagione successiva, Albertini convinse tecnici e critici assumendo la guida del centrocampo rossonero e vincendo numerosi trofei: cinque scudetti, tre Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale, tre Supercoppe Europee e 4 Supercoppe Italiane. Il suo bilancio in maglia rossonera è in totale di 295 presenze e 21 gol.

Ha giocato anche con l’Atletico Madrid, la Lazio, l’Atalanta, il Barcellona.

Con la Nazionale, nella quale ha militato dal 1991 al 2002, Albertini ha totalizzato 79 presenze e 3 reti.

Dopo il suo ritiro, attraverso l’Associazione Italiana Calciatori, intraprende la carriera dirigenziale. Nel giugno 2006, in seguito allo scandalo di Calciopoli ed alle successive dimissioni del Presidente in carica della FIGC, Franco Carraro, ed alla nomina di un commissario straordinario, Guido Rossi, è stato nominato vice commissario straordinario della FIGC. Dal 2007, con l’inizio della presidenza di Giancarlo Abete è diventato vice-presidente della Federcalcio. L’abbiamo intervistato.

 

D: Come e quando è nata la passione per gli orologi?

R.: “Non riesco a definirla del tutto una passione, è più un piacere di scegliere e indossare oggetti che soddisfino il mio gusto. Il mio rapporto con gli orologi nasce parallelamente alle mie affermazioni sportive: ad ogni vittoria con il Milan, infatti, ricevevamo un regalo dalla società per celebrare i nostri successi. Avendo vinto tanto, ho collezionato diversi orologi che in un certo senso hanno accompagnato la mia carriera. Poi ci sono anche quelli che ho acquistato…”.

Continua a leggere

Le nostre interviste: Andrea Stramaccioni

Oggi intervistiamo Andrea Stramaccioni, ex calciatore italiano e attuale allenatore dell’Inter.

 

D: Come e quando è nata la passione per gli orologi?

R: Ho sempre amato l’orologio come oggetto. Ma non come manifestazione di potere. Il mio primo da piccolo è stato uno Swatch blu.

 

D: Quando decide di comprare un orologio cosa ha più importanza: estetica, meccanica, marchio o altro? Continua a leggere