Audemars Piguet e il nuovo Royal Oak Offshore 42 mm

AUDEMARS PIGUET Royal Oak Offshore 42 mm in acciaio

Immagine 1 di 8

Audemars Piguet ha presentato una nuova evoluzione del Royal Oak Offshore originale del 1993 (progettato allora da Emmanuel Gueit), con tre modelli da 42 mm in acciaio, titanio o oro rosa 18 carati che, pur conservando l’essenza dell’orologio originale sono dotati dell’ultimo cronografo automatico con funzione flyback della Manifattura, del nuovo sistema di cinturini intercambiabili e, last but not least, di un design del quadrante leggermente rivisitato. Completa il tutto il ritorno del fondello in vetro zaffiro. Il nuovo cronografo integrato a carica automatica, il Calibro 4404, è dotato di ruota a colonne e funzione flyback che, a differenza di un normale cronografo, consente all’utente di arrestare, resettare e avviare il cronografo con una semplice azione. La ruota a colonne funziona in collaborazione con un sistema di accoppiamento verticale. Quando il cronografo viene avviato o arrestato, le lancette rispondono di conseguenza senza saltare. Inoltre, i pulsanti rendono più agevole la pressione da parte dell’utente. Un meccanismo di azzeramento brevettato garantisce che ciascuna delle lancette del contatore si azzeri istantaneamente. È anche possibile ammirare la massa oscillante dedicata in oro rosa 22 carati e le raffinate rifiniture del movimento realizzate a mano, tra cui “Côtes de Genève”, satinature e smussature lucidate.

Audemars Piguet aveva lanciato un modello precedente interamente realizzato in titanio nel 2004, ma è la prima volta che presenta un’evoluzione del segnatempo del 1993 con motivo “Petite Tapisserie” in oro rosa 18 carati. La cassa e il bracciale dei tre modelli sono stati rifiniti a mano con l’alternanza di smussature satinate e lucidate, tratto distintivo della Manifattura. Le referenze in acciaio e oro rosa sono impreziosite da pulsanti e corona in caucciù blu e da una guarnizione in caucciù blu che permette di sigillare la lunetta sulla cassa, mentre l’orologio in titanio mette in mostra una corona, una guarnizione e pulsanti tutti realizzati in caucciù nero. La variante in acciaio presenta l’iconico quadrante blu del Royal Oak Offshore del 1993, un colore denominato “Night Blue, Cloud 50” negli archivi della Manifattura. La referenza in oro rosa sfoggia il quadrante “Night Blue, Cloud 50” con contatori color oro rosa che richiamano il colore della preziosa cassa. Ultima ma non meno importante, la versione in titanio è caratterizzata da un quadrante grigio chiaro accentuato da contatori neri e da un réhaut nero. Sebbene i modelli abbiano mantenuto il contatore verticale del Royal Oak Offshore originale, i contatori delle ore e dei piccoli secondi sono stati invertiti: il contatore delle ore è ora posizionato a ore 12, mentre il contatore dei piccoli secondi appare a ore 6. Il contatore dei minuti, invece, è rimasto a ore 9. Inoltre, tutti i contatori sono ora equidistanti dal centro del quadrante per un maggiore impatto visivo. Con un richiamo all’orologio originale, le iniziali AP applicate in oro e la firma “Audemars Piguet” trasferita si trovano a ore 3. La finestrella della data è inoltre impreziosita da un vetro di ingrandimento integrato nel quadrante per ingrandire il numero della data (come nel modello originale del 1993). Come accennavo sopra, questi nuovi modelli sono dotati del nuovo sistema di cinturini intercambiabili della Manifattura, presentato per la prima volta su bracciali in metallo. Il sistema di intercambiabilità è stato integrato direttamente nella chiusura e nelle anse della cassa, in perfetta armonia con i codici estetici della cassa. La semplicità consentirà ai clienti di cambiare i bracciali e le chiusure del loro nuovo segnatempo da soli con un rapido clic, mentre il sistema a doppia pressione garantisce una sicurezza ottimale quando l’orologio viene indossato al polso.

Il bracciale in metallo può essere sostituito da un cinturino in caucciù per un look più sportivo poiché le ultime versioni da 42 mm sono dotate di un secondo cinturino intercambiabile in caucciù – blu per le versioni in acciaio e oro rosa; nero per quella in titanio. I tre modelli hanno un’impermeabilità di 100 metri se indossati con un cinturino in caucciù. La riserva di carica è di circa 70 ore (in grado perciò di “superare” la prova weekend: toglierlo il venerdì e rimetterlo il lunedì mattina). L’assortimento di cinturini intercambiabili 2021 per il Royal Oak Offshore da 42 mm include anche un cinturino in caucciù testurizzato azzurro e color cachi, oltre a un cinturino in pelle di vitello nera.

Janvier68

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *