Patek Philippe 5230: le Nuove Ore del Mondo

Patek Philippe Nuovo Ore del Mondo

Immagine 1 di 7

Fra gli orologi che hanno segnato la storia di Patek Philippe le ore del mondo hanno di sicuro un ruolo di spicco. Non di certo fra gli orologi più complicati o costosi della Casa,  hanno avuto, però,  sempre un posto speciale nel cuore dei collezionisti del marchio. Forse perché si tratta di una complicazione utile per chi viaggia o forse perché questa complicazione dona un fascino particolare al quadrante dell’orologio.
L’Ora Universale Patek Philippe (nota anche tra i collezionisti con il nome Worldtime) fa comunque parte da quasi ottant’anni degli orologi da polso complicati più ricercati della manifattura. Di recente l’indicazione uffici ale dei 24 luoghi che rappresentano i fusi orari ha subito importanti variazioni: il salone Baselworld 2016 diventa quindi il momento ideale per presentare il nuovo Patek Philippe Ora Universale Referenza 5230, che andrà a sostituire i modelli esistenti. E d è anche l’occasione di rivisitarne il design della cassa, del quadrante e delle lancette. La suddivisione del pianeta in 24 fusi orari che coprono ognuno 15 gradi di longitudine può sembrare facile sulla carta, ma la sua applicazione sul piano politico si rivela decisamente più complessa. Alcuni fusi orari sono definiti oggi da nuovi nomi di luoghi (Dubai sostituisce Riad e Brisbane sostituisce Nouméa, per citare solo due esempi). Dopo aver a lungo applicato l’ora UTC+4, Mosca si è avvicinata all’Europa occidentale adottando l’ora locale UTC+3. Continua a leggere

Eberhard Scafograf 300

Eberhard Scafograf 300

Immagine 1 di 5

Chi di mestiere fa il giornalista, dovrebbe cercare di essere il più imparziale possibile e dare le notizie con professionale distacco. Io non sono un giornalista, ma un appassionato che scrive da anni di orologi spinto solo dall’amore che ho per i segnatempo. Ogni passione, come tale, fa vedere le cose con i propri occhi e, a volte, si finisce con l’essere poco imparziali. Come con Eberhard, ad esempio. Il rapporto che ho con la loro proprietà, con il presidente e con tante persone che lavorano da loro è davvero unico. In un mondo fatto di numeri, precisione e immagine non è facile trovare persone come loro, credetemi.
Premesso questo vediamo di parlare di un modello molto ben riuscito che hanno presentato a Basilea. Ad ispirare Eberhard & Co. per la presentazione di una delle principali novità del 2016, è stato un tuffo nel proprio passato… Erano gli anni ’50 quando la Maison svizzera, da sempre incline alla ricerca tecnica e all’innovazione, decise di affrontare una delle sfide che da sempre ha affascinato l’uomo di ogni tempo, quella con il mare e i suoi profondi e misteriosi abissi. Il mare, oggetto di imprese e leggende, dall’orizzonte infinito, un mondo sommerso che non si finisce mai di scoprire la cui superficie però si congiunge con la vita dell’uomo. Erano gli anni in cui veniva pubblicato uno dei grandi capolavori di Hemingway – “Il vecchio e il mare” – che affrontava temi quali il coraggio e la tenacia dell’uomo di fronte alla natura – all’immensa massa azzurra nello specifico – e la sua fusione con essa. Erano gli anni in cui veniva presentata la collezione Scafograf di Eberhard & Co., pensata per un polso avventuroso e sportivo che ama condurre la propria vita con spirito dinamico. La collezione, arricchita negli anni seguenti, era composta da modelli in acciaio, impermeabili a 100, 200, 300, 400, 750 e 1.000 metri, con o senza lunetta girevole ed ore luminescenti. Continua a leggere

Rolex Cosmography Daytona: Standing Ovation

Rolex Cosmograph Daytona

Immagine 1 di 7

Amo gli orologi da cosi tanto tempo che neppure ricordo da quando; e ancora oggi rimango senza parole di fronte a certi segnatempo. Rolex è stato il mio primo amore ed ancora oggi mi emoziona. Negli anni è cambiata lentamente, rimanendo comunque fedele a se stessa. Ha da sempre prodotto orologi dalla linea semplice, robusti e da poter portare ogni giorno. Senza farne parola e senza farne pubblicità, ha anche migliorato ogni piccolo particolare tecnico: dai materiali usati alle chiusure sempre più sicure e precise, dai quadranti alle leghe di metallo. Una ricerca meticolosa che li rende sempre orologi eccezionali da usare ogni giorno.
Fra i vari modelli, il Daytona occupa un posto assolutamente di spicco. Un orologio iconico, un nome ormai leggendario, una forma conosciuta a tutti gli amanti degli orologi. E alla fiera di Baselworld, in atto in questi giorni, ha presentato una nuova versione che sta facendo parlare tutti gli appassionati.
Cosa c’è di cosi nuovo da far parlare cosi tanto? La referenza (116500LN), il quadrante e la ghiera che invece che essere in acciaio è in Cerachrom. Tutto qui? E la cassa? E’ la stessa. Ed il bracciale? Non cambia. Il movimento? Il medesimo. A questo punto vi starete chiedendo come mai allora io abbia usato un titolo cosi altisonante. Beh, è presto detto. Continua a leggere

Tissot T-Touch Expert Solar NBA Special Edition: un’accoppiata vincente

image

Per la Festa del papà, un orologio per quasi tutte le tasche.
Il segnatempo Tissot T-Touch Expert Solar NBA Special Edition è dedicato alla partnership più importante della storia di Tissot. In seguito all’annuncio di questa collaborazione rivoluzionaria, Tissot ha creato una collezione speciale che illustra alla perfezione l’essenza dell’NBA. Il Tissot T-Touch Expert Solar NBA Special Edition rispecchia la tecnologia all’avanguardia che Tissot introdurrà sul campo di gioco con questo cronometraggio innovativo e di precisione, grazie alle sue straordinarie funzioni tattili che includono, tra l’altro, una bussola, un altimetro e le previsioni del tempo, nonché al design che richiama il carattere sportivo e deciso dei grandi atleti.

Per valorizzare l’orologio in grande stile, Tissot ha creato una nuova edizione con cassa color oro. È inoltre disponibile una versione più discreta in tonalità grigio freddo. Continua a leggere

Bulgari Octo Finissimo Ripetizione Minuti

Octo Finissimo Ripetizione Minuti

Immagine 1 di 4

Proseguiamo con le novità da Baselworld 2016. E che novità! Dopo il tourbillon più sottile al mondo lanciato nel 2014, arriva il nuovo Bulgari Octo Finissimo Ripetizione Minuti, che si aggiudica il titolo di orologio più sottile sul mercato con questa complicazione. L’Octo non è un orologio come gli altri. Divenuto ormai uno degli modelli più emblematici di Bulgari, nel 2016 si propone in una nuova veste. Un nuovo record di concezione orologiera, con il tourbillon volante più sottile al mondo, un ultrapiatto scheletrato estremamente sottile la cui eccezionale lavorazione, associata alla declinazione contemporanea del colore nero, diventano gli elementi distintivi dell’intera collezione. Il modello Octo Finissimo Ripetizione Minuti va ad ampliare la famiglia degli orologi ultrapiatti sviluppati da Bulgari. Dopo il tourbillon e il movimento meccanico a carica manuale lanciati simultaneamente nel 2014, la Maison si aggiudica un nuovo record nell’universo dei segnatempo complicati incredibilmente sottili. La Ripetizione Minuti resta indubbiamente ad oggi una delle più complesse complicazioni di orologeria, appannaggio di una ristretta cerchia di marchi. La costruzione di un orologio a suoneria è infatti molto complicata e necessita di abilità orologiere specifiche per ottenere l’eccellenza sia del suono, che deve essere intenso e cristallino, che della cadenza, perfettamente uniforme e regolare quando ne viene azionato il meccanismo. Un risultato solo all’apparenza facile: questi parametri richiedono un savoir-faire raro e molto specifico e un’esperienza che soltanto pochissime maison e, al loro interno, pochi maestri orologiai possiedono.

Tutto questo però vale per i segnatempo a suoneria di dimensioni sufficienti da offrire un volume interno adeguato alla diffusione ottimale del suono nella cassa e, di conseguenza, una eccellente qualità acustica. Nel caso dell’Octo Finissimo Ripetizione Minuti, questi presupposti sono stati completamente stravolti poiché l’equazione iniziale consisteva nell’ottenere un suono perfetto nel volume più ridotto possibile! Il Calibro BVL 362 sviluppato e prodotto interamente in house vanta uno spessore di soli 3,12mm per uno spessore totale della cassa pari a 6,85mm. Continua a leggere

TAG Heuer Monza 1976-2016: 40 anni di storia

TAG Heuer Monza

Immagine 1 di 5

Oggi a Basilea si apre Baselworld 2016 (io ci andrò domani e dopo per vivere più da vicino le novità) e per l’occasione vi presento subito una bellissima anteprima, il TAG Heuer Monza 2016. Nel 1976, Jack Heuer, bisnipote del fondatore della Maison, disegnava un cronografo per celebrare il 1° titolo di campione del mondo di Niki Lauda con la Ferrari. La Maison orologiera svizzera era in quegli anni Cronometrista Ufficiale della Scuderia (dal 1971 al 1979). Ed è la prima volta che la scritta Monza compare sul quadrante di un orologio. Orologio molto diverso per l’epoca. La sua cassa coussin si ispira a un modello che risale al 1925. Un cronografo interamente nero, dotato di pulsometro (per misurare il battito cardiaco) e di scala tachimetrica (che converte il tempo in velocità), con lancette e contatori rossi per evocare il suo appeal racing. Divenne un successo immediato.

Oggi, in occasione di Baselworld 2016, un ritorno alle origini: la riedizione 2016 riprende le due funzioni chiave di questo orologio, con pulsometro e scala tachimetrica (come non era avvenuto per le precedenti riedizioni) esibendo lo stesso carattere originale. Ovviamente, la celebre cassa coussin originale è protagonista, anche oggi interamente nera, esattamente come nel modello storico, con lancette di ore e minuti laccate nere e bianche proprio come l’originale. Continua a leggere

Breitling Avenger Bandit

Breitling Avenger Bandit

Immagine 1 di 5

Questo fine settimana vi presento un gran bell’orologio decisamente maschile. Con la sua cassa in titanio di 45 mm, il cinturino «caucciù Military» e il movimento meccanico dalle prestazioni elevate, il nuovo Breitling Avenger Bandit incarna più che mai il mondo delle grandi imprese e delle missioni estreme. Il nuovo Avenger Bandit conferma la vocazione della marca per l’eccezionalità. La cassa robustissima e leggera di titanio, il metallo preferito dall’aeronautica, ha un diametro di 45 mm, esaltato dai rinforzi laterali di protezione. Le sue finiture satinate eliminano tutti i riflessi indesiderati. Sul quadrante grigio, con i contatori ton-sur-ton evidenziati da un sottile rilievo azzurro, spiccano le cifre «chablon» tipiche dell’aeronautica. Il loro rivestimento luminescente garantisce un’eccellente visibilità, come lo spesso vetro zaffiro, antiriflessi su entrambi i lati. Continua a leggere

Eberhard Extra-fort Grande Taille

EXTRA-FORT GRANDE TAILLE_31953 4_PR_CMYK

Eberhard Extra-fort Grande Taille

In vista del prossimo Salone Internazionale Baselworld 2016 (Salone che mi vedrà ovviamente presente per poi illustrarvi tutte le migliori novità), la Manifattura svizzera Eberhard & Co. ha pensato ad una nuova eleganza per la versione Grande Taille di uno dei suoi modelli più rappresentativi l’Extra-fort, cronografo dalla grande personalità ora proposto in nuove varianti di quadrante. Quattro sono i nuovi quadranti, tutti con lavorazione “frappé” e contatori “azuré”: argenté con contatori, argenté blu con contatori argento, grigio con contatori grigi e argenté con contatori neri

In tutte le varianti spiccano index e numeri romani applique. Le linee eleganti e armoniose rivelano una cassa in acciaio di 41 mm che custodisce un movimento cronografo meccanico a carica automatica. Impermeabile a 50 m, Extra-fort Grande Taille ha un fondo chiuso serrato da 6 viti ed è proposto con cinturino in alligatore o bracciale “Chalin” in acciaio.

Una proposta esclusiva per rendere omaggio ad una delle collezioni che ha fatto la storia della Maison.

Piaget Limelight Stella per l’8 Marzo

Piaget Limelight Stella

Immagine 1 di 4

8 Marzo, Festa della Donna, è giusto e doveroso proporvi un orologio femminile. Il Limelight Stella è il primo orologio con complicazioni dedicato alle donne interamente progettato e sviluppato da Piaget. La Manifattura, infatti, ha deciso di dotare questo orologio delle fasi lunari. La Luna è sempre stata simbolo di una femminilità senza tempo e Piaget la reinterpreta concentrandosi sull’estetica. Il Limelight Stella offre una misurazione del tempo completamente diversa che non si limita a mostrare l’ora ma indica anche le varie fasi lunari. Un complesso meccanismo permette di mostrare il ciclo lunare e, con lo scorrere dei giorni e delle notti, la fortunata donna che possiede questa creazione può seguire da una finestrella posta ad ore 12 la storia d’amore tra il Sole e la Luna che giocano a nascondino. Piaget conferma la propria maestria nell’ambito dell’Alta Orologeria dotando il Limelight Stella di una funzione di Luna astronomica che riproduce il ciclo lunare con un eccezionale grado di precisione. Le fasi lunari appaiono su un disco adornato con stelle e due lune comandato da una ruota a 135 denti. Laddove un meccanismo standard rimane indietro di un giorno ogni due anni e mezzo, questo sistema assicura che il Limelight Stella richiederà una correzione di un giorno solo dopo 122 anni!

Il nuovo movimento meccanico a carica automatica progettato, sviluppato e prodotto all’interno della Maison, è dotato di una riserva di carica di 42 ore; il Calibro 584P ha le funzioni ore e minuti, secondi centrali e fasi lunari ad ore 12. La stella appoggiata sulla lancetta dei secondi è un ulteriore tocco di eleganza di questo segnatempo con complicazioni capace di rappresentare in modo brillante la sottile transizione dal sole alla luna. Continua a leggere

Girard-Perregaux 1966 Squelette

Girard-Perregaux 1966 Squelette

Immagine 1 di 2

Il nuovissimo Girard-Perregaux 1966 Squelette, grazie ad un’impressionante lavorazione dei suoi componenti, tutti decorati a mano permette, con un solo sguardo, d’immergersi nel cuore del suo splendido calibro automatico. La struttura decorata del movimento a carica automatica di 13 lignes 1⁄4 (30,00 mm) dell’orologio 1966 invita alla contemplazione dei ponti e delle platine. in questa scenografia millimetrica, ruotismi, bascule, tiretti e altri componenti, generalmente invisibili, vengono svelati nel cuore delle aperture rivelandoli smussati e lucidati a mano dagli artigiani. Le lancette “feuille” sono, insieme al bilanciere, posizionate in modo perfetto ad ore 12. Continua a leggere