Omega e Eugene Cernan, “The Last Man on the Moon”

Il primo Speedmaster

Immagine 1 di 9

 

Da martedì 28 novembre e per i prossimi 5 anni, OMEGA è partner della nuova sezione interamente dedicata allo spazio e all’astronomia del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci di Milano. All’interno dell’area è esposto l’unico frammento di roccia lunare presente in Italia; il campione di roccia fu raccolto nel 1972 da Eugene Cernan, comandante della Missione Apollo 17 e brand ambassador di OMEGA che è stato l’ospite d’onore dell’evento. Fu proprio Cernan a raccogliere il sasso lunare donato poi dal Presidente Richard Nixon al Governo Italiano come segno di fratellanza tra i due Paesi. L’avventura di OMEGA nello spazio iniziò nel 1962 quando un gruppo di astronauti decise di acquistare privatamente un modello OMEGA che diventerà negli anni un vero e proprio cult. Il 21 Luglio 1969 poi, due astronauti della NASA per la prima volta nella storia dell’uomo misero piede sul suolo lunare con al polso un OMEGA Speedmaster. La NASA nel 1965 aveva tra l’altro dichiarato lo Speedmaster: FLIGHT QUALIFIED BY NASA FOR ALL MANNED SPACE MISSION.

“Siamo orgogliosi della partnership con il Museo Nazionale Della Scienza e Tecnologia Leonardo da Vinci, che è considerata l’istituzione più importante nel panorama scientifico e astronomico italiano” ha dichiarato il Presidente di OMEGA Stephen Urquhart “La relazione con il Museo contribuisce a rafforzare lo spirito pioneristico di OMEGA testimoniato dalla nostra partecipazione in così tante missioni spaziali, compresi i sei allunaggi. È per noi un onore condividere questo momento con un nostro caro amico, Eugene Cernan, ultimo uomo ad aver lasciato la sua impronta sul suolo lunare nel 1972 e ad aver giocato un ruolo così fondamentale nell’ esplorazioni dello spazio.” Continua a leggere

GaGà e il mondo femminile: il nuovo Manuale 35MM

image

GaGà Milano, brand orologiero da sempre sinonimo di creatività, colore ed eleganza, ha presentato il suo nuovo Manuale 35MM. La cassa, dallo spessore di soli 8 mm, è disponibile in acciaio o placcato oro rosa come il bracciale mentre il quadrante è proposto in più varianti: madreperla, laccato e sunray.

6021.02

Il Manuale 35MM, dotato di un movimento rigorosamente Swiss Made, con sfere in acciaio o oro rosa e numeri in differenti nuances di colori, è protetto da un vetro minerale ad alta resistenza. Correda il tutto la corona di carica posizionata a ore 12, marchio di fabbrica del brand e la particolare chiusura déployante ad ali di farfalla.

6020.02

Patek Philippe World Time Moon ref. 5575 e 7175: dalla Terra alla Luna in 24 ore

Patek Philippe World Time Moon

Immagine 1 di 6

 

Gli orologi Patek Philippe a Ora Universale sono tradizionalmente dotati di un quadrante con un motivo guilloché al centro oppure – particolare molto ricercato nelle vendite all’asta – un decoro policromo in smalto cloisonné. Mai prima d’ora Patek Philippe aveva rappresentato la Luna e i suoi mutevoli volti in dimensioni tanto generose e con tanto realismo. In omaggio al 175° anniversario della manifattura, il World Time Moon viene prodotto in edizione limitata a 1750 esemplari : 450 modelli per signora, ornati di diamanti (ref. 7175) e 1300 modelli da uomo di diametro leggermente superiore (ref. 5575). L’Ora Universale (World Time) Patek Philippe è stata lanciata negli anni 1930 e brevettata nel 1959. Grazie ai suoi due dischi girevoli situati alla periferia del quadrante, si possono leggere con un solo sguardo le ore dei 24 fusi orari. La divisione del mondo in 24 fusi orari, che rappresentano ciascuno 15° di longitudine, è stata adottata in occasione della Conferenza Internazionale dei Meridiani (1884) e da allora ha subito soltanto leggere modifiche. Continua a leggere

Tissot T-Touch Expert Solar

T-Touch Expert Solar

T-Touch Expert Solar

 

TISSOT è la prima Manifattura a realizzare un orologio dotato di tecnologia tattile a carica solare. Due tecnologie estremamente all’avanguardia per la prima volta in un unico orologio. Un segnatempo assolutamente innovativo sotto tutti gli aspetti: l’esposizione del quadrante alla luce del sole consente agli indici e alle lancette in Super-LumiNova® di caricare l’accumulatore dell’orologio che, a pieno regime, può essere utilizzato per un anno in stato di completa oscurità. L’accumulatore raggiunge la massima capacità dopo circa una settimana di esposizione, garantendo la perfetta attività di tutte le sue 20 funzioni, tra cui calendario perpetuo con indicazione del giorno e della settimana, due sveglie (una per i giorni feriali, l’altra per i week-end), due fusi orari, meteo con pressione relativa, altimetro con indicatore di dislivello, cronografo con opzioni lap e split e con funzione logbook, bussola, cronometro, azimut, funzione regata e retroilluminazione. Tissot T-Touch Expert Solar è di fatto l’orologio più completo che Tissot abbia mai realizzato ad oggi. Continua a leggere

Zenith El Primero Stratos Sprindrift Racing

 

Zenith El Primero Stratos Sprindrift Racing in acciaio

Immagine 1 di 5

 

 

 

Il 16 ottobre 2014, a Palazzo Serbelloni a Milano, Aldo Magada, CEO di Zenith, per la prima volta in Italia da quando è al timone di Zenith ha raggiunto una sessantina di invitati – clienti, giornalisti e amici del brand – per presentare in esclusiva in Italia, uno dei due orologi che racchiudono tutto il DNA del marchio con la stella: El Primero Stratos Sprindrift Racing. Il quadrante dell’El Primero Stratos Spindrift Racing presenta due particolarità.
La prima è l’apertura sullo scappamento, alle ore 10, che rende questo orologio il primo Stratos con tale caratteristica e consente di ammirare il cuore del calibro El Primero 4061 a carica automatica. La seconda si trova sulla superficie interna del réhaut, alle ore 12, con la dicitura “Spindrift racing”. È la scala tachimetrica che consente di calcolare la distanza di un fenomeno visibile e udibile. Continua a leggere

Patek Philippe Chiming Jump Hour. Un triplo salto in musica

Patek Philippe Chiming Jump Hour

Immagine 1 di 9

 

L’orologio commemorativo Patek Philippe Chiming Jump Hour ref. 5275 (celebrativo del 175° anniversario della manifattura) unisce tre indicazioni “saltanti” ad una suoneria che batte le ore piene in una cassa tonneau classica. Quando si osserva il passaggio del tempo sul Chiming Jump Hour, si nota subito la lancetta dei secondi che salta istantaneamente da un secondo all’altro sulla scala a binario. Altrimenti, tutto rimane immobile sul quadrante in oro decorato da un motivo floreale. Ma appena la lancetta dei secondi arriva sulla cifra 60, la lancetta dei minuti salta anch’essa istantaneamente sul minuto successivo. E, quando si arriva all’ora, l’indicazione digitale dell’ora a ore 12 salta anch’essa alla cifra successiva, in modo perfettamente sincronizzato con le lancette dei secondi e dei minuti. Inoltre l’orologio produce un piccolo segnale acustico che segnala l’ora nuova con un solo rintocco. Il Chiming Jump Hour ref. 5275 viene fabbricato in edizione limitata a 175 esemplari (come i 175 anni d’arte orologiera Patek Philippe). Le indicazioni saltanti sono complicazioni che esigono una grande tecnica e, credo, qualche parola sull’argomento. Continua a leggere

Patek Philippe Grandmaster Chime. Il gran maestro della suoneria

Patek Philippe Grandmaster Chime, referenza 5175

Immagine 1 di 12

 

Per celebrare il 175° anniversario della sua fondazione, Patek Philippe ha creato una collezione di orologi commemorativi in edizione limitata. Oggi vi presento quello che, non solo secondo me, è il più distintivo e incredibile. Il Grandmaster Chime infatti, è l’orologio da polso più complicato della manifattura ginevrina e certamente uno degli orologi da polso più complicati del mondo.

Questa sofisticatezza non riguarda soltanto il numero delle sue complicazioni, ma anche il tipo di funzioni, due delle quali sono delle grandi prime mondiali. Il Grandmaster Chime è, d’altro canto, il primo orologio da polso Patek Philippe con doppio quadrante che può essere indossato a scelta da un lato o dall’altro, mettendo così in valore le indicazioni orarie e le suonerie, come pure il calendario perpetuo istantaneo.
Questa praticità d’impiego è garantita da un ingegnoso meccanismo, collocato nelle anse del cinturino, che permette di ruotare la cassa e fissare l’orologio in modo del tutto sicuro nella posizione scelta. Le informazioni essenziali come l’ora, i minuti e la data appaiono su entrambi i quadranti. Per assicurare il massimo della sicurezza e facilità d’utilizzo Patek Philippe ha ideato dei meccanismi aggiuntivi intelligenti che escludono qualsiasi cattiva manipolazione e proteggono il movimento ultra complicato, costituito da innumerevoli piccoli componenti.
Il Patek Philippe Grandmaster Chime è un orologio da polso unico nel suo genere. La cassa con doppio quadrante di 47 mm di diametro racchiude – oltre a quattro bariletti – un totale di venti complicazioni, come la grande e piccola suoneria, la ripetizione minuti, il calendario perpetuo istantaneo con indicazione dell’anno a quattro cifre, un secondo fuso orario e due prime mondiali brevettate nel campo delle suonerie: una sveglia acustica che suona l’ora della sveglia ed una ripetizione della data che suona il giorno del calendario. Quattro ulteriori brevetti sottolineano l’aspetto innovatore di questo segnatempo. Il Grandmaster Chime è secondo me l’esempio della volontà di Patek Philippe di creare degli “orologi intelligenti”: per proteggere il movimento ultra complicato da qualsiasi danno causato da possibili cattive manipolazioni, i costruttori hanno sviluppato dei sistemi ingegnosi di “isolatori” che interrompono la trasmissione di energia fra i diversi meccanismi o bloccano certe funzioni per tutto il tempo durante il quale altre funzioni sono in azione. L’utilizzatore è inoltre guidato da scritte e simboli incisi sulla cassa e sui pulsanti che conferiscono a questa grande complicazione una estrema facilità d’utilizzo. La realizzazione di questi sette eccezionali segnatempo ha richiesto sforzi e mezzi tecnici considerevoli, con oltre 100.000 ore di lavoro per lo sviluppo, la fabbricazione e l’assemblaggio, di cui 60.000 per i componenti del movimento. Ogni calibro è composto da 1366 pezzi e ogni cassa da 214 pezzi, per un totale di 1580 pezzi per orologio, accuratamente rifiniti ed assemblati a mano. Vediamo più nel dettaglio alcune delle principali complicazioni.

Continua a leggere

Roger Dubuis Hommage Ripetizione Minuti Tourbillon Automatico

Roger Dubuis Hommage

Immagine 1 di 7

Come dice il nome stesso, la collezione Hommage (lanciata nel 1995, anno di fondazione della Manifattura) è stata ideata da Roger Dubuis, creatore e anima della Maison, come omaggio alle tradizioni storiche dell’orologeria. Oltre alla complicazione evidenziata nel nome stesso, che rappresenta (non solo per me) il massimo della sofisticatezza e della raffinatezza orologiere, il movimento dell’Hommage Ripetizione Minuti si fregia di altre due caratteristiche tecniche divenute firma inconfondibile di Roger Dubuis: la carica automatica mediante un particolare microrotore (qui interpretato in versione oro rosa con un delicato decoro guilloché realizzato a mano), che assicura un’esecuzione ottimale dell’operazione di carica e rende l’estetica ancora più ricercata e il tourbillon volante all’interno di una nuova gabbia che garantisce inerzia ottimale, equilibrio e protezione contro gli urti. Come ogni singolo orologio prodotto dalla Manifattura, l’Hommage Ripetizione Minuti Tourbillon Automatico si fregia del Poinçon de Genève, che ne garantisce qualità e affidabilità eccezionali: a testimoniare l’importanza di questo marchio di qualità per la Manifattura ci sono le 328 ore di lavorazione, su un totale di 1.241, dedicate esclusivamente a rispettare i severi criteri del Poinçon de Genève.

Continua a leggere

Panerai Radiomir 3 Days GMT Oro Rosso

Radiomir 3 Days GMT Oro Rosso – 47mm

Immagine 1 di 2

 

 

Questo fine settimana vi presento la prima novità del W&Ws di Hong Kong da parte di Officine Panerai.

Si tratta del RADIOMIR 3 DAYS GMT ORO ROSSO – 47mm, una preziosa Special Edition in oro rosso del Radiomir. Un design semplice e lineare, fedele a quello del 1936, ma con un contenuto tecnico sofisticato, è una Special Edition che a parer mio offre la perfetta combinazione tra storia, design e tecnica. Dal punto di vista estetico, protagonista è l’armoniosa combinazione tra il blu intenso del quadrante e del cinturino in alligatore con la calda sfumatura dell’oro rosso 5Npt della cassa, una lega che deve la sua colorazione e la sua resistenza all’ossidazione ad un’elevata componente di rame unita ad una percentuale di platino.

Il design della cassa e del quadrante offrono l’inconfondibile semplicità e chiarezza di lettura di tutti gli orologi Panerai: la cassa ha le forme a cuscino tipiche del primo orologio creato nel 1936 da Officine Panerai per gli incursori della Regia Marina Italiana ed ha la misura storica di 47 mm di diametro; il quadrante, con struttura a sandwich e finitura satiné soleil, è animato solo da alcuni elementi di grande utilità come il classico contatore dei secondi a ore nove e il datario a ore tre. Continua a leggere

Orologeria Luigi Verga e Christie’s insieme per il 175° Anniversario Patek Philippe

Patek Philippe Boeing

Immagine 1 di 8

 

In occasione del 175mo anniversario di Patek Philippe, Christie’s ha riunito 100 straordinari orologi del prestigioso marchio, di cui 58 mai apparsi al pubblico, datati tra l’inizio del XIX secolo e la fine degli anni ’80, che andranno in asta il prossimo 9 novembre 2014 a Ginevra. Una asta tematica senza precedenti, che seguiremo per voi e che ha dato il via ad una serie di mostre itineranti tra Stati Uniti, Europa ed Asia, per consentire, anticipatamente alla data dell’asta, ad appassionati e collezionisti dell’orologeria di alta gamma di visionare questi capolavori.

Per la sua tappa europea, Christie’s ha scelto l’Orologeria Luigi Verga di Milano – dal 1947 autorevole punto di riferimento per i collezionisti e gli amanti dell’orologeria di alta gamma – che ieri ha avuto il piacere di allestire le sue vetrine presentando una selezione di sublimi e, in alcuni casi, rari segnatempo che, difficilmente, si riesce a vedere riuniti. Continua a leggere