LOCMAN con OISA 1937 al fianco di Andrea Bocelli Foundation

LOCMAN E OISA 1937 PER ANDREA BOCELLI FOUNDATION

Immagine 1 di 4

 

LOCMAN e OISA 1937, in occasione del lancio del primo orologio con movimento meccanico italiano, hanno scelto di supportare la mission dell’Andrea Bocelli Foundation per il nuovo progetto di ricostruzione post-sisma centro Italia del 2016. A partire dal 26 febbraio e fino al 10 marzo, il primo orologio, che monta proprio il movimento meccanico italiano, sarà battuto all’asta sul portale Charity Buzz (charitybuzz.com/locman) e l’intero ricavato sarà devoluto alla Fondazione che porta il nome del celebre tenore per finanziare il nuovo intervento di ricostruzione post-sisma del 2016 nel Centro Italia. L’orologio, unico esemplare, riporta sul quadrante smaltato il logo dell’Andrea Bocelli Foundation insieme al profilo del volto del Maestro. Con una cassa di 42 mm, il segnatempo presenta forme dinamiche ed ergonomiche con aperture laterali e sfoggia il movimento a carica manuale OISA 1937, visibile attraverso l’oblò in cristallo posizionato sul fondo. L’orologio è il risultato di anni di ricerca: l’orologio monta infatti il primo movimento italiano a carica manuale OISA 1937 calibro Cinque Ponti. OISA 1937 è il marchio storico fondato a Milano nel 1937 da Domenico Morezzi. “Non avere paura di non avere coraggio” era il motto di Morezzi che aprì lo storico laboratorio di OISA in Viale Regina Margherita prima, e in Corso Como 10 poi dove Morezzi e il suo staff arrivarono a produrre in house 10.000 movimenti meccanici al mese, tutti calibri originali per le case orologiere in Italia e in tutto il mondo. OISA rappresentò un’esperienza unica per l’industria dell’orologeria italiana e la sua eredità è stata riportata in auge da Carlo Boggio Ferraris, nipote di Morezzi, insieme ad altri nomi eccellenti dell’imprenditoria italiana che si presentano con un nuovo obiettivo: ridare vita all’orologeria meccanica Made in Italy. Un movimento meccanico a carica manuale OISA Calibro 29-50 Cinque Ponti con una lavorazione Cotes de Geneve fatta a mano sui ponti dotato di 19 rubini distribuiti sui ponti e sulla platina. La regolazione del tempo di questo movimento è di tipo “Masselottes”, ovvero avviene tramite dei contrappesi posti sul volantino del bilanciere- distinguendosi dalla classica racchetta di regolazione situata sul ponte del bilanciere. L’autonomia di carica dell’orologio è garantita 60 ore, con una tolleranza cronometrica giornaliera di +/- 5 secondi.

Janvier68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *