Rado HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer: novità di Basilea

Rado HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer nero

 

Da Rado mi sono sempre aspettato tecnologia e materiali hi-tech abbinati a un raffinato design. E infatti, anche quest’anno, a Basilea ho potuto ammirare una rentrée tra i modelli da uomo  della popolare collezione Rado HyperChrome:  il nuovo HyperChrome Ceramic Touch Dual Timer, dotato della tecnologia touch abbinata alla ceramica, lanciata l’anno scorso. E se l’estetica è una costante con Rado, le  nuove versioni rappresentano la prima serie di complicazioni basate sulla tecnologia touch.

Sottile e dotato dell’ormai celebre cassa monoblocco Rado, ha una complicazione semplice da usare che non necessita di corona. Le due lancette sul quadrante principale mostrano il tempo del fuso orario in cui vi trovate e le due lancette sul quadrante ausiliario a ore 6 indicano il secondo fuso orario. Continua a leggere

La storia delle grandi case di orologeria: il Gruppo Swatch

 

sc01_13_swatch_est-_1983_2_press_0

Immagine 1 di 8

Swatch Est. 1983

Oggi voglio raccontarvi qualcosa di uno dei più grandi gruppi al mondo legati all’orologeria: il Gruppo Swatch; proponendovi nella galleria fotografica (senza nulla togliere agli altri marchi del Gruppo) alcuni degli orologi Swatch oramai diventati vere e proprie icone.

 

Swatch Group ieri

Verso la metà degli anni ’70, l’industria orologiera svizzera è nel mezzo della peggiore crisi mai sperimentata sino a quel momento. Da un punto di vista tecnologico, la concorrenza giapponese viene surclassata nel 1979 con il lancio di “Delirium,” l’orologio da polso più sottile al mondo, dotato di un numero ridotto di componenti. Tuttavia, a determinare la ripresa del settore è la nascita di SMH, la Sociètè suisse de Microèlectronique et d’Horlogerie o Società svizzera di microelettronica e orologeria. La sua risposta alla crisi fu Swatch, un sottile segnatempo in plastica dotato di appena 51 componenti (al posto degli abituali 91 o più) in grado di unire qualità superiore a un prezzo decisamente accessibile. Sotto la leadership di Nicolas G. Hayek (1928-2010), Swatch Group ha raggiunto la sua fama mondiale di gemma dell’industria orologiera. All’inizio degli anni 1980, N. G. Hayek ha risollevato l’azienda da una crisi profonda. La sua leadership determinante è stata essenziale per il lancio del marchio Swatch nel 1983, trascinando nella sua scia lo sviluppo costante e il perfezionamento permanente dei marchi di Swatch Group. Continua a leggere

RADO HyperChrome UTC

Rado, con tre dei quattro nuovi modelli sportivi con cassa monoblocco in ceramica plasma e senza l’uso di alcun tipo di metallo, porta i materiali nuovamente al centro della scena.
La ceramica hi-tech al plasma crea una  suggestiva lucentezza metallica, ottenuta appunto senza l’utilizzo di alcun tipo di metallo. Il processo di carbocementazione del plasma è brevettato e costituisce un’esclusiva di Rado. I gas attivati a 20.000 ˚C sono in grado di modificare la composizione chimica della ceramica hi-tech senza alterarne le caratteristiche essenziali. Continua a leggere

Le Prove di Giorgione: Rado HyperChrome Court

Ho avuto l’occasione di provare al polso per qualche giorno il Rado HyperChrome Court. Ho provato, per imitare il fresco vincitore di Wimbledon Murray, la versione con dettagli verdi dedicata proprio a questo torneo.

E’ un orologio molto particolare. A prima vista ricorda molto gli orologi che si usano per lo sport (solitamente giapponesi): l’orologio, infatti, ha un bracciale in caucciù che combacia perfettamente con la cassa (cosi bene da parere quasi integrato). La  cassa è realizzata in ceramica hi-tech nero matt, resistente ai graffi e, da lontano, sembra anch’essa realizzata in plastica. Appena però si indossa si capisce che la qualità dei materiali è elevatissima. L’orologio è infatti robusto e resistente (cosi come suo meccanismo realizzato su base Valjoux 2894-2).

Rado è uno dei marchi che metto veramente a dura prova: è un’azienda che punta molto su materiali hi-tech di alta resistenza ed è quindi logico che io cerchi di capire se è realmente cosi. Tempo fa provai un True Thinline: e rimasi stupito dalla resistenza ai graffi. Alla consegna di questo orologio ho chiesto il permesso di usarlo in palestra, giocando a tennis e andando in spiaggia: permesso che mi è stato naturalmente accordato. Ebbene, nonostante lo abbia veramente strapazzato e qualche piccolo colpo lo abbia preso, l’orologio è ancora come quando mi è stato consegnato. Non un graffio, non un segno: nulla. Mi ha davvero impressionato. Il fondello è a vista ed è chiuso per mezzo di quattro viti: da qui spicca un rotore davvero ben realizzato in metallo brunito. Continua a leggere

RADO Cronometrista Ufficiale del Sony Open Tennis

RADO HyperChrome

Immagine 1 di 3

RADO HyperChrome

E’ tempo di tennis

Rado diventa il Cronometrista Ufficiale del Sony Open Tennis

Con l’intento di rafforzare il suo impegno nel mondo del tennis durante il 2013, la marca svizzera Rado rende noto che rivestirà il ruolo di Cronometrista Ufficiale per il Sony Open 2013 che si svolgerà a Miami, in Florida.

I sistemi ufficiali di cronometraggio saranno rappresentati da orologi a forma di Rado HyperChrome disposti sul campo e il Marchio doterà di cronometri anche le aree per il pubblico e il popolare ‘smash corner’, in cui gli appassionati potranno visualizzare la velocità dei colpi. Continua a leggere

Intervista al Presidente della Rado, Matthias Breschan

 

Inizierei chiedendole quali sono le sue esperienze prima di arrivare a Rado?

Subito prima di iniziare a lavorare per Rado ero presidente di Hamilton – un’altra delle brand che fanno parte del gruppo Swatch – dove ho lavorato per 7 anni.  Prima di Hamilton ho anche lavorato nel marketing e alle vendite per Swatch.

Quali sono le cose più significative che avete fatto recentemente per l’azienda?

Tutto ciò che ho realizzato per Rado è avvenuto in tempi recenti in quanto ho iniziato qui meno di due anni fa. I miglioramenti più importanti che abbiamo compiuto riguardano soprattutto la percezione della brand. Abbiamo fatto grandi passi avanti all’interno delle collezioni segnando per Rado e i suoi prodotti una nuova era senza però alterarne il DNA e senza  dimenticare mai il suo importante ruolo di pioniere  e leader nell’utilizzo dei materiali high-tech. Continua a leggere

Le prove di Giorgione: RADO True Thinline.

Premetto che non ho mai posseduto un Rado: questo malgrado il fatto io ne abbia sempre apprezzato la ricerca delle forme semplici e dei materiali di alta tecnologia. Tante volte ho seguito con attenzione dei loro modelli ma la scintilla non è mai scattata.

Poi settimana scorsa mi è arrivata una busta dalla Rado: e dentro vi ho trovato il Rado True Thinline. Nero, di un bel nero lucido. Tanto nero e dell’argento per indici e sfere. L’ho tolto dalla busta e mi sono detto: non mi fa impazzire, per fortuna si nota poco ed sottile (le prime impressioni a volte ingannano). Le prove sono prove però: accetto gli orologi che mi danno le case e, quindi, inizio test…

Continua a leggere