Tag Heuer Monza Flyback Chronometer

TAG Heuer Monza Flyback Chronometer

Immagine 2 di 3

   

Il TAG Heuer Monza, orologio leggendario e uno dei più iconici negli oltre 160 anni di storia di TAG Heuer, viene reintrodotto dalla manifattura in una nuova interpretazione in carbonio. Il nuovo cronometro flyback TAG Heuer Monza è un’edizione speciale che sfoggia una cassa da 42 mm, realizzata appunto in carbonio ultraleggero e resistente. Il quadrante nero, scheletrato, presenta una disposizione a due registri con un contatore cronografico in vetro zaffiro blu fumé traslucido a ore 3 e l’indicatore dei secondi permanenti a ore 6. A ore 9, il datario è di colore blu luminescente, la prima volta per TAG Heuer, mentre gli indici laccati blu e le lancette delle ore e dei minuti laccate bianche e nere sono arricchite dal rivestimento in SuperLumiNova®, per un’ottima leggibilità anche in condizioni di scarsa luminosità. Il cronometro flyback TAG Heuer Monza è alimentato dal Calibre Heuer 02 Flyback sviluppato internamente, un movimento cronografico certificato COSC. Il grande vantaggio della funzione flyback è la possibilità di azzerare il cronografo senza doverlo fermare, avvalendosi dei pulsanti neri in acciaio con trattamento DLC. Una caratteristica finora disponibile solo per il TAG Heuer Autavia e che permette un cronometraggio ancora più veloce e preciso. L’orologio offre tre funzioni essenziali per un pilota di corse nel bel mezzo della gara: un cronografo, una scala tachimetrica che indica la velocità media per un chilometro o un miglio di distanza, misurata grazie all’indicatore sul réhaut nero, e infine un cardiofrequenzimetro, per calcolare i battiti cardiaci al minuto. Questa funzione viene utilizzata basandosi sulla linea blu presente nella sezione in alto a destra del quadrante, calibrata sui 15 battiti al minuto. L’utente deve avviare il cronografo e contare 15 pulsazioni cardiache. Ottiene così il proprio risultato personale, una volta fermato il cronografo (il cardiofrequenzimetro va da un minimo di 60 a un massimo di 200 pulsazioni al minuto). I dettagli rossi sul quadrante, nello specifico le lancette dei sotto-contatori e il bordo del datario, poi, riportano al mondo delle corse; e, perché no, anche al battito del cuore, creando un elegante contrasto con lo sfondo nero del quadrante e della cassa oltre che con il blu acceso degli indici, della lancetta dei secondi e delle cuciture sul cinturino in tessuto appositamente concepito. L’Heuer Monza originale venne introdotto nel 1976 per celebrare la storica vittoria di Niki Lauda del 1975 nel campionato mondiale di Formula 1. Dopo un periodo difficile per la squadra, che non saliva sul podio dal 1964, la vittoria del 1975 fu incredibilmente significativa e Jack Heuer volle segnare la storica impresa con l’Heuer Monza. Curiosità magari non nota a tutti: l’orologio originariamente doveva chiamarsi «Modena», come la città natale della Ferrari, ma ci si rese presto conto della risonanza del nome della città che ospita il principale circuito italiano. La prima referenza 150.501 era alimentata dal Calibre 15, con i suoi caratteristici secondi continui a ore 10, successivamente completato da una versione alimentata dal Calibre 12 visto il clamoroso successo dell’orologio. Questo splendido cronografo, impermeabile fino a 100 metri, viene presentato in una confezione speciale e viene venduto esclusivamente nei punti vendita TAG Heuer, sui siti web per l’e-commerce del marchio e presso rivenditori selezionati.

Janvier68

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *