JAEGER-LECOULTRE presenta 2 nuovi modelli 101

Jaeger-LeCoultre Calibro 101 Snowdrop

Immagine 1 di 5

 

Oggi vi presento 2 nuovi orologi di Alta Gioielleria, coi quali Jaeger-LeCoultre mette in primo piano il suo celeberrimo Calibro 101. Originariamente ideato e sviluppato per gli orologi-gioiello e lanciato nel 1929 dalla Manifattura, il Calibro 101 ha rivoluzionato l’arte orologiera femminile con le sue dimensioni minime e la forma baguette. Il minuscolo calibro a carica manuale, lungo 14 mm, largo meno di 5 mm e del peso di appena un grammo, rimane ancora oggi il movimento meccanico più piccolo al mondo ed è anche uno dei movimenti Jaeger-LeCoultre più storici ancora in produzione. La Regina Elisabetta II ne indossò uno, regalatole dal Presidente francese, in occasione della sua incoronazione, nel 1953. Per i due nuovi segnatempo con diamanti incastonati, il team artistico della Manifattura ha prima disegnato le forme dei bracciali e lo stile dell’incastonatura delle gemme, e poi le casse e i movimenti nei design, mentre di solito il design di un orologio richiede l’approccio opposto, ovvero quello di iniziare con la cassa e poi creare bracciali o cinturini per completarlo. Entrambi i bracciali sono realizzati in oro rosa con diamanti incastonati. Vediamo i 2 orologi più nel dettaglio. Il primo prende spunto da un fiore, il bucaneve (Snowdrop): un cerchio di diamanti taglio poire racchiude il quadrante come a formare un fiore, mentre onde di diamanti ricalcano il motivo a petalo in perfetta simmetria lungo tutto il bracciale. Per i diamanti, i designer Jaeger-LeCoultre hanno scelto un’incastonatura a griffe, che riduce al minimo la presenza del metallo e consente alla luce di penetrare attraverso le pietre da ogni angolazione. Questa tecnica crea quasi l’impressione che i diamanti possano fluttuare sulla superficie del bracciale. Caratterizzato da 904 diamanti, 204 dei quali taglio poire e i rimanenti taglio brillante (per un totale di 20,9 carati), il lavoro di incastonatura da solo richiede 130 ore di lavoro da parte degli artigiani gioiellieri della Manifattura Jaeger-LeCoultre. Come si vede dal profilo, la struttura del bracciale è supportata da due fasce d’oro, ognuna delle quali presenta diamanti con incastonatura a grani – una tecnica lineare in cui piccoli grani d’oro emergono dalla superficie del metallo per fissare alla perfezione la pietra.

L’orologio Bangle, invece, è un’espressione di femminilità ancora più audace, ispirata alla delicata geometria dell’Art Déco e alle forme decise del Modernismo del XX secolo. Il bracciale è tempestato di 996 diamanti (per un totale di 19,7 carati), con dimensioni graduate per enfatizzare le splendide curve del design. Gli artigiani hanno unito le tecniche dell’incastonatura a griffe (144 diamanti) e a grani (852 diamanti) per enfatizzare l’effetto tridimensionale dei diamanti e ottimizzare il gioco di luci. File di diamanti con incastonatura a grani evidenziano le fasce d’oro che corrono lungo entrambi i lati del bracciale. Il bracciale non richiede l’uso di una fibbia, poiché si apre delicatamente con un semplice scatto da entrambi i lati.

Due parole sul Calibro 101, Invece di presentare tutti i suoi componenti su un un’unica platina, il Calibro 101 adottava la cosiddetta architettura “sovrapposta” su due livelli, sviluppata per la prima volta nel 1925 dalla Manifattura per il movimento Duoplan. Lo scappamento è posizionato su un piano, il bariletto e gli ingranaggi sull’atro, e la molla principale viene caricata tramite una corona piatta situata alla base della cassa. Nel corso degli anni, questo movimento ha beneficiato di numerosi miglioramenti per quanto riguarda i materiali e la lavorazione, ma le sue dimensioni e la struttura sono rimaste invariate. L’attuale movimento di quarta generazione, il Calibro 101/4, è formato da 98 componenti (contro i 78 del calibro originale), misura 14 mm x 4,8 mm, ha uno spessore di 3,4 mm (un volume di 0,2 cm3) e pesa appena un grammo. Il suo bilanciere oscilla alla frequenza di 21.600 alternanze all’ora (frequenza di 3 Hertz) e la molla principale offre una riserva di carica di 33 ore. A causa delle dimensioni estremamente ridotte, ogni componente deve essere realizzato su misura e appositamente regolato, il che rende ogni Calibro 101 unico. Solo pochi orologiai della Manifattura Jaeger-LeCoultre possiedono la maestria e le capacità necessarie per produrre e assemblare movimenti di dimensioni così microscopiche. Di conseguenza, ogni anno possono essere realizzate solo poche decine di esemplari.

Janvier68

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *