“1887”, il nuovo orologio di  EBERHARD & CO.

Eberhard & Co. 1887

Immagine 2 di 6

 

Oggi vi presento il nuovo orologio di Eberhard & Co. a carica manuale, che rende tributo alla data di fondazione della Maison. Nel 1887, quando la Maison svizzera venne fondata da Georges-Lucien Eberhard, La Chaux-de-Fonds era già la cittadina rappresentativa del cuore dell’orologeria svizzera nel mondo. Eberhard & Co. quest’anno è tornata alle proprie origini, ristabilendo la propria sede all’interno della Maison de l’Aigle. A celebrazione di questa svolta, Eberhard & Co. ha inaugurato il suo primo Museo, aperto al pubblico. E, a coronamento di queste celebrazioni, Eberhard presenta un nuovo calibro esclusivo, l’EB140, interamente prodotto per loro a La Chaux-de-Fonds, e il nuovo modello destinato a custodirlo al suo interno: l’Eberhard “1887”. Il calibro EB140 è un movimento a carica manuale (14’’’-28’800 A/h-18 rubini) dall’architettura esclusiva e dalle particolari specifiche tecniche e strutturali. Anche l’aspetto estetico rivela una cura minuziosa dei dettagli, in particolare a livello del ponte del bilanciere e del grande ponte dei ruotismi, contraddistinti da una lavorazione a vagues circulaires. Le viti sono azuré e le incisioni dorate. Si tratta di un orologio dalle linee equilibrate, con una cassa in acciaio del diametro di 41.80 mm con un quadrante declinato in due versioni con numeri ed indici dorati o rodiati. Il gusto è “rétro” grazie alla lavorazione “clou de Paris” ed al datario di forma trapezoidale già adottato da Eberhard & Co. in alcuni modelli storici. Il fondello in vetro zaffiro, permette di ammirare il calibro EB140. Una particolare attenzione è stata dedicata anche alla scelta dei cinturini, tra i quali, oltre ai tradizionali modelli in alligatore, sarà presentata una creazione inedita frutto di una collaborazione con il prestigioso cravattificio napoletano ULTURALE. Si tratta di un cinturino in seta Jacquard, in due differenti versioni abbinate ai due quadranti e prodotto in esclusiva per Eberhard & Co.

Stefano Genovesi 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *