OMEGA festeggia i suoi primi 125 anni

De Ville Trésor 125th Anniversary Edition

Immagine 6 di 6

Nel 1894, insieme all’invenzione del rivoluzionario calibro 19 linee “OMEGA”, nacque anche uno dei nomi più importanti dell’orologeria. E oggi, a 125 anni di distanza, l’azienda ha festeggiato l’anniversario a Bienne, in Svizzera, presso il Museo OMEGA. Prima di chiamarsi OMEGA, la prima manifattura dell’azienda era stata aperta nel 1848 da un giovane orologiaio, Louis Brandt. Quasi 50 anni dopo, nel 1894, i suoi due figli Louis-Paul e César, inventano un nuovo

movimento che cambia per sempre l’industria orologiera. Il loro innovativo e spettacolare calibro 19 linee introduceva anche la produzione in scala industriale. Era così avanzato che i fratelli decidono di chiamare il movimento “Omega”, come la lettera dell’alfabeto greco, a rappresentare il massimo traguardo, “l’ultima parola” nel campo del successo orologiero. Sulla scia di questo successo, nel 1903 l’azienda venne ribattezzata “OMEGA”.

Nel corso della serata (onorata anche dalla presenza dello chef Carlo Cracco che ha cucinato piatti “ad hoc” per gli invitati), OMEGA ha inoltre svelato due nuove creazioni orologiere. La prima è il De Ville Trésor 125th Anniversary Edition, con cassa in oro giallo 18K, cinturino in pelle bordeaux e quadrante in smalto rosso. Il fondello è impreziosito dal medaglione dell’anniversario e dall’incisione “damascata” originariamente usata in alcuni calibri 19 linee di OMEGA famosi negli Stati Uniti.

La seconda creazione svelata agli ospiti è stato il ritorno del Calibro 19 linee, riportato a nuova vita. Il marchio ha recuperato nelle sue casseforti diversi componenti dei movimenti originali, tra cui ponti, platine, scappamenti e la molla bimetallica del bilanciere. Componenti che saranno utilizzati dagli orologiai dell’Atelier Tourbillon di OMEGA per ricreare 19 nuovi movimenti. Il progetto però è rivolto anche all’evoluzione del 21° secolo, per questo il calibro 19 linee sarà aggiornato con alcune innovazioni come ad esempio il sistema svizzero di regolazione. In aggiunta i movimenti saranno impreziositi con una decorazione “damascata” e saranno alloggiati all’interno di un nuovo orologio da taschino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *