L’orologio da tasca di Gandhi

att00003

Immagine 2 di 5

Agli inizi del XX secolo, i primi orologi da tasca con sveglia a marchio Zenith si preparavano a scoprire il mondo. Ecco anche come uno di questi orologi è diventato un oggetto estremamente prezioso per uno dei più grandi maestri spirituali della nostra epoca: il Mahatma Gandhi.
Già dal 1915 la Manifattura Zenith aveva compreso l’importanza di realizzare orologi da tasca di piccole dimensioni, affidabili e ben rifiniti, perfetti per accompagnare i viaggiatori nei loro spostamenti; il marchio voleva soddisfare la crescente richiesta di un mercato in cerca di innovazioni, tenendo conto delle esigenze e delle difficoltà di chi affrontava lunghi viaggi senza però trascurare qualità e comfort. E la funzione sveglia rappresentava (e rappresenta tuttora) una delle complicazioni orologiere più affascinanti.
Pioniere per vocazione, Zenith ottenne un primo brevetto nel 1913 per un orologio sofisticato in cui era possibile impostare la sveglia mediante uno speciale dispositivo. Era la prima pietra miliare nell’ affascinante storia degli orologi da tasca lanciati nel 1915 e disponibili in varie versioni. Questi orologi da tasca si rivelarono molto funzionali: oltre alla funzione sveglia presentavano un coperchio con cerniera a ore 12 che, una volta aperto, fungeva da supporto, rendendo la suoneria più forte e udibile. Il suono è prodotto da un martelletto che batte su un timbro acustico, libero di oscillare all’ interno della cassa. 
Con questo modello Zenith offriva un orologio con sveglia praticamente perfetto, le cui dimensioni non superavano quelle di un classico orologio da tasca. 
Una suoneria leggendaria
All’inizio del XX secolo, il marchio Zenith, situato a Le Locle, iniziò ad espandersi nel panorama internazionale; a partire dal 1914, questi segnatempo vennero esportati fino in India.
Il nuovo orologio da tasca dotato di funzione sveglia fu pubblicizzato per la prima volta sui giornali indiani nel 1916. Indira Nehru, Primo Ministro indiano in carica dal 1966 al 1977, donò uno di questi segnatempo, un esemplare in argento sterling, all’amico Mahatma Gandhi.
Questi, che apprezzava puntualità e precisione, utilizzava l’orologio Zenith e la funzione sveglia quotidianamente, in particolare per le sue preghiere. Con suo grande rammarico, l’esemplare gli venne rubato in occasione di un viaggio in treno in direzione Kampur. Profondamente dispiaciuto per aver perso uno degli oggetti materiali che portava sempre con sé e che ritmavano il suo vissuto quotidiano, il 28 maggio 1947, due giorni dopo l’accaduto, scrisse in una nota: “Aveva anche un anello in radio, e un dispositivo per la sveglia. Era un regalo. Era uno Zenith.” (come riportato da Mahatma GANDHI, The Collected Work of Mahatma Gandhi, / [95]: Volume supplementare; 5: (Giugno 1900 – Dic. 25, 1947), Nuova Delhi)
Sei mesi dopo a Nuova Delhi, il ladro, che nel frattempo era venuto a conoscenza del grande dispiacere che aveva procurato a Gandhi, tormentato dal rimorso chiese di poterlo incontrare per restituirgli l’oggetto rubato e chiedergli perdono.
La saga dell’orologio continuò per molti anni, perché prima di morire Gandhi regalò l’orologio a sua nipote e assistente Abha Gandhi; l’esemplare finì poi tra le mani di collezionisti privati.
Questo eccezionale segnatempo ha conosciuto un destino davvero singolare; nel marzo 2009 la casa d’aste newyorchese Antiquorum Auctioneers ha messo in vendita, in un unico lotto, oggetti appartenuti a Gandhi: i famosi occhiali rotondi, una ciotola e un piatto, un orologio con funzione sveglia nonché i sandali in pelle. 
Questi oggetti, tutti fedeli compagni di Mahatma Gandhi, sono ora rientrati in patria, venduti alla cifra record di 1,8 milioni di dollari americani al miliardario indiano Vijay Mallya.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *