Rado HyperChrome 1816

Rado HyperChrome 1816 Black Ceramic

La Maison orologiera Rado arricchisce la sua collezione con l’HyperChrome 1616. Reinterpretazione della Collezione vintage Cape Horn di Rado, l’HyperChrome 1616 rende omaggio al quarto centenario della coraggiosa scoperta del promontorio sudamericano.

Nel 1616, infatti, due mercanti olandesi si spinsero oltre i limiti noti delle esplorazioni con la scoperta di Cape Horn, situato sulla punta estrema del Sud America, a conclusione di un’insidiosa navigazione fino a dove l’Atlantico incontra il Pacifico. Oggi, quattrocento anni dopo la scoperta dell’omonimo promontorio, Rado ripropone la Collezione vintage Cape Horn, presentata per la prima volta alla fine degli anni Sessanta, con un tocco innovativo che riflette l’ininterrotta ricerca della marca quanto a design e materiali inediti. L’HyperChrome 1616 è il più recente esempio della capacità di Rado di spingersi oltre i confini. Audace segnatempo sia per la forma, sia per la funzionalità, la sua cassa spigolosa e inconfondibile misura 46 mm ed è disponibile in due colori, nero o metallico, ciascuno dotato di un cinturino in pelle extra-largo. Ma dove il Rado HyperChrome 1616 eccelle più di tutto è nell’adozione di materiali leggeri e al contempo estremamente durevoli: la ceramica hi-tech, considerata il simbolo del brand, e il titanio con un esclusivo trattamento indurente che rappresenta una novità nella gamma dei materiali utilizzati da Rado.

Nonostante il suo aspetto massiccio, il segnatempo è sorprendentemente leggero in virtù di questi materiali: la ceramica hi-tech, innovazione di Rado che è allo stesso tempo più dura e più leggera dell’acciaio, e il titanio, altro materiale leggerissimo che la marca ha perfezionato con una modifica strutturale sulla superficie del metallo che supera di gran lunga un semplice strato di rivestimento. Conferendogli una durezza di 1.000 Vickers, il trattamento indurente rende il titanio cinque volte più resistente dell’acciaio da orologeria con solo la metà del suo peso. Quale preferite dei 2 modelli?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *