Le Prove di Giorgione: Moser Monard Date.

Moser (il nome per esteso in realtà è H. Moser & Cie., dove H. sta per Heinrich che fu fondatore della Maison) è un marchio emergente apprezzato da chi ama gli orologi classici ben realizzati e semplici alla vista.

Personalmente li seguo da parecchio in quanto apprezzo molto, e lo sapete, gli orologi di facile leggibilità. La chiarezza fa parte del DNA di Moser e lo si vede chiaramente dall’orologio che ho in prova o guardando la collezione di Moser. Questa è stata la prima volta che ho avuto la possibilità di averne uno al polso per qualche giorno e l’orologio mi ha subito ben impressionato.

Innanzi tutto il modello che mi hanno dato (credo che mi leggano e conoscano i miei gusti) è realizzato in oro rosa con quadrante nero: la combinazione cromatica che preferisco in assoluto. La cassa è davvero ben realizzata. La forma rotonda della cassa è prevalente e le anse sembrano essere un prolungamento naturale della stessa: molto armoniose. La misura è di 40.8 mm e sta bene anche su un polso piccolo come il mio. Lo spessore è di 10.8 mm. Sui lati la cassa ha una splendida lavorazione: essa infatti ha due “scavature” lucide mentre la restante parte è satinata. La corona è leggermente rastremata e di giuste dimensioni. Il quadrante è molto ampio e semplice: con indici a bastoni in oro rosa applicati. Il marchio, riportato per esteso, è piuttosto grosso ma, stranamente, non appesantisce l’orologio e ci sta quasi bene. A ore 6 troviamo il datario che è molto grande rispetto a quelli soliti. Non solo:  la stessa cambia a scatto alla mezzanotte precisa. Il fondello è in zaffiro e fa vedere un movimento davvero ben realizzato. Inoltre sul meccanismo è presente l’indicazione  della riserva di carica: molto importante per un orologio con 7 giorni di riserva di carica (che ho testato e sono veritieri). Bello anche ardiglione che riporta la scritta HMC.

Una delle cose che mi ha colpito di più in questi giorni di prova è scoprire come alcune particolarità nascoste in questo orologio possano davvero avere una utilità nell’indossare l’orologio. I sette giorni di carica, ottenuti grazie alla presenza di due bariletti, sono davvero utili su di un orologio manuale. Ricordarsi quanti giorni sono passati non è sempre facile però. Ecco quindi venirci in aiuto l’indicazione della riserva di carica “nascosta” alla vista e posta sul movimento. La corona di carica ha un doppio scatto con una particolarità: estraendo la corona essa si posiziona su cambio data e, per cambiare ora, bisogna rilasciarla e ritirarla per portarla su cambio ora. Questo impedisce errori. Non solo:  quando estraiamo corona al primo scatto  il disco data e’ “staccato” dal movimento che continua a funzionare e permette quindi la regolazione in avanti e indietro senza problemi e senza intaccare la precisione di segnalazione dell’orario.

Al polso mi ha dato, fin dal primo giorno, quello di essere un compagno fedele, un orologio robusto e preciso. E’ un orologio non appariscente, semplice nelle linee e nelle forme e senza nessun vezzo.

Molti miei amici appassionati lo hanno notato in quanto, anche per il colore rosa/nero, attrae molto attenzione di appassionati e non. Molti non conoscevano il marchio ma si sono detti stupiti della qualità costruttiva e della cura del particolari. Ha una cassa cosi semplice nelle forme e ben realizzata che sta bene sia su polsi piccoli come il mio che su polsi importanti.

Il prezzo di 21.000 euro è in linea con qualità del prodotto, caratteristiche tecniche e materiali.

Concludo con scheda tecnica fornitami dalla casa.

MONARD DATE
REFERENZA N. 342.502-003
MOVIMENTO MOSER CAL. HMC 342.502
CARICA MANUALE CON AUTENTICI PIGNONI CONICI
DOPPIO BARILETTO
AUTONOMIA DI MARCIA DI ALMENO 7 GIORNI
DENTATURA MOSER PER RUOTE E PIGNONI
INDICAZIONE DELLA RISERVA DI CARICA SUL LATO DEL MOVIMENTO
GRANDE DATARIO
CORREZIONE DEL CALENDARIO IN AVANTI E INDIETRO TRAMITE LA CORONA, INDIPENDENTE DAL MOVIMENTO
MECCANISMO DOUBLE PULL CROWN
DISPOSITIVO DI ARRESTO DEI SECONDI
CHATON IN ORO AVVITATI
SCAPPAMENTO MOSER, INTERCAMBIABILE
SPIRALE STRAUMANN® ORIGINALE CON CURVA TERMINALE BREGUET STABILIZZATA ANCORA E RUOTA DELL’ANCORA IN ORO MASSICCIO TEMPRATO
QUADRANTE ARGENTATO O NERO CON FINITURA SOLEIL
CASSA ROTONDA TRIPARTITA IN ORO ROSA
VETRO IN ZAFFIRO LEGGERMENTE BOMBATO
FONDELLO TRASPARENTE IN ZAFFIRO
CINTURINO IN PELLE DI ALLIGATORE CON FIBBIA AD ARDIGLIONE IN ORO ROSA MASSICCIO

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

2 risposte a “Le Prove di Giorgione: Moser Monard Date.

  1. Orologio di gran classe. Stupendo,movimento eccezionalmente curato,quasi da commozione. Chi segue solo e unicamente la corona dovrebbe guardare un poco di piu’ dentro l’orologio.

    Andrea

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *