Patek Philippe e il nuovo ripetizione minuti

Patek Philippe Ripetizione minuti Ref. 5750

Immagine 1 di 6

 

Patek Philippe “Advanced Research”, con l’orologio ripetizione minuti Ref. 5750 appena presentato, ha sviluppato un sistema inedito di amplificazione del suono interamente meccanico. Grazie al modulo fortissimo “ff”, composto da una leva a rotazione flessibile e da un disco vibrante in cristallo di zaffiro trasparente, è possibile ottenere un volume sonoro decisamente superiore a quello di un ripetizione minuti tradizionale, indipendentemente dal materiale con cui è realizzata la cassa; il tutto senza pregiudicare l’acustica che rimane di altissima qualità. Il reparto Patek Philippe “Advanced Research”, creato nel 2005, ha la missione di condurre ricerche all’avanguardia nel campo dei nuovi materiali, delle tecnologie e dei principi di progettazione che aprono nuove prospettive nel settore dell’orologeria. Nel 2005, Patek Philippe “Advanced Research”, in linea con il suo spirito pionieristico, si è interessata alla tecnologia innovativa del Silinvar®, un derivato del silicio dalle caratteristiche rivoluzionarie in orologeria (insensibilità agli sbalzi di temperatura, leggerezza, assenza di lubrificazione, amagnetismo, ecc.). La manifattura ha, quindi, presentato la prima ruota di scappamento in Silinvar® (2005), seguita dalla spirale Spiromax® (2006), dallo scappamento Pulsomax® (2008), dall’organo regolatore Oscillomax® (2011) e da una versione ottimizzata della spirale Spiromax® (2017). Partendo dal celebre calibro automatico R 27, il movimento con cui Patek Philippe ha siglato il grande ritorno dei ripetizioni minuti nel 1989, gli ingegneri e i costruttori di Patek Philippe “Advanced Research” hanno studiato un sistema per amplificare il Continua a leggere

Patek Philippe “Advanced Research” presenta il nuovo ripetizione minuti

Patek Philippe Ripetizione minuti Ref. 5750

Immagine 1 di 6

 

Patek Philippe “Advanced Research”, con l’orologio ripetizione minuti Ref. 5750 appena presentato, ha sviluppato un sistema inedito di amplificazione del suono interamente meccanico. Grazie al modulo fortissimo “ff”, composto da una leva a rotazione flessibile e da un disco vibrante in cristallo di zaffiro trasparente, è possibile ottenere un volume sonoro decisamente superiore a quello di un ripetizione minuti tradizionale, indipendentemente dal materiale con cui è realizzata la cassa; il tutto senza pregiudicare l’acustica che rimane di altissima qualità. Il reparto Patek Philippe “Advanced Research”, creato nel 2005, ha la missione di condurre ricerche all’avanguardia nel campo dei nuovi materiali, delle tecnologie e dei principi di progettazione che aprono nuove prospettive nel settore dell’orologeria. Nel 2005, Patek Philippe “Advanced Research”, in linea con il suo spirito pionieristico, si è interessata alla tecnologia innovativa del Silinvar®, un derivato del silicio dalle caratteristiche rivoluzionarie in orologeria (insensibilità agli sbalzi di temperatura, leggerezza, assenza di lubrificazione, amagnetismo, ecc.). La manifattura ha, quindi, presentato la prima ruota di scappamento in Silinvar® (2005), seguita dalla spirale Spiromax® (2006), dallo scappamento Pulsomax® (2008), dall’organo regolatore Oscillomax® (2011) e da una versione ottimizzata della spirale Spiromax® (2017). La spirale Spiromax® in Silinvar® è stata, poi, inserita nella maggior parte dei movimenti della collezione corrente Patek Philippe. Partendo dal celebre calibro automatico R 27, il movimento con cui Patek Philippe ha siglato il grande ritorno dei ripetizioni minuti nel 1989, gli ingegneri e i costruttori di Patek Philippe “Advanced Research” hanno studiato un sistema per amplificare il Continua a leggere

Patek Philippe e le sue nuove Grandi Complicazioni

Patek Philippe Ripetizione minuti Ref. 5303

Immagine 1 di 9

 

Patek Philippe ha deciso di introdurre nella collezione corrente la prima Ripetizione Minuti con meccanismo di suoneria visibile lato quadrante, e contemporaneamente ha deciso di rivedere l’estetica di due dei suoi modelli di punta – il cronografo à rattrapante Ref. 5370 e il cronografo con calendario perpetuo Ref. 5270.  Nel 1839, anno di fondazione della maison, uno dei primi segnatempo realizzati dalla manifattura (oggi esposto al Patek Philippe Museum di Ginevra) è una ripetizione dei quarti. Per tutto il XIX secolo, Patek Philippe mantiene viva la propria passione per le Grandi Complicazioni. All’inizio del XX secolo, la manifattura presenta le sue “supercomplicazioni” da tasca, come gli orologi con suoneria e indicazioni astronomiche realizzati per i collezionisti statunitensi James Ward Packard e Henry Graves Junior. Patek Philippe si impegna contemporaneamente a miniaturizzare le Grandi Complicazioni affinché si possano indossare al polso, realizzando in particolare, nel 1925, il primo orologio da polso con calendario perpetuo che si conosca. Negli ultimi decenni del XX secolo, la manifattura eccelle nuovamente presentando due orologi da tasca senza precedenti, il Calibro 89 (33 complicazioni), che rimarrà per oltre venticinque anni l’orologio portatile più complicato del mondo, e lo Star Caliber 2000 (21 complicazioni). L’arte di miniaturizzare trova la sua massima espressione nel lancio, nel 2001, dell’orologio da polso Sky Moon Tourbillon (12 complicazioni), seguito nel 2014 dal Grandmaster Chime, l’orologio da polso Patek Philippe più Continua a leggere

Novità assoluta! Piaget Emperador Coussin Ripetizione Minuti.

 

Piaget Emperador Coussin Ripetizione Minuti

La nuova magnifica colonna sonora dell’arte orologiera

La più recente rappresentazione del virtuosismo di Piaget nel campo dei movimenti ultrapiatti che si rinnova sin dal 1957, l’Emperador Coussin Automatico Ripetizione Minuti segna un altro doppio record di sottigliezza nella sua categoria: 4,8mm per il calibro e 9,4mm per la cassa. Continua a leggere