H. Moser & Cie. e il suo Streamliner oro e nero

H. Moser & Cie. Streamliner oro rosso e nero Vantablack

Immagine 1 di 5

  

Dopo qualche settimana di latitanza, riprendo a presentarvi i nuovi orologi che in questi giorni le Manifatture stanno presentando. E la faccio partendo col botto. L’altro giorno, infatti, Edourad Meylan, CEO e proprietario del marchio indipendente di orologi H. Moser & Cie., mi ha fatto la graditissima sorpresa di chiamarmi per presentarmi in anteprima il nuovo Streamliner in oro rosso con tourbillon e quadrante in Vantablack. Esisteva già la versione in acciaio, come mi ha ricordato Meylan durante la nostra piacevole chiacchierata, ma ora la Manifattura ha deciso di anima con il suo calibro automatico con tourbillon volante, associandolo al Vantablack, un rivestimento innovativo proveniente dal campo dell’astrofisica e preso in prestito dall’industria aeronautica. Al fine di ottenere delle rifiniture di alta gamma in linea con la collezione Streamliner è necessario un lavoro di lucidatura e satinatura estremamente minuzioso. L’oro rosso 5N alterna la satinatura verticale e linee lucide, sublimando il quadrante in Vantablack di un nero assoluto. Il contrasto tra i due materiali è ulteriormente rafforzato dagli indici in oro rosso, veri inserti luminosi che si stagliano sulla superficie nerissima. Un prodigio tecnico che realizza H. Moser & Cie. posizionando gli indici attraverso la parte posteriore di modo che siano visibili o che scompaiano in determinate angolature sul Vantablack, materiale innovativo creato nel 2012 come mi ha ricordato sempre il CEO. Rivestimento ultranero, riconosciuto come la sostanza più scura che esista al mondo, il Vantablack è utilizzato in astrofisica all’interno dei telescopi, in ambito militare per il camouflage termico, al fine di accrescere la mimetica di alcuni equipaggiamenti, o nella sfera civile per la costruzione di pannelli solari. Questo materiale è composto da nano strutture di carbonio posizionate le une di fianco alle altre. Nel momento in cui un fotone entra in contatto con il Vantablack, la luce viene assorbita al 99,965%. Siccome l’occhio necessita di luce riflessa al fine di percepire ciò che si trova dinnanzi a lui, il Vantablack  viene avvertito come assenza di materia. H. Moser & Cie. ha dovuto costruire una struttura e sviluppare determinati processi al fine di poter lavorare questo materiale, perfettamente protetto una volta posizionato dietro al vetro zaffiro. Come se fluttuasse all’interno di un buco nero, il tourbillon volante un minuto posizionato a ore 6 anima questo segnatempo. Il calibro HMC 804 a carica automatica è munito di una doppia spirale sviluppata e prodotta in-house. Grazie a queste spirali concordanti, lo spostamento del punto di gravità subito da ciascuna molla al momento dell’espansione, viene corretto e l’effetto di frizione ridotto, migliorando significativamente la precisione. Un gran bell’orologio, insomma, 

Janvier68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *