Longines Ultra-Chron: la rinascita di un’icona ad alta frequenza

Longines Ultra-Chron

Immagine 2 di 6

  

Longines ha presentato un nuovo modello di segnatempo, il Longines Ultra-Chron, che si ispira al Longines Ultra-Chron Diver originale del 1968, ma con un nuovo movimento ad alta frequenza che gli garantisce un’altissima precisione. Nel 1968 Longines presentò l’Ultra-Chron Diver, il primo orologio subaqueo dotato di movimento ad alta frequenza. A quel tempo, Longines si era già affermata come manifattura pionieristica nell’ambito della tecnologia ad alta frequenza: già nel 1914, infatti, aveva realizzato il primo dispositivo di cronometraggio ad alta frequenza per misurare con precisione 1/10 di secondo, per poi sviluppare nel 1959 il primo movimento ad alta frequenza per orologio da polso. Il nuovo Longines Ultra-Chron è dotato di lunetta girevole unidirezionale, di fondo cassa e corona entrambi a vite, oltre ad una straordinaria leggibilità e a un’impermeabilità fino a 300 metri. La cassa in acciaio  di 43 mm di diametro, immediatamente riconoscibile per la forma coussin, è dotata di una lunetta subacquea con inserto in zaffiro ed elementi luminescenti. Sull’accattivante quadrante grainé nero si staglia la minuteria bianca che alterna indici a bastone rivestiti con Super-LumiNova® e applique rodiate. Il logo originale dell’Ultra-Chron impreziosisce il quadrante ed è inciso a rilievo sul fondo cassa. Il nuovo Longines Ultra-Chron possiede una lancetta dei minuti di un caratteristico rosso vivo che, alla stregua della lancetta dell’ora, è rivestita con Super-Lumi Nova® per una leggibilità ottimale. All’interno del nuovo Longines  Ultra-Chron  batte il calibro L836.6, un movimento ad alta frequenza realizzato in-house con 52 ore di riserva di carica. Un orologio è definito “ad alta frequenza” quando ospita un movimento la cui spirale oscilla a 36.000 alternanze l’ora (10 alternanze al secondo). Questi movimenti migliorano la precisione del cronometraggio. La precisione del Longines Ultra-Chron è stata attestata dalla certificazione  cronometro rilasciata da TIMELAB, un laboratorio di test indipendente con sede a Ginevra. Nell’ambito  del processo di qualifica il prodotto finito deve superare un periodo di prova di 15 giorni durante il quale il segnatempo è sottoposto a una serie di test a tre diverse temperature, 8 °C, 23 °C e 38 °C, a conferma del fatto che soddisfa i rigidi criteri di precisione. L’orologio è disponibile, a scelta, con cinturino in pelle o con bracciale in metallo ed è consegnato all’interno di uno speciale cofanetto contenente un cinturino NATO nero realizzato a partire da materiali riciclati. Che dire in conclusione: un gran bell’orologio!

Janvier68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *