Zannetti Zacharius 1982

ZANNETTI Zacharius 1982

Immagine 1 di 4

  

Un bellissimo racconto di Jules Verne ha guidato Zannetti nella realizzazione di un modello subacqueo dal disegno unico e assolutamente fuori dal comune. Nel racconto, ambientato a Ginevra nel medioevo, l’orologiaio più famoso della città era il vecchio mastro Zacharius, convinto di esser riuscito a padroneggiare il tempo avendo racchiuso una parte della propria anima in ogni pezzo da lui fabbricato. Ma un giorno tutti gli orologi si fermano all’improvviso l’uno dopo l’altro e per Zacharius sembra essere arrivata la fine del suo sogno di dominio… a meno che non riesca a trovare l’unico orologio ancora in funzione! Seguito dalla figlia Gérande e dall’apprendista Aubert, il vecchio costruttore di lancette percorse le solitudini alpine fino al castello di Andernatt, dove alla fine il tempo gli si mostrerà nei panni di un vecchietto dalle idee strampalate. La prima scelta importante per la realizzazione del Zacharius 1982, per Zannetti è stata quella del materiale: il bronzo. Questo materiale, composto essenzialmente da una lega di rame e stagno, ha un punto di fusione più basso rispetto all’acciaio e rispetto a questo ha una densità superiore in media del 10%. Particolare importante: sebbene il bronzo sia usualmente meno duro e meno resistente dell’acciaio, è però più elastico e più resistente alla corrosione, soprattutto da acqua di mare. Sul quadrante ritroviamo una grafica favolistica che ci riporta a Jules Verne: la griglia verticale, in smalto nero, incisa ancora una volta sul bronzo, riecheggia la presa d’aria di un sommergibile oppure la cabina di una mongolfiera. Le lancette ci portano nell’800, facendo riscoprire un’orologeria fatta di manualità e di pezzi unici. Nulla è stato lasciato al caso e tutto concorre a realizzare un subacqueo unico nel suo genere. L’orologio è un subacqueo semi-professionale con una cassa in bronzo di 42 mm e spessa 12 mm. Il fondello è in acciaio serrato a vite. La lunetta girevole bidirezionale in bronzo è graduata da 0 a 60. L’orologio monta un movimento svizzero meccanico a carica automatica, personalizzato per Zannetti. Completa il tutto un cinturino in pelle o in caucciù con chiusura ad ardiglione. La storia del marchio e della famiglia Zannetti coincidono dal 1982 quando Riccardo Zannetti, fondatore e inventore del brand, creò i primi segnatempo originali. Con un numero limitato di poche centinaia di esclusivi esemplari l’anno, Riccardo Zannetti firma una produzione di orologeria che combina savoir-faire tecnologico con le più pregiate tecniche decorative. Un rinomato servizio bespoke accoglie le richieste di collezionisti e appassionati da tutto il mondo: la creazione di ogni orologio Zannetti inizia sempre con il disegno del bozzetto, a matita, pastello e carboncino, per poi dar vita a segnatempo unici, nel segno della massima personalizzazione.

Janvier68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *