Baselworld 2014: cosa abbiamo visto

Breguet

Immagine 36 di 36

Il 3 aprile Baselworld 2014 ha chiuso i battenti, attirando anche quest’anno circa 150’000 partecipanti tra rappresentanti di aziende espositrici, acquirenti, giornalisti e visitatori; confermando il proprio status di più importante mercato ed evento di riferimento dell’industria mondiale dell’orologeria e della gioielleria. Anche quest’anno circa 1’500 espositori di 40 paesi hanno presentato le loro innovazioni e novità, con una ricaduta economica impressionante. Le esportazioni dell’industria orologiera svizzera, (il 95% è rappresentata a Baselworld), hanno toccato all’incirca 21,8 miliardi di franchi svizzeri nel 2013. Thierry Stern, CEO di Patek Philippe, ha definito il salone nel suo complesso “uno svolgimento molto omogeneo, un ambiente molto piacevole e una partecipazione eccellente della stampa.” Ha poi aggiunto: “Siamo presenti a Basilea dal 1931, trattandosi delle piattaforma più importante per incontrare tutti i nostri rivenditori, e certamente eccellente per i nostri partner mediatici.” A sottolineare l’importanza dell’esposizione, il CEO di Zenith, Jean-Frédéric Dufour ha dichiarato che “Baselworld è un evento annuale indispensabile che ci consente di incontrare i nostri clienti, partner e giornalisti in una location d’eccezione.” Stephane Linder, CEO di Tag Heuer, si è dimostrato entusiasta degli affari conclusi, arrivando a dichiarare “Un altro anno eccellente! Le vendite sono in linea con i nostri obiettivi, peraltro assai ambiziosi. In termini di volumi abbiamo già superato le vendite di Baselworld 2013 del 50%!”

Ma veniamo a noi. Ho potuto ammirare, nei 3 giorni di mia permanenza, tanti orologi e parecchi capolavori. Alcuni ve li ho già presentati nei giorni scorsi, molti di più ve li descriverò nelle settimane a venire. Per allietarvi il week-end, però, ho pensato di proporvi una carrellata di immagini, sia riferite alla Fiera in sé, sia ad alcuni degli orologi che più mi hanno colpito o che ho avuto modo di vedere da vicino o provare. Tra questi ovviamente il nuovo Rolex Sea-Dweller, l’Omega Dark Side of the Moon, il Graff The Hallucination (l’orologio più costoso della storia, 55 milioni di dollari grazie ai 110 carati di diamanti), i Bell & Ross, , il Devon Tread 1 e 2, il nuovo Zenith El Primero Lightweight, l’Hublot Tourbillon scheletrito presentatovi ieri, i nuovi Eberhard, lo straordinario Hamilton Khaki Takeoff, solo per citarne qualcuno!

La prossima edizione di Baselworld si terrà dal 19 al 26 marzo 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *