OMEGA De Ville Tourbillon anti-magnetico: svolta nell’orologeria

OMEGA De Ville Tourbillon

Immagine 1 di 7

 

Nel corso della sua storia, OMEGA ha già avuto modo di confrontarsi con la complicazione del Tourbillon. Complicazione che ha inserito nel nuovo, meraviglioso De Ville Tourbillon in edizione numerata. È il primo Tourbillon centrale a carica manuale certificato Master Chronometer, che gli assicura il più alto standard dell’industria per precisione e prestazioni: gli orologiai di OMEGA, infatti, hanno saputo creare una gabbia del tourbillon capace di ruotare anche sotto il campo magnetico di 15.000 gauss e hanno impostato la velocità del Tourbillon con una rivoluzione al minuto, permettendo la visualizzazione dei secondi essenziale per il raggiungimento della certificazione. Il calibro OMEGA Co-Axial Master Chronometer 2640 può essere ammirato attraverso il fondello in vetro zaffiro insieme alla riserva di carica, di 72 ore. I ponti e la platina centrale sono in Continua a leggere

Danilo Petta, Luxury & Watch Designer: intervista esclusiva per il TGCOM24

Danilo Petta

Immagine 1 di 6

 

Incontriamo Danilo Petta, luxury & watch designer orgogliosamente sardo. Una professione “dietro le quinte” alla continua ricerca del perfetto equilibrio tra estetica e meccanica senza mai dimenticare “i costi”. Attualmente è Chief Watch Designer di Purnell, marchio ginevrino di grandi complicazioni. Tra i progetti che sta seguendo per Purnell, vi è un nuovo orologio con un tre assi tourbillon ed un design ispirato al mondo automotive. Verrà presentato al prossimo Watches & Wonders (Ginevra, 25-29 aprile 2020).

Come è nata la sua passione per il mondo degli orologi? Ci racconta la sua storia?
Malgrado amassi gli orologi avvenne tutto per puro caso. Mentre studiavo all’università (prima allo IED, Interior Design)) e poi al Politecnico di Milano (Architettura Civile) conobbi un fornitore industriale legato all’alta orologeria. Realizzando per lui disegni tecnici di cinturini in caucciù riuscii a finanziarmi gli studi.

Quali dei progetti ai quali ha preso parte hanno poi visto “la luce” concretizzandosi?
Il primo, era il 2009, fu il Bulgari Serpenti Tubogas. Prendendo spunto dalla lavorazione dell’oro a doppio filo della Maison si decise di fare un nuovo orologio da donna di ‘’Forma’’ con il chiaro richiamo al Serpente. Vide la luce dopo 2 anni di lavoro nel Watches Design center di Roma coordinato da Fabrizio Buonamassa Stigliani. Poi alcuni lavori di quadranti come il Bulgari Bulgari 43mm power reserve e il modello Endurer in partnership con gli ‘’ all blacks’’ neozelandesi (il quadrante con il tattoo Maori per intenderci) intervallati da alcuni lavori di design sui bracciali/cinturini da uomo, poi due lavori per il marchio Jacob & Co tra i quali il modello Astronomia Sky ed il modello Astronoima Solar (entrambe grandi complicazioni).

Continua a leggere