NOMOS Glashütte Tetra 2020: quattro nuove versioni colori

NOMOS Glashütte Tetra 2020

Immagine 1 di 7

 

Amata immortale, Inno alla gioia, Scintilla divina e Fidelio. Questi sono i nomi delle quattro nuove versioni colorate dell’orologio femminile NOMOS Glashütte Tetra, il classico modello quadrato della manifattura Made in Germany. I colori inediti prescelti sono il rame (Tetra Scintilla divina), il verde oliva (Tetra Inno alla gioia), il turchese (Tetra Amata immortale) ed il blu scuro (Tetra Fidelio). I nomi di questi quattro orologi sono un diretto omaggio a Ludwig van Beethoven (nell’autunno di quest’anno verranno celebrati i 250 anni dalla nascita del genio compositore tedesco). La musica è una sequenza studiata di tempi, è emozione e sentimento che si rivela al pari di un’improvvisa ed inaspettata scintilla divina che sfocia in gioia, desiderio di fedeltà per una durata che, ci si augura, non conosca confini temporali. Ecco, potremmo proporre questo segnatempo a quelle donne che, pur nella loro metodica e saggia concretezza, amano differenziarsi osando forme e colori inconsueti per un orologio e sanno riconoscere quando si trovano di fronte a qualcosa di “diverso” che vale la pena di vivere e, in questo caso, di indossare al proprio polso.
La cassa quadrata dei NOMOS Glashütte Tetra 2020 (29,5mm x 29,5mm x 6,5mm) è realizzata in acciaio inox ed ospita al suo interno il calibro Alpha, un movimento meccanico di manifattura a carica manuale (platina tre quarti Glashütte, viti blu in acciaio temperato, superfici placcate rodio con rifinitura Glashütte e perlage NOMOS, corona di carica con finitura soleil, autonomia di marcia fino a 43 ore). Il meccanismo si può ammirare attraverso il fondello in vetro zaffiro fissato con quattro viti. Sui quattro quadranti, colorati e protetti da vetro zaffiro, spiccano lancette in oro. Impermeabile fino a 30 metri, l’orologio è abbinato ad un raffinato cinturino in pelle scamosciata di colore grigio con impunture tono su tono.

Silvia Bonfanti
The Classy Wrist

Nomos Glashutte Zürich Ore nel Mondo: prova al polso

Nomos Glashutte Zürich Ore nel Mondo

Immagine 1 di 12

Strana casa questa Nomos Glashutte. Se ne parla poco in Italia, non ha una grossa produzione ed è da ormai diventata 100% manifattura. Eppure produce orologi interessanti ad un prezzo altrettanto interessante. Oggi, pur essendo una casa piccola, usa calibri di manifattura su tutti i prodotti, il che è un’ottima cosa. In un mondo dove tutti cercano di stupire con forme strane e complicazioni poco utili Nomos si distingue per le sue linee pulite e per il design molto curato. Questo Zürich Ore nel Mondo non fa eccezione: un orologio di aspetto molto bello, con un quadrante di un Continua a leggere

Gran Premio dell’Orologeria 2018: i vincitori

Bovet 1822 Récital 22 Grand Récital

Immagine 1 di 29

Venerdì si è tenuta a Ginevra la 18° edizione del Grand Prix d’Horlogerie de Genève (GPHG), che premia alcuni tra i migliori orologi dell’anno;  16 i vincitori, scelti da una preselezione di decine di orologi. Il premio più significativo, l’Aiguille d’Or 2018, è andato al Bovet 1822 Récital 22 Grand Récital. La cerimonia ha visto assegnare gli altri premi a Akrivia, Vacheron Constantin, Van Cleef e Arpels, Singer Reimagined, Laurent Ferrier, Seiko, Habring2, Nomos Glashutte, Greubel Forsey, Konstantin Chaykin, Chanel, Hermès e Krayon. Il Premio Speciale della Giuria è andato a Jean-Claude Biver, Presidente onorario della divisione orologeria del Gruppo LVMH, Chairman di Hublot e Zenith. Di seguito l’elenco degli orologi vincitori, che potete ammirare nella photogallery. 

 

Premio Aiguille d’Or “Grand Prix GPH2018” : Bovet 1822 Récital 22 Grand Récital

Premio Revival: Vacheron Constantin, Historiques Triple calendrier 1942

Premio Innovazione: Krayon Everywhere Horizon

Premio Orologi Donna: Chanel Boy-friend Skeleton

Premio Orologi Donna Complicati: Van Cleef & Arpels Lady Arpels Planétarium

Premio Orologi Uomo: Akrivia, Chronomètre Contemporain

Premio Orologi Uomo Complicati: Laurent Ferrier Galet Annual Calendar School Piece

Premio Cronografo: Singer Reimagined, Singer Track1 Hong Kong Edition

Premio Cronometro: De Bethune, DB25 Starry Varius Chronomètre Tourbillon

Premio Eccellenza Meccanica: Greubel Forsey Grande Sonnerie

Premio Orologi Sportivi: Seiko Seiko Prospex 1968 Diver’s Re-creation

Premio Orologi Gioiello: Van Cleef & Arpels, Secret de Coccinelle

Premio Orologio Mestiere d’Arte: Hermès, Arceau Robe du soir

Premio Petite Aiguille: Habring2 Doppel-Felix

Premio Challenge: Nomos Glashütte Tangente neomatik 41 Update

Premio Audacità: Konstantin Chaykin Clown

NOMOS Glashütte Autobahn: prova al polso

NOMOS Glashütte Autobahn

Immagine 1 di 17

 

NOMOS Glashütte ha da poco lanciato Autobahn, un nuovo orologio per il nuovo calibro neomatik con datario. E io ho potuto provarlo in anteprima per voi. Diciamo subito che si tratta di un orologio (come da tradizione Nomos) dalle linee pulite e con rifiniture perfette. E’ un orologio automatico dotato appunto del nuovo calibro neomatik (il secondo calibro neomatik realizzato dalla Manifattura). E’ un orologio che da subito mi ha trasmesso un’idea di movimento: penso al quadrante, ad esempio, con le sue transizioni da una curva all’altra, attorno al bordo e nuovamente al di sotto del quadrante delle frazioni di secondo. Mi è piaciuto poi il riquadro allungato della data, posizionato in corrispondenza delle sei, che mostra tre giorni contemporaneamente: ieri, oggi e Continua a leggere