Esclusiva! AC Milan visita Jaeger-LeCoultre al SIHH 2013.

milan5

AC Milan visita Jaeger-LeCoultre al SIHH 2013

Massimiliano Allegri, Giampaolo Pazzini e Riccardo Montolivo hanno visitato Jaeger-LeCoultre al Salone Internazionale d’Alta Orologeria di Ginevra

Nell’anno celebrativo dei 180 anni della Manifattura svizzera, Jaeger-LeCoultre è lieta di accogliere al Salone Internazionale d’Alta Orologeria di Ginevra, il coach Massimiliano Allegri e i calciatori Giampaolo Pazzini e Riccardo Montolivo e mostrare loro, in anteprima, le nuove creazioni di alta orologeria della Maison.

La Manifattura Jaeger-LeCoultre. Dal 1833 gli inventori della Vallée de Joux

Principale attore della storia orologiera dal 1833, Jaeger-LeCoultre celebra oggi i suoi 180 anni. In un’epoca in cui l’orologeria svizzera era ancora strutturata in piccoli atelier a domicilio, Antoine LeCoultre e il figlio Elie decisero di riunire sotto uno stesso tetto i diversi mestieri dell’orologeria. LeCoultre & Cie divenne così la prima Manifattura della Vallée de Joux. Continua a leggere

Intervista a Demetrio Albertini

 

Nato il 23.08.1971 a Besana in Brianza (MI), Demetrio Albertini è cresciuto calcisticamente nel Milan, vestendo la maglia rossonera ad eccezione della stagione 90/91 durante la quale non ancora ventenne, venne dirottato in prestito al Padova. Rientrato al Milan nella stagione successiva, Albertini convinse tecnici e critici assumendo la guida del centrocampo rossonero e vincendo numerosi trofei: cinque scudetti, tre Coppe dei Campioni, una Coppa Intercontinentale, tre Supercoppe Europee e 4 Supercoppe Italiane. Il suo bilancio in maglia rossonera è in totale di 295 presenze e 21 gol.

Ha giocato anche con l’Atletico Madrid, la Lazio, l’Atalanta, il Barcellona.

Con la Nazionale, nella quale ha militato dal 1991 al 2002, Albertini ha totalizzato 79 presenze e 3 reti.

Dopo il suo ritiro, attraverso l’Associazione Italiana Calciatori, intraprende la carriera dirigenziale. Nel giugno 2006, in seguito allo scandalo di Calciopoli ed alle successive dimissioni del Presidente in carica della FIGC, Franco Carraro, ed alla nomina di un commissario straordinario, Guido Rossi, è stato nominato vice commissario straordinario della FIGC. Dal 2007, con l’inizio della presidenza di Giancarlo Abete è diventato vice-presidente della Federcalcio. L’abbiamo intervistato.

 

D: Come e quando è nata la passione per gli orologi?

R.: “Non riesco a definirla del tutto una passione, è più un piacere di scegliere e indossare oggetti che soddisfino il mio gusto. Il mio rapporto con gli orologi nasce parallelamente alle mie affermazioni sportive: ad ogni vittoria con il Milan, infatti, ricevevamo un regalo dalla società per celebrare i nostri successi. Avendo vinto tanto, ho collezionato diversi orologi che in un certo senso hanno accompagnato la mia carriera. Poi ci sono anche quelli che ho acquistato…”.

Continua a leggere