Un collezionista trova il Longines più antico finora conosciuto

Longines 183

Il brand orologiero svizzero ha scoperto di recente, grazie alle ricerche di un suo collezionista, il più antico orologio Longines noto fino ad ora. Il proprietario, un collezionista americano di origini giapponesi, si è recato presso la sede del brand per far autenticare il pezzo. Grazie al suo basso numero di serie – 183 – e alle indicazioni riportate sui registri in archivio, gelosamente custoditi, gli storici e gli orologiai del marchio hanno potuto certificare che questo orologio da tasca è stato prodotto nel 1867, l’anno in cui è stata creata la fabbrica Longines in sostituzione del laboratorio originale fondato nel 1832. Questo orologio da tasca in argento tipo “savonette” con movimento a carica meccanica è emblematico dei pezzi creati all’epoca da Longines. La clessidra alata, simbolo del brand sin dai suoi inizi, è incisa sul movimento e all’interno del coperchio, ornato all’esterno dall’incisione di due stemmi vuoti e da un motivo floreale. Questo orologio, che ha stupito gli specialisti per le sue condizioni e il suo corretto funzionamento, rappresenta un’importante scoperta per il brand orologiero svizzero.

Longines Conquest V.H.P. GMT Flash Setting: l’orologio dei viaggiatori

Longines Conquest V.H.P. GMT Flash Setting

 

La storia tra Longines e il quarzo inizia nel 1954, quando il marchio sviluppa un primo orologio al quarzo che stabilisce il record di precisione presso l’Osservatorio di Neuchâtel. La competenza tecnologica porta Longines a presentare, nel 1969, l’Ultra-Quartz, il primo movimento al quarzo previsto per essere montato negli orologi da polso. Il 1984 segna poi una svolta con la presentazione del calibro al quarzo ultra preciso inserito nel primo Conquest V.H.P. Oggi, la collezione Conquest V.H.P. “Very High Precision” si arricchisce di nuovi modelli GMT. Come è accaduto per le diverse declinazioni di questa gamma, il Conquest V.H.P. GMT Flash Setting racchiude un movimento esclusivo di ultima generazione che si distingue per la sua capacità di semplificare ogni aspetto della user experience: massima precisione (± 5 secondi l’anno), capacità di resettare le Continua a leggere

I migliori orologi del mondo per il Grand Prix d’Orologeria 2018

Tudor Black bay GMT

 

Questo weekend vi presento  i finalisti del Grand Prix d’Horlogerie de Genève 2018, la manifestazione che ogni anno premia alcuni tra gli orologi più belli del mondo. I premi verranno assegnati il 9 novembre a Ginevra.. Come ogni anno, una giuria internazionale assegnerà i 16 premi (uno per ciascuna categoria), tra cui il prestigioso “Aiguille d’Or” vinto l’anno scorso da Chopard L.U.C Full Strike. Creato nel 2001, il Grand Prix d’Horlogerie de Genève è Continua a leggere

Orologi per tutte le tasche: photogallery delle migliori novità di Baselworld 2018

Rolex GMT-Master II Pepsi

 

Come promesso qualche giorno fa, vi propongo una ricca photogallery con alcune delle più significative novità viste dal sottoscritto al recente Baselworld, tenutosi dal 22 al 27 marzo,  e che ha ospitato oltre 600 brand, fra i quali Rolex, Patek Philippe, TAG Heuer, Bvlgari, Hublot,, e i marchi del gruppo Swatch (Omega, Breguet, Longines, Hamilton, Tissot, Rado, ecc.). Qualche defezione illustre, come i player del lusso Hermès e Dior, che si aggiungono alle defezioni di Girard Perregaux, Ulysse Nardin e Louis Erard. Tra gli altri grandi brand che hanno detto addio a Basilea ci sono anche Eberhard & Co. e Movado. Giusto qualche riga sulle più significative novità, che via via nei prossimi giorni vi presenterò poi più dettagliatamente.

Rolex ha arricchito la sua gamma GMT-Master II con un nuovo modello in acciaio da 40 mm dotato di una lunetta girevole bidirezionale con disco Cerachrom graduato 24 ore bicolore in ceramica rossa e blu (Pepsi in gergo) e bracciale Jubilé.

Anche Tudor (Gruppo Rolex) ha presentato il suo GMT e, tra le altre novità, una splendida riedizione del Black Bay Fifty Eight.

Omega, Oltre ad uno splendido Speedmaster The Grey Side of the Moon,  ha proposto la riedizione di un modello lanciato 25 anni fa, il Seamaster Diver 300M ha cassa da 42 mm, valvola di scappamento dell’elio di forma conica, fondello dai bordi ondulati e bracciale integrato. Visibile dal fondello il movimento automatico certificato dall’Istituto Federale Svizzero di Metrologia (METAS).

TAG Heuer per festeggiare il 55mo anniversario della nascita dell’Heuer Carrera, TAG Heuer presenta il Carrera Chronographe Tourbillon Chronomètre Tête de Vipère, un’edizione limitata di 155 pezzi certificata dall’Osservatorio di Besançon. Realizzato in ceramica blu, questo cronografo automatico con tourbillon ha un diametro di 45 mm.

Bvlgari si riprende, dopo soli pochi mesi, il record di modello automatico più sottile al mondo con l’Octo Finissimo Tourbillon Automatic: 3,95 mm di spessore per questa cassa in titanio da 42 mm di diametro. Le novità ovviamente non finiscono qui, come avrete modo di scoprire guardando le foto.

Longines e i nuovi modelli sportivi della collezione Conquest V.H.P.

Longines Conquest V.H.P.

 

Longines e il quarzo hanno scritto una storia ricca di innovazioni. Nel 1954, ad esempio, il marchio sviluppò un primo orologio al quarzo che stabilì il record di precisione presso l’Osservatorio di Neuchâtel. Orologio poi inserito nel celebre Chronocinégines, uno strumento pionieristico nella storia del cronometraggio che fornisce ai giudici un filmato per permettergli di seguire il movimento degli atleti fino al momento in cui questi tagliano il traguardo. L’ambizione tecnologica porta Longines a presentare, nel 1969, l’Ultra-Quartz, il primo movimento al quarzo previsto per essere inserito negli orologi da polso. Il 1984 è un anno chiave per Longines nell’ambito dei progressi tecnologici con il calibro al quarzo inserito nel primo Conquest V.H.P., che ottiene a quei tempi il record di precisione. Sulla scia di questi successi storici, il marchio dalla clessidra alata presenta il nuovo Conquest V.H.P., oggi disponibile anche Continua a leggere

Longines presenta la nuova collezione Record

Longines Record

 

La collezione Record di Longines, tutta composta da modelli automatici, ha ottenuto la certificazione di “cronometro” dallo Swiss Official Chronometer Testing Institute (COSC); una prima volta per la maison di Saint-Imier. L’importante riconoscimento garantisce l’accuratezza e l’autenticità dei calibri di ogni singolo orologio della collezione, il cui movimento è migliorato da una spirale in silicio monocristallino con proprietà uniche.

La collezione è stata presentata accanto a una selezione di modelli vintage nella mostra Longines 185th Anniversary ospitata al Tempio Taimiao a Pechino il 18 e il 19 Novembre. L’esposizione, che comprende anche orologi del museo Longines di Saint-Imier, rappresenterà un omaggio alla rinomata storia del marchio Continua a leggere

GPHG 2017: i migliori orologi di quest’anno

Chopard L.U.C Full Strike

 

Mercoledì scorso si è tenuta a Ginevra la 17° edizione del Grand Prix d’Horlogerie de Genève (GPHG), che ha assegnato i premi orologio dell’anno; sono stati 16 i vincitori, scelti da una preselezione di 72 segnatempo. Il premio più significativo, l’Aiguille d’Or 2017, è andato allo Chopard L.U.C Full Strike. La cerimonia ha visto assegnare gli altri premi a Zenith, Vacheron Constantin, Van Cleef e Arpels, Voutilainen, Ulysse Nardin, Tudor, Parmigiani, Longines, Greubel Forsey, Chanel e Bulgari. I 72 orologi selezionati per il GPHG 2017, così come i 15 vincitori, sono ancora al Musèe d’art et d’histoire (MAH) di Ginevra a far parte dell’esposizione dedicata all’arte orologeria contemporanea, dove resteranno fino al 15 novembre, per poi spostarsi alla terza Dubai Watch Week. Di seguito l’elenco degli orologi vincitori, che potete ammirare nella photogallery. 

 

Premio “Aiguille d’Or”: Chopard L.U.C Full Strike

Premio “Revival”: Longines Avigation BigEye

Premio donna: Chanel Première Camélia Skeleton

Premio donna “High-Mech”: Van Cleef & Arpels, Lady Arpels Papillon Automate

Premio uomo: Bvlgari, Octo Finissimo Automatic

Premio cronografo: Parmigiani Fleurier, Tonda Chronor Anniversaire

Premio “Tourbillon and Escapement”: Bvlgari, Octo Finissimo Tourbillon Skeleton

Premio orologio con Calendario: Greubel Forsey QP à Équation

Premio orologio da viaggio: Parmigiani Fleurier, Toric Hemisphères Rétrograde

Premio orologio con meccanica eccezionale: Vacheron Constantin Les Cabinotiers Celestia Astronomical Grand Complication 3600

Premio “Petite Aiguille”: Tudor, Black Bay Chrono

Premio orologio sportivo: Ulysse Nardin Marine Regatta

Premio orologio gioiello: Chopard Lotus Blanc Watch

Premio orologio artistico: Voutilainen Aki-No-Kure

Premio Innovazione: Zenith Defy Lab

 

 

Longines e il nuovo Conquest Moonphase Ladies

Longines Conquest Moonphase

 

La bella collezione Conquest presentata nel 1954 è la linea sportiva di Longines per eccellenza. Oggi, il marchio l’arricchisce di nuovi modelli femminili con fasi lunari. Questi orologi riprendono fedelmente l’estetica essenziale della linea Conquest. Il nome della collezione Conquest è un richiamo allo spirito di conquista che animava i pionieri,. Oggi, il marchio completa l’offerta di modelli femminili proponendo un segnatempo dinamico e ad alte prestazioni, ma anche raffinato per la presenza delle fasi lunari. Il nuovo Conquest è l’orologio delle donne Continua a leggere

Longines Avigation BigEye: un bellissimo orologio da pilota

The Longines Avigation BigEye.

Longines ha deciso di riproporre all’interno della collezione Heritage The Longines Avigation BigEye. Un modello dal look deciso che sono sicuro piacerà sia agli appassionati di orologi vintage ricchi di storia, sia a chi è alla ricerca di un orologio dal carattere grintoso. The Longines Avigation BigEye s’ispira a un cronografo dall’estetica caratteristica della grande epoca dell’aviazione dei decenni passati.

The Longines Avigation BigEye.

Fedele allo spirito degli orologi da pilota, questo modello esibisce un quadrante estremamente leggibile (caratteristica oggigiorno non così scontata!) su cui risalta il contatore dei minuti e grandi pulsanti che permettono a chi lo indossa di utilizzare le funzioni con i guanti. La cassa di 41 mm di diametro del The Longines Avigation BigEye ospita il calibro con ruota a colonne L688 prodotto in esclusiva per Longines. Il quadrante nero semi brillante è impreziosito da numeri arabi rivestiti con SuperLuminova©, indica i piccoli secondi a ore 9 e un contatore 12 ore al 6. Il contatore dei 30 minuti a ore 3, di dimensioni maggiori, aggiunge un tocco di originalità e di estetica all’orologio. La riserva di carica è di circa 54 ore e l’impermeabilità di 3 Atm (30 metri). Il vetro è bombato con trattamento antiriflesso multistrato. Un’incisione speciale sul fondo e il cinturino in pelle marrone con fibbia completano questo esemplare dall’eleganza vintage, portabilissimo da qualsiasi polso (i 41mm di diametro, infatti, sono la misura perfetta).

Longines Lindbergh ad Angolo Orario: prova al polso

Longines Lindbergh ad angolo orario... al mare

 

Ho avuto modo di provare il Lindbergh ad Angolo Orario grazie alla Manifattura Longines. Il modello originale dell’orologio The Lindbergh Hour Angle Watch (questo il nome originale) è stato ideato da Charles Lindbergh come strumento di navigazione dei piloti durante il volo. Il 20 maggio e il 21 maggio 1927 Lindbergh, aviatore statunitense, compì la prima traversata aerea in solitario e senza scalo dell’Oceano Atlantico. L’aviatore, forte della sua esperienza nella difficoltà di determinare rapidamente la propria posizione durante il volo, si recò alla Longines per chiedere un orologio speciale in grado di aiutare i piloti nel determinare facilmente e velocemente a che longitudine si trovassero. Il risultato di questa collaborazione fu appunto il Longines Lindbergh; l’orologio venne soprannominato ‘orologio con angolo orario’ perché in grado di misurare direttamente a che angolo ci si trova rispetto al meridiano di Greenwich e quindi di determinare tramite questo metodo a che longitudine ci si trova. Continua a leggere