Orologi da uomo per Natale: alcune idee regalo

Patek Philippe Nautilus 5711

Immagine 1 di 16

 

Questo fine settimana vi suggerisco qualche idea regalo per farvi (o farvi fare) felici a Natale. Nella photo gallery, infatti, vi propongo modelli diversi per dimensioni, materiali utilizzati, movimento e prezzo.Vi invito comunque ad andare o sui siti della varie Manifatture, o nelle concessionarie delle vostre città per vedere dal vivo questi pezzi e altri che, magari, soddisfano di più le vostre esigenze.  

Orologi femminili per Natale: idee regalo

Hermes Cape Cod Chaine d'Ancre

Immagine 1 di 24

 

Anche oggi proviamo a consigliarvi qualche idea regalo per fare felice a Natale la vostra dolce metà. Nella photo gallery vi suggeriamo modelli diversi per dimensioni, materiali utilizzati, movimento e prezzo (che però preferiamo non scrivere). Ma è solo una piccolissima lista: sui siti delle varie Manifatture troverete di tutto e di più per rendere felici le donne che stanno al vostro fianco.

 

IWC Pilot’s Watches e lo Spitfire Club

IWC Pilot's Watches Timezoner Spitfire Edition The Longest Flight

Immagine 1 di 6

Qualche giorno fa, IWC Schaffhausen ha celebrato la presentazione dei nuovi Pilot’s Watches (che già avevo avuto modo, in parte, di presentarvi) dando il benvenuto ai suoi ospiti in un esclusivo Spitfire Club. Ospite d’eccezione Pierfrancesco Favino, grande estimatore dei Pilot’s Watches ed Ambassador di IWC da diversi anni. Noi ospiti abbiamo avuto la possibilità di ammirare la nuova collezione dei Pilot’s Watches e di conoscere i dettagli dell’impresa che compiranno i due piloti Steve Boultbee Brooks e Matt Jones a bordo di un aereo Spitfire, autentica icona dell’aviazione britannica. IWC sostiene infatti il progetto “Silver Spitfire – The Longest Flight” in qualità di sponsor principale, con Pierfrancesco Favino che Continua a leggere

IWC e le edizioni speciali Le Petit Prince

Pilot's Watch Perpetual Calendar Chronograph Edition "Le Petit Prince"

Immagine 1 di 7

Questo fine settimana vi presento 2 fantastici orologi che dedicati a un bellissimo e poetico romanzo, Il Piccolo Principe, scritto nel 1943 dallo scrittore (e pilota) Antoine de Saint-Exupéry. Gli orologi sono stati presentati al SIHH di Ginevra da IWC Schaffhausen per la collezione Pilot’s Watches. Il primo è il Big Pilot’s Watch Constant-Force Tourbillon Edition “Le Petit Prince” è il primo Pilot’s Watch di IWC con tourbillon a forza costante. Per la prima volta, la manifattura orologiera svizzera ha utilizzato l’oro duro per la cassa – una versione di oro rosso molto più dura e resistente all’usura. Nel Pilot’s Watch Perpetual Calendar Chronograph Edition “Le Petit Prince”, IWC presenta per la prima volta la combinazione di un calendario perpetuo con la funzione cronografo. Questi segnatempo, contraddistinti dal caratteristico quadrante blu notte, sono dedicati appunto al “Piccolo Principe”. I Big Pilot’s Watch Constant-Force Tourbillon Edition “Le Petit Prince” sono i primi Pilot’s Watch di IWC con tourbillon a Continua a leggere

IWC Pilot’s Watch Chronograph Spitfire alla Coppa Milano-Sanremo

 

IWC Pilot's Watch Chronograph Spitfire

Immagine 1 di 10

Ho avuto il piacere di essere invitato da IWC alla partenza dell’11ma  edizione della Coppa Milano Sanremo, che si è svolta questo fine settimana. È stata l’occasione per riportare sulle strade della storica gara di regolarità tre icone della Casa di Stoccarda: due 300 SL ‘Ali di gabbiano’ e una 190 SL. Le strade del Classic hanno offerto l’opportunità di far correre insieme tradizione e innovazione: due team, uno classico e uno contemporaneo, in anteprima assoluta per il mercato italiano, hanno infatti indossato i nuovi modelli IWC Pilot’s Watches, segnatempo ufficiali della sfida tra le due squadre. Orologi che ho avuto il piacere di indossare e provare anch’io. Tra quelli che ho provato, ho apprezzato soprattutto il crono. Analizziamolo più nel dettaglio. Il cronografo che ho provato ha la cassa in bronzo (oramai molto usato nell’orologeria), il quadrante verde oliva e le lancette dorate. È completato da un bel  cinturino in morbida pelle di vitello marrone. È tra l’altro il primo Pilot’s Chronograph con movimento della famiglia dei calibri 69000 e soprattutto con Continua a leggere

IWC e la nuova linea Pilot’s Watch Spitfire

IWC Pilot’s Watch Spitfire Chronograph

Immagine 1 di 15

Pochi giorni fa al SIHH di Ginevra ho potuto ammirare la nuova linea Spitfire della collezione Pilot’s Watches di IWC. Il design si ispira alle linee pure dell’orologio-strumento Mark 11, iconico orologio da navigazione prodotto a Schaffhausen (storica sede di IWC) per la Royal Air Force a partire dal 1948. Lo Spitfire, invece, è uno degli aerei più leggendari della storia dell’aviazione. La linea Spitfire è caratterizzata da due diversi design. Come mi ha spiegato il Direttore Creativo, “I colori dell’orologio, con la cassa in acciaio inossidabile, il quadrante nero e il cinturino in tessuto verde, ricordano l’abitacolo di uno Spitfire. La cassa in bronzo, i quadranti verde oliva e i cinturini in pelle di vitello marrone, invece, conferiscono unicità agli altri modelli. Nel tempo, il bronzo sviluppa una patina speciale. Lo Spitfire è inciso sul retro degli orologi con fondello pieno”. Vediamo più nel dettaglio i modelli di questa collezione. Vi segnalo che tutti i nuovi orologi Spitfire sono animati da movimenti di manifattura.

Il Big Pilot’s Watch Perpetual Calendar Spitfire presenta un calendario perpetuo ed è un’edizione limitata di 250 esemplari con cassa in bronzo, quadrante verde oliva, lancette dorate, cinturino in pelle di vitello marrone. Il calibro di manifattura IWC 52615 ha una riserva di carica di sette giorni. I robusti Continua a leggere

T Fondaco dei Tedeschi by DFS celebra il decimo anniversario di Masters of Time

Masters of Time - Jaquet Droz Petite Heure Minute

Immagine 1 di 21

 

Il Gruppo DFS, leader mondiale del travel retail di lusso, celebra nella sua sede veneziana, il bellissimo palazzo T Fondaco dei Tedeschi, il decimo anniversario di Masters of Time, evento mondiale dedicato agli orologi e ai gioielli più preziosi ed esclusivi, che mi vedrà presente. L’iniziativa, che si svolge ogni anno a dicembre a Macao, approda per la prima volta in Europa nel cinquecentesco edificio sul Canal Grande ristrutturato da Rem Koolhaas e sede, dal 2016, dell’esclusivo department store. Sono ben 75 i capolavori dell’alta orologeria e gioielleria selezionati da un team di esperti e firmati da 15 diversi marchi, esposti al pubblico all’interno di T Fondaco dei Tedeschi fino all’inizio di Continua a leggere

IWC Portugieser Yacht Club Chronograph

IWC Portugieser Yacht Club Chronograph

Immagine 1 di 3

 

La nuova edizione del Portugieser Yacht Club Chronograph, parte della collezione «Summer Edition» di IWC, è disponibile giusto in tempo per l’arrivo della bella stagione! Dotato di cassa in acciaio impermeabile, con un bellissimo quadrante blu e il cinturino in caucciù blu (come ho già avuto modo di scrivere, il blu nell’orologeria oramai fa tendenza), questo cronografo sportivo è il Continua a leggere

IWC e la Collezione per i 150 anni della Manifattura

IWC Portoghese Calendario Perpetuo Edition «150-YEARS»

Immagine 1 di 9

 

Quest’anno IWC Schaffhausen compie 150 anni. Per celebrare l’evento, al Salon International de la Haute Horlogerie (SIHH) di Ginevra (al quale sarò presente da stasera per poi aggiornarvi suo tutte le novità),  la Manifattura presenta una speciale collezione dell’anniversario, composta da ben 27 modelli in edizione limitata delle famiglie di orologi Portoghese, Portofino, Pilot’s Watches e Da Vinci! In questo contesto, inoltre, IWC propone per la prima volta un orologio da polso con indicazione digitale delle ore e dei minuti, ispirata a quella impiegata già nel 1884 per gli orologi da tasca Pallweber. Tutti i segnatempo sono accomunati da una particolare caratteristica estetica: i quadranti stampati bianchi o blu, realizzati con un complesso procedimento di laccatura a più strati e ispirati agli storici quadranti in smalto.

Un po’ di storia della Manifattura, prima di descrivervi i nuovi orologi. Nel 1868 il pioniere americano dell’orologeria Florentine Ariosto Jones fondò a Schaffhausen la «International Watch Company», con l’obiettivo di unire la competenza artigianale svizzera e i metodi di produzione statunitensi per produrre i migliori orologi da tasca dell’epoca. «Nell’anno dell’anniversario rievochiamo alcuni modelli iconici della storia della manifattura e li rivisitiamo all’insegna di un design unitario, di ispirazione classica, dando così vita a un’eccezionale collezione commemorativa», ha dichiarato Christoph Grainger-Herr, CEO di IWC Schaffhausen. Il leit-motiv della collezione sono i quadranti di colore bianco o blu. Il loro procedimento di fabbricazione è assai complesso: prima si applicano fino a dodici strati di lacca pregiata, poi la superficie viene lucidata e spazzolata e infine stampata più volte. I modelli con quadrante bianco sono dotati di lancette azzurrate, quelli con quadrante blu di lancette rodiate. L’abbinamento di quadrante stampato e lancette blu rievoca i primi orologi prodotti da IWC nel 1939. Tutti i segnatempo della collezione vengono presentati con cinturino in pelle di alligatore nero. Ogni modello è inoltre contrassegnato dal logo dell’anniversario «150 Years», in forma di medaglione o di incisione. Vediamone alcuni più nel dettaglio.

Uno dei pezzi più significativi della collezione dell’anniversario è il primo orologio da polso con indicazione digitale «a saltarello» mai prodotto da IWC. Si tratta di un particolare tipo di segnatempo che mostra le ore e i minuti a grandi cifre su dischi rotanti; nella versione da tasca, la manifattura lo aveva proposto già nel lontano 1884, quando quel tipo di indicazione del tempo rappresentava un’autentica rivoluzione. L’IWC Tribute to Pallweber Edition «150 Years» (ref. IW505002) è dotato di cassa in oro rosso 18 carati, quadrante bianco laccato, dischi indicatori bianchi e lancetta dei secondi azzurrata. Il modello è disponibile in edizione limitata di 250 esemplari. Come tributo al design degli storici orologi Pallweber, nonché al fondatore americano di IWC, F. A. Jones, le finestrelle dell’indicazione digitale sono contrassegnate con le diciture «Hours» e «Minutes». Per il calibro di manifattura IWC 94200, che muove l’originale segnatempo, i progettisti di Schaffhausen hanno messo a punto una soluzione inedita, in corso di brevetto: mentre negli storici orologi da tasca Pallweber i dischi dell’indicazione digitale venivano mossi da ruote dentate dotate di rientranze, in questo caso il disco dei minuti singoli viene fatto avanzare da un ruotismo separato provvisto di bariletto individuale. Un meccanismo di sblocco, collegato al ruotismo dell’orologio, lo sblocca e lo blocca nuovamente ogni 60 secondi. Ogni 10 minuti il disco dei minuti singoli fa avanzare di una posizione il disco delle decine e al 60° minuto anche l’anello delle ore passa alla cifra successiva. Grazie a questo sistema, la forza motrice del normale ruotismo dell’orologio non viene influenzata; è quindi possibile garantire un’elevata precisione di marcia e ben 60 ore di autonomia a carica completa.

Una posizione particolare nella collezione dell’anniversario spetta anche al Portoghese Constant-Force Tourbillon Edition «150 Years» (ref. IW590202). Prodotto in soli 15 esemplari, l’esclusivo segnatempo è dotato di cassa in platino, quadrante bianco laccato e lancette azzurrate. Il nuovo calibro di manifattura IWC 94805, a carica manuale con autonomia di marcia di 96 ore, riunisce per la prima volta un tourbillon a forza costante e un’indicazione semplice delle fasi lunari di altissima precisione (dovrà essere corretta di un giorno solo dopo 577,5 anni). Il meccanismo a forza costante brevettato trasmette impulsi assolutamente uniformi alla ruota dell’ancora. Insieme al tourbillon, che compensa gli influssi negativi della forza di gravità sul sistema oscillante dell’orologio, questa soluzione tecnica assicura un’elevatissima precisione.

Con il Portoghese Perpetual Calendar Tourbillon Edition «150 Years» (ref. IW504501) IWC riunisce per la prima volta su uno stesso quadrante il tourbillon e il calendario perpetuo. Lo spettacolare segnatempo, realizzato in soli 50 esemplari, è dotato di cassa in oro 18 carati, quadrante bianco laccato e lancette azzurrate. Al suo interno è racchiuso il nuovo calibro di manifattura IWC 51950, basato sul calibro base 51900 ma con l’aggiunta del calendario perpetuo. Per poter inserire a «ore 12» il sofisticato tourbillon, composto da 82 singoli componenti e del peso di soli 0,635 grammi, i progettisti di IWC hanno aperto l’anello di cambio del calendario, così da poter integrare la fase lunare nell’indicazione del mese, a «ore 6». La carica automatica con rotore in oro massiccio assicura un’autonomia di marcia di sette giorni.

Con questo elegante segnatempo IWC riprende la tradizione degli orologi-gioiello riccamente decorati prodotti dalla manifattura alla fine degli anni Ottanta e durante gli anni Novanta, come il celebre Lady Da Vinci in oro giallo con diamanti (ref. IW8435). Il Da Vinci Automatic Moon Phase 36 Edition «150 Years» (ref. IW459304), limitato a soli 50 esemplari, è dotato di cassa in oro rosso 18 carati, quadrante bianco laccato e lancette azzurrate. A «ore 12» è presente l’indicazione delle fasi lunari. La cassa e le anse mobili sono arricchite da diamanti di colore bianco puro, per un totale di 206 gemme del valore di 2,26 carati complessivi.

Nel Da Vinci Automatic Edition «150 Years» (ref. IW358102) con piccoli secondi a «ore 6» fa il suo debutto il nuovo calibro di manifattura IWC 82200. L’orologio è dotato di cassa in acciaio, quadrante blu laccato e lancette rodiate ed è disponibile in un’edizione limitata di 500 esemplari. Il calibro di manifattura IWC 82200 è un movimento automatico di nuova concezione, con sistema di ricarica Pellaton e autonomia di marcia di 60 ore. I componenti del sistema di ricarica più sottoposti a sollecitazioni, come i cricchetti o l’eccentrico, sono realizzati in pratica ceramica a prova di usura. Il rotore in versione scheletrata permette di osservare il movimento, decorato a perlage e Côtes de Genève.

 

IWC TRIBUTE TO PALLWEBER EDITION «150 YEARS»

CARATTERISTICHE

Movimento meccanico – Carica manuale – Grande indicazione digitale delle ore e dei minuti –

Piccoli secondi con dispositivo di arresto – Spirale Breguet – Fondello trasparente in vetro zaffiro – Medaglione dell’anniversario in oro 18 carati sul movimento – Edizione limitata di 250 esemplari

MOVIMENTO

Calibro di manifattura IWC 94200

Frequenza 28 800 A/h | 4 Hz

Rubini 50

Autonomia di marcia 60 ore

Carica manuale

OROLOGIO

Materiali cassa in oro rosso 18 carati, quadrante bianco laccato, indici e cifre

stampati in nero, lancetta dei secondi azzurrata, cinturino in pelle di

alligatore nero di Santoni

Vetro zaffiro, con accentuata bombatura, antiriflesso su entrambi i lati

Impermeabilità 3 bar

Diametro 45 mm

Spessore 12 mm

 

PORTUGIESER CONSTANT-FORCE TOURBILLON EDITION «150 YEARS»

CARATTERISTICHE

Movimento meccanico – Carica manuale – Indicazione della riserva di carica – Tourbillon con

meccanismo a forza costante integrato – Indicazione perpetua delle fasi lunari – Fondello trasparente in vetro zaffiro – Medaglione dell’anniversario in oro 18 carati sul movimento – Edizione limitata di 15 esemplari

MOVIMENTO

Calibro di manifattura IWC 94805

Frequenza 18 000 A/h | 2,5 Hz

Rubini 41

Autonomia di marcia 4 giorni (96 ore)

Carica manuale

OROLOGIO

Materiali cassa in platino, quadrante bianco laccato, indici e cifre stampati in nero, lancette azzurrate, cinturino in pelle di alligatore nero di Santoni

Vetro zaffiro, con accentuata bombatura, antiriflesso su entrambi i lati

Impermeabilità 3 bar

Diametro 46 mm

Spessore 13,5 mm

 

PORTUGIESER PERPETUAL CALENDAR TOURBILLON EDITION «150 YEARS»

CARATTERISTICHE

Movimento meccanico – Indicazione della riserva di carica – Calendario perpetuo con indicazione di data, giorno della settimana, mese, anno a quattro cifre e indicazione perpetua delle fasi lunari – Tourbillon a minuti volante a ore 12 – Spirale Breguet – Rotore in oro 18 carati con simbolo dell’anniversario – Fondello trasparente in vetro zaffiro – Edizione limitata di 50 esemplari

MOVIMENTO

Calibro di manifattura IWC 51950

Frequenza 19 800 A/h | 2,75 Hz

Rubini 54

Autonomia di marcia 7 giorni (168 ore)

Carica automatica

OROLOGIO

Materiali cassa in oro rosso 18 carati, quadrante bianco laccato, indici e cifre stampati in nero, lancette azzurrate, cinturino in pelle di alligatore nero di Santoni

Vetro zaffiro, con accentuata bombatura, antiriflesso su entrambi i lati

Impermeabilità 3 bar

Diametro 45 mm

Spessore 15,3 mm

 

DA VINCI AUTOMATICMOON PHASE 36 EDITION «150 YEARS»

CARATTERISTICHE

Movimento meccanico – Carica automatica – Secondi centrali con dispositivo di arresto – Indicazione delle fasi lunari – Incisione sul fondello raffigurante il simbolo dell’anniversario – Edizione limitata di 50 esemplari

MOVIMENTO

Calibro 35800

Frequenza 28 800 A/h | 4 Hz

Rubini 25

Autonomia di marcia 42 ore

Carica automatica

OROLOGIO

Materiali cassa in oro rosso 18 carati, 206 diamanti su cassa e anse, quadrante bianco laccato, indici e cifre stampati in nero, lancette azzurrate, cinturino in pelle di alligatore nero di Santoni

Vetro zaffiro, bombato, antiriflesso su entrambi i lati

Impermeabilità 3 bar

Diametro 36 mm

Spessore 11,7 mm

 

DA VINCI AUTOMATIC EDITION «150 YEARS»

CARATTERISTICHE

Movimento meccanico – Sistema di ricarica automatica Pellaton – Piccoli secondi con dispositivo di arresto – Rotore con simbolo dell’anniversario – Fondello trasparente in vetro zaffiro – Edizione limitata di 500 esemplari

MOVIMENTO

Calibro di manifattura IWC 82200

Frequenza 28 800 A/h | 4 Hz

Rubini 33

Autonomia di marcia 60 ore

Carica automatica

OROLOGIO

Materiali cassa in acciaio, quadrante blu laccato, indici e cifre stampati in bianco, lancette rodiate, cinturino in pelle di alligatore nero di Santoni

Vetro zaffiro, con accentuata bombatura, antiriflesso su entrambi i lati

Impermeabilità 3 bar

Diametro 40,4 mm

Spessore 12,1 mm

Pisa Orologeria: la boutique si rinnova. Intervistiamo Fabio Bertini

PISA OROLOGERIA

Immagine 1 di 6

Grande serata ieri per l’orologeria. 75 anni dopo l’apertura della prima bottega F.lli Pisa, infatti, e sempre nello stesso posto di allora (Via Verri a Milano), Pisa Orologeria ha inaugurato il nuovo flagship store. In uno spazio di 1200 metri quadrati, Antonio Vittorio Carena, progettista e art director del Gruppo Pisa, ha sviluppato una boutique da vivere in ogni suo spazio. La boutique è stata pensata come fosse un planetario dove le stelle, la Luna, il Sole e gli astri diventano gli spazi espositivi. Carena ha utilizzato figure simboliche come il labirinto (protagonista anche del rinnovato logo di Pisa) e il cerchio, che rappresenta il tempo infinito, ciclico e universale. Accoglie i visitatori una galleria di sei archi con pavimento in marmo nero e pietra d’Istria, dove sono rappresentate le fasi lunari. Una volta entrato, il visitatore ha accesso al Quadrante, al cui centro è raffigurato un Labirinto (il labirinto di Chartres) illuminato dall’alto. Il piano terra si sviluppa in nove spazi espositivi che ospitano i migliori brand dell’orologeria, mentre un altro spazio, il Satellite, è destinato ad accogliere altri marchi in modo meno convenzionale.

Una spettacolare scala in legno di mogano con al centro l’ascensore panoramico in vetro porta agli altri piani, all’ultimo dei quali si trova il Laboratorio, lo spazio destinato agli interventi sugli orologi: qui, per la prima volta, i clienti potranno confrontarsi con i tecnici specializzati, seguire l’intervento sul proprio orologio, scegliere i cinturini e richiedere qualsiasi tipo di assistenza. In occasione di questa inaugurazione, ho potuto intervistare un personaggio storico come Fabio Bertini, che oltre ad essere Consulente alla Direzione Generale e prima Amministratore Delegato di Pisa, è una delle persone più preparate nel panorama orologiero italiano e forse internazionale.

Iniziamo chiedendoti qualcosa su di te e sul tuo background… Sei sempre stato nel settore orologiero?

Fabio Bertini: Sì, sono sempre stato in questo settore. Ho iniziato nel 1970.

Veniamo all’Orologeria PISA. Raccontaci com’è nata…

FB: Le prime tracce di Pisa risalgono al 1940, quando nasce con Osvaldo per poi proseguire, nel dopo guerra, grazie all’ingresso di Ugo, uomo dalla visione lungimirante.

Quali sono le cose più significative che ha fatto nel recente passato PISA?

FB: Sicuramente l’apertura delle boutique Rolex e Patek Philippe, avvenimenti importanti e vantaggiosi per i marchi e per Pisa. Continua a leggere