Grand Prix d’Horlogerie de Genève 2015: gli orologi finalisti

Audemars Piguet Laptimer

Questo weekend vi presento i finalisti  del Grand Prix d’Horlogerie de Genève 2015, la manifestazione che ogni anno premia alcuni tra gli orologi più belli del mondo. I premi verranno assegnati il 29 ottobre a Ginevra.. Come ogni anno, una giuria internazionale ha assegnerà i 16 premi (uno per ciascuna categoria), tra cui il più prestigioso “Aiguille d’Or” vinto l’anno scorso da Breguet con il modello Classic Chronométrie.

Creato nel 2001 il Grand Prix d’Horlogerie de Genève è una manifestazione annuale volta a premiarel’eccellenza orologiera. Dall’edizione 2011 viene anche premiato con una borsa il miglior giovane studente presso la Scuola di Orologeria di Ginevra.

Di seguito i vincitori dell’anno scorso e nella photogallery sopra i finalisti di quest’anno perché anche voi possiate giudicarli.

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                      Premi GPHG 2014

“Aiguille d’Or” Grand Prix: Breguet, Classique Chronométrie

Ladies’ Watch: Blancpain, Women Off-centred Hour

Ladies’ High-Mech Watch: Christophe Claret, Margot

Men’s Watch: Urban  Jürgensen & Sonner, Central Second

Chronograph Watch: De Bethune, DB29 Maxichrono Tourbillon

Tourbillon Watch: Grönefeld, Parallax Tourbillon

Calendar Watch: A. Lange & Söhne, Richard Lange Perpetual Calendar “Terraluna”

Striking Watch: Hublot, Classic Fusion Cathedral Tourbillon Minute Repeater

Mechanical Exception: Urwerk, EMC

“Petite Aiguille”: Seiko, Grand Seiko Hi-Beat 36000 GMT

Sports Watch: Zenith, El Primero Lightweight

Jewellery Watch: Bulgari, Diva High Jewellery Emeralds

Artistic Crafts Watch: Voutilainen, Hisui

“Revival” Watch: Omega, Speedmaster “Dark Side Of The Moon”

Innovation Watch: Urwerk, EMC

Special Jury Prize:  Walter Lange