Girard-Perregaux Neo Bridges “Earth to Sky” Edition; prova al polso

 

Neo Bridges Automatique Titan “Earth to Sky” Edition

Immagine 1 di 8

Quest’anno, come ho già avuto modo di raccontarvi qualche mese fa presentandovi il 1866 Earth to Sky EditionGirard-Perregaux ha presentato una serie di segnatempo che, grazie a un gioco di tinte blu e nere, vira verso una dimensione astronomica. Dimensione ben rappresentata dallo splendido orologio che ho avuto modo di provare questa estate: il Neo Bridges “Earth to Sky” Edition. Questo orologio è anzitutto un’interpretazione capace di spettacolarizzare l’architettura di un movimento che ha più di 150 anni: il Neo Bridges Automatique Titan “Earth to Sky” Edition, infatti, riprende I codici costruttivi architettonici cari a Constant Girard, creatore Continua a leggere

Girard-Perregaux 1966 Blue Moon

Girard-Perregaux 1966 Blue Moon

Immagine 1 di 3

E così, nel bel mezzo della notte, risplende la luce, bianca e altera, della luna. Astro per eccellenza del sogno, delle fantasie e del mistero, questa fiaccola solitaria, sovrana assoluta delle tenebre, regna incontrastata sull’impero del silenzio e della pace attraendo da sempre sguardi e pensieri. Questo, e molto altro, ci porta alla mente il nuovo Girard-Perregaux 1966 Blue Moon. Mesi dopo essere stati conquistati dal Girard-Perregaux 1966 “Earth to Sky Edition”, modello presentato a Ginevra in occasione del SIHH 2019, il nostro sguardo è ora rimasto affascinato da questo nuovo segnatempo dal Continua a leggere

Girard-Perregaux Bridges Cosmos

Girard-Perregaux Bridges Cosmos

Immagine 1 di 4

Questo fine settimana provo a farvi dimenticare la neve e il tempo uggioso un po’ dovunque, presentandovi il capolavoro presentato da Girard-Perregaux in questi giorni: il Bridges Cosmos. E’ caratterizzato da due globi completi, celeste e terrestre, con i segni dello zodiaco che sfilano a turno, mentre la terra compie la sua rotazione quotidiana. E proprio come il cielo, l’orologio ha due volti: il giorno e la notte. Fulcro del tema “Earth to Sky” caro a Girard-Perregaux  quest’anno, questo orologio è dotato di tourbillon, mappa celeste e ore. Le sue complicazioni si riflettono su assi orizzontali e verticali con una disposizione ai quattro punti cardinali: a mezzogiorno le ore e i minuti decentrati, a ore 6 il tourbillon sotto un Continua a leggere

 Girard-Perregaux 1966 “Earth to Sky Edition”

 Girard-Perregaux 1966 “Earth to Sky Edition”

Immagine 1 di 3

Oggi vi presento quello che è stato uno dei più begli orologi che ho visto al recente SIHH di Ginevra, il 1966 “Earth to Sky Edition” di Girard-Perregaux, caratterizzato da un fantastico gioco di sfumature blu e nere. Perché blu e nere? Ve lo spiego! L’esosfera è l’ultimo strato dell’atmosfera terrestre. Nera com’è, tende a confondersi con lo spazio interplanetario. E come sulla linea di confine con il vuoto, il nero domina ampiamente questo classico rivisitato: la cassa d’acciaio micropallinato trattata DLC, il cinturino d’alligatore, il disco del datario. L’acqua rappresenta il 70 percento della superficie terrestre e si riflette nell’atmosfera. Il blu che riveste il quadrante delicatamente bombato è dunque un omaggio alla sottile pellicola che ha donato il soprannome al nostro pianeta. Anche le cuciture del cinturino d’alligatore sono ovviamente blu. La Manifattura Girard-Perregaux ha dotato questo modello di un movimento meccanico di Continua a leggere

I migliori orologi del mondo per il Grand Prix d’Orologeria 2018

Tudor Black bay GMT

Immagine 1 di 71

 

Questo weekend vi presento  i finalisti del Grand Prix d’Horlogerie de Genève 2018, la manifestazione che ogni anno premia alcuni tra gli orologi più belli del mondo. I premi verranno assegnati il 9 novembre a Ginevra.. Come ogni anno, una giuria internazionale assegnerà i 16 premi (uno per ciascuna categoria), tra cui il prestigioso “Aiguille d’Or” vinto l’anno scorso da Chopard L.U.C Full Strike. Creato nel 2001, il Grand Prix d’Horlogerie de Genève è Continua a leggere

Girard-Perregaux e la collezione 1966

Girard-Perregaux e la Collezione 1966

Immagine 1 di 2

 

La collezione 1966 di Girard-Perregaux, affondando le proprie radici in uno dei periodi più dinamici della manifattura Girard-Perregaux, tributa un omaggio a quest’epoca presentando due nuovi modelli automatici, ciascuno dei quali è dotato di un quadrante fumé e di una elegante cassa d’acciaio extra-piatta: il 1966 40 mm e il 1966 36 mm incastonato.

Fin dal 1791, Jean-François Bautte, orologiaio al quale risale l’origine della manifattura, fu uno dei primi grandi specialisti degli orologi extra-piatti; in seguito, Constant Girard Perregaux fece scalpore con il suo mitico Tourbillon sotto Tre Ponti d’Oro, premiato all’Esposizione Universale di Parigi nel 1889; in tempi più recenti, nel 2008, a lasciare il Continua a leggere

Girard-Perregaux lancia il Laureato Cronografo

Girard-Perregaux Laureato Cronografo

Immagine 1 di 8

 

Il Laureato, orologio iconico di Girard-Perregaux nato nel 1975, al SIHH di Ginevra ha aperto un capitolo nuovo della propria storia con l’introduzione del Laureato Cronografo. Il cronografo è proposto in acciaio o oro rosa, proposto in un diametro di cassa da 42 mm o 38 mm e declinato in tre colori di quadranti. Il Laureato Cronografo si distingue per la lunetta ottagonale lucida sovrapposta a una cassa integrata, cioè priva di anse, e per il bracciale metallico, prolungamento naturale della cassa, elemento di design originale a pieno titolo. E’ caratterizzato dalle grandi maglie satinate a forma di H e dai raccordi bombati e lucidi. Al SIHH di Ginevra, quando l’ho indossato, il bracciale ha dimostrato di possedere Continua a leggere

Girard-Perregaux e il Laureato Squelette

Girard-Perregaux Laureato Squelette

Immagine 1 di 5

 

Disegnato negli Anni 70 da un architetto milanese, il Laureato di Girard-Perregaux si è immediatamente affermato come icona dell’orologeria. L’ultima generazione del Laureato, lanciata nel 2016, si è arricchita quest’anno dello Squelette. Il bracciale metallico con l’alternanza delle superfici lucide e satinate, la cassa con le anse che sono parte integrante delle linee, la lunetta ottagonale lucida, inserita in un cerchio. Tutto suggerisce la ricerca delle proporzioni e dell’armonia. Il Laureato Squelette possiede un esterno e un interno in dialogo permanente. Il guscio è una cassa rigorosa con diametro di 42 mm e spessore di 10,88 mm, disponibile in acciaio o oro rosa 18ct con bracciale coordinato.  Continua a leggere

Girard-Perregaux Traveller Grande Data, Fasi di Luna e GMT

Girard-Perregaux Traveller Grande Data, Fasi di Luna e GMT

Immagine 1 di 6

Dopo le versioni in acciaio e in oro rosa, questa nuova versione del Traveller Grande Data, Fasi di Luna e GMT sfoggia per la prima volta un quadrante trasparente. La cassa tecnica ospita un movimento meccanico di Manifattura Girard-Perregaux, che offre appunto le funzioni di grande data, secondo fuso orario, fasi lunari e piccoli secondi.

L’ultima creazione della Manifattura Girard-Perregaux racchiude queste tre complicazioni orologiere in una cassa dalle dimensioni di 44 mm, anch’essa disponibile in acciaio o in oro rosa. Per la prima volta nella collezione Traveller, un quadrante in zaffiro grigio metallizzato rivela delicatamente lo spettacolo più affascinante a ore 12: il meccanismo della grande data, brevetto esclusivo di Girard-Perregaux. Un dispositivo sofisticato, composto da due dischi sovrapposti e integrato al calibro automatico GP03300. La sovrapposizione dei due dischi, fra cui quello delle unità in Folanorm trasparente dallo spessore di soli 0,10 mm, garantisce una visualizzazione estetica perfetta, celando ogni confine visibile fra i due dischi. La complicazione più importante sono le fasi lunari, realistica ma allo stesso tempo estremamente poetica e perfettamente indicata mediante un processo di metallizzazione. Continua a leggere

Girard-Perregaux Néo-Tourbillon con tre ponti, cassa in titanio a Baselworld 2015

Girard-Perregaux Neo Tourbillon DLC

Immagine 1 di 8

A volte alle fiere si gira per ore senza vedere grandi novità, nulla che entusiasmi. Poi ci si scontra con orologi come questo Girard-Perregaux Minute Repeater Tourbillon Gold Bridges e tutto cambia! Un pezzo del genere non può lasciare indifferenti: ci si trova di fronte ad un capolavoro che lascia davvero senza fiato e ti fa amare l’arte dell’orologeria. Girard-Perregaux non è nuova a capolavori del genere ma, ogni volta, l’emozione è diversa e non ci si riesce mai ad abituare.

Reinterpretazione di un movimento ideato da Girard-Perregaux nel XIX secolo, il Néo-Tourbillon con tre ponti, cassa in titanio DLC, evolve nella forma per soddisfare i gusti attuali. La nuova estetica sfrutta al meglio le tecnologie e i materiali d’avanguardia di cui dispone. Il nuovo disegno dei ponti sottolinea con le sue curve l’onnipotenza della dinamica che, nel modello presentato nel 1889 da Constant Girard-Perregaux in occasione dell’Esposizione Universale di Parigi, si manifestava attraverso il disegno geometrico del ponti e che sarebbe valsa all’orologiaio la medaglia d’oro. La struttura dei ponti, traforata per permettere di ammirare ogni dettaglio, celebra la meccanica con uno stile leggero. Ognuno dei ponti in titanio – metallo nobile dal peso corrispondente a circa la metà di quello dell’acciaio – con finitura microbillé e rivestimento PVD che dona corpo a questa sottile costruzione, è un omaggio all’architettura contemporanea. Il tourbillon effettua una rivoluzione al minuto che possiede la proprietà di liberare dagli effetti della gravità il bilanciere racchiuso al suo interno. Continua a leggere