Blancpain L-Evolution: ho provato per voi un orologio da favola!

Blancpain L-Evolution Tourbillon e Carrousel

Ancora emozionato, vi racconto di un capolavoro che ho avuto il privilegio di provare ieri: il nuovo Blancpain scheletrato dotato sia di tourbillon sia di carrousel! L’abbinamento tra questi due regolatori ha dato vita a un nuovo calibro, il 2322V2. La cassa, caratterizzata da una lunetta di forma che trovo allo stesso tempo aggressiva e sportiva, racchiude il tourbillon e il carrousel, entrambi volanti. Il quadrante su parecchi livelli mi ha permesso di ammirare tutta la complessità del movimento traforato.

Il design dei ponti è stato lavorato minuziosamente con una finitura granulare e con un trattamento cosiddetto NAC (procedimento galvanico che permette di annerire i ponti e la piastra). La gabbietta del carrousel e quella del tourbillon sono rialzate per metterle in evidenza. Le viti del movimento sono di forma esagonale: si tratta di una «prima» per Blancpain.

Il tourbillon è composto da una gabbietta mobile sulla quale gravitano lo scappamento e l’organo regolatore. Il pignone dello scappamento ruota intorno alla ruota dei secondi, che è fissa. La rotazione della gabbietta trasmette l’energia occorrente allo scappamento e al bilanciere. La gabbietta compie un giro al minuto, e annulla gli scarti di marcia nelle posizioni verticali. Continua a leggere

Blancpain e Genoni in immersione in Islanda

geyserthumb 

Amici lettori bentornati! Dopo un paio di settimane di vacanze anche del sottoscritto, riprendo il blog rimanendo in “tema estivo”, raccontandovi dell’ultima avventura portata egregiamente a termine dall’amico Gianluca Genoni, pluriprimatista del mondo di apnea profonda, nonché ambassador del noto marchio di orologi Blancpain. Gianluca, da sempre impegnato nella difesa dell’ambiente e del mare, è tornato da poco da un’emozionante spedizione alla ricerca delle origini del mondo: l’immersione nella faglia di Silfra in Islanda.

La faglia di Silfra, è situata a 45 km a nord est di Reykjavik, nel parco nazionale di Thingvellir e fa parte dei 10 siti mondiali più famosi per le immersioni, è un’immersione non priva di insidie, soprattutto se fatta in apnea. La temperatura dell’acqua proveniente dai ghiacciai non supera mai i 2°C, e la faglia è una ferita molto stretta tra due continenti piena di anfratti e rocce sporgenti la cui distanza in alcuni punti non supera il metro e mezzo! Continua a leggere

Gianluca Genoni e Blancpain: intervista al campione mondiale di apnea

Blancpain Fifty Fathoms

 

In esclusiva per voi lettori del TGCOM24, ho intervistato Gianluca Genoni, il recordman mondiale di immersione in apnea.

D: Come e quando è nata la tua passione per gli orologi?

R: la mia passione per gli orologi nasce molti anni fa quando ho ricevuto come regalo di maturità scientifica il mio primo orologio di un certo valore. Subito incuriosito ho acquistato riviste del settore e mi sono documentato sulla meccanica e sulle complicazioni varie.

D: Quando decidi di comprare un orologio cosa ha più importanza: estetica, meccanica, marchio o altro?

R: Dipende se parliamo di orologi che utilizzo nel tempo libero innanzi tutto mi deve piacere esteticamente, poi la meccanica deve essere importante ed essere un marchio con una storia. Se invece parliamo di orologi che utilizzo durante i miei allenamenti deve essere affidabile, ben visibile  e resistente a forti sbalzi di pressione. Il Blancpain 500 Fathoms, l’orologio che uso normalmente, è una sintesi fantastica tra bellezza, meccanica e affidabilità.

D: Ci puoi raccontare qualche cosa di particolare che ti è accaduto con un orologio?

R: Una decina di anni fa, mi è caduto dalla barca su un fondale di quasi 50m, un orologio che mi era stato appena regalato. Mi sono rimesso la muta mi sono ributtato in acqua e alla prima discesa l’ho ritrovato appoggiato sopra un grosso masso che luccicava con la poca luce che arriva a quella profondità. Continua a leggere

Orologi al Mare

Rolex Submariner

Ritengo sia opportuno, in questo periodo, darvi dei consigli per far passare delle buone vacanze anche ai nostri adorati orologi.

Innanzi tutto mi raccomando di non fare bagni e tanto meno tuffi con orologi che non abbiano almeno 100 metri di tenuta: in un tuffo infatti la pressione dell’acqua è molto alta e potrebbe filtrare. Continua a leggere

Basilea 2014: gli orologi che più mi hanno colpito

Hublot Classic Fusion Tourbillon Skull

 

Baselworld è terminata da quasi un mese e ho iniziato a raccontarvi in queste settimane le maggiori novità (e proseguirò a oltranza!). Amici, colleghi e lettori, però, più di una volta mi hanno chiesto quali siano stati i miei orologi preferiti. Una classifica non l’ho mai voluta fare, troppe le variabili: prezzo, complicazioni, materiali, braccialati o cinturini in pelle, automatici o manuali, significativi per il movimento di manifattura o per il design… Però è indubbio che qualche orologio mi ha colpito più di altri, da un punto di vista emotivo o anche solo per averlo potuto vedere meglio da vicino o provare al polso;  tralasciando perciò classifiche razionali o tecniche, vi propongo  una carrellata di alcuni orologi che ho reputato interessanti. Alcuni ve li ho già minuziosamente descritti, altri li descriverò meglio più avanti, ma repetita juvant!

Il Cronografo Calendario Annuale di Patek Philippe non è soltanto uno dei rari orologi complicati di Patek in acciaio (tra l’altro gli acciai complicati della Manifattura della famiglia Stern tendono sempre ad aumentare rapidamente di valore), ma anche un perfetto esempio di quanta cura del dettaglio sia in grado di esprimere l’orologeria. Continua a leggere

Blancpain Endurance Series a Monza

timthumb4.php

Sabato ha preso il via da Monza il Blancpain GT Series 2014, la quarta edizione del campionato di durata riservato alle Gran Turismo con omologazione GT3. Organizzato anche quest’anno dal promoter SRO (Stephane Ratel Organisation) sotto l’egida del più antico marchio dell’orologeria svizzera Blancpain, il campionato si sdoppia in questa nuova stagione con un calendario riservato alle gare di durata (dalle 3 alle 24 ore) che ha preso il via ieri all’Autodromo monzese, e un calendario riservato alle gare Sprint (un’ora di durata) che debutterà il 21 aprile sulla pista francese di Nogaro. Il Blancpain GT Series è l’unico in Europa ad essere riservato alle vetture omologate GT3 che interpretano in chiave attuale la tradizione delle corse Endurance come la “1000 KM di Monza”, nata nel 1965.

Continua a leggere

Blancpain Villeret 2014

6630-3631-55b_front

Immagine 1 di 3

Blancpain Villeret 2014

 

La collezione Villeret, che prende il nome dal villaggio natale della Manifattura, oggi accoglie tra i suoi modelli un orologio a tre lancette con datario, carica automatica, quadrante smaltato Grand Feu. 

L’adozione dello smalto Grand Feu conferma l’attaccamento di Blancpain agli storici valori e alla somma di conoscenze accumulate dall’orologeria. Materiale inalterabile che conserva il suo splendore indefinitamente, e particolarmente adatto a esaltare un oggetto dalla classica bellezza, lo smalto richiede una sequenza di strati successivi sottoposti a temperature superiori ai 1000°C. Anche le cifre dipinte in smalto devono superare vittoriosamente la delicatissima prova del fuoco. Dopo ogni operazione il quadrante viene verificato con somma cura e ritoccato manualmente. Nel nostro caso il processo è reso ancora più complicato dalla forma bombata del quadrante. La sua messa a punto definitiva esige una sapienza e un’esperienza che, a mio modesto avviso, solo Blancpain e pochissimi altri possono vantare. Continua a leggere

Blancpain e Gianluca Genoni per i 60 anni del Fifty Fathoms

5000-1110-b52-pr

Immagine 1 di 8

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe

 

Blancpain, per festeggiare i 60 anni del Fifty Fathoms, mi ha permesso di partecipare ad un evento entusiasmante, una “lectio aquatica”  con uno dei più grandi atleti dei quali come italiani andare fieri: Gianluca Genoni, 45enne apneista con svariati record mondiali. Genoni, infatti, è da anni ambassador della nota marca di orologi facente capo al Gruppo Swatch.

Ma prima di raccontarvi l’evento,  ripercorriamo un attimo le tappe più significative dell’orologio subacqueo della marca svizzera, la più antica al mondo (1735) .

Al suo arrivo alla testa di Blancpain, nel 1950, Jean-Jacques Fiechter, appassionato di immersioni, comincia a lavorare su uno strumento affidabile e robusto che possa accompagnarlo nelle attività sportive che pratica nel tempo libero. L’orologio subacqueo, a quell’epoca inesistente, riveste un’importanza capitale, perché la misura del tempo di immersione e la capacità di cronometrare le operazioni sono fondamentali.

Tre anni dopo, nel 1953, nasce il primo orologio subacqueo moderno che prende il nome di «Fifty Fathoms», in base alla misura britannica di 50 braccia (circa 91 metri), considerata a quell’epoca la profondità massima che i sub potevano raggiungere, tenendo conto dell’aria compressa allora in uso. Continua a leggere

La storia delle grandi case di orologeria: il Gruppo Swatch

 

sc01_13_swatch_est-_1983_2_press_0

Immagine 1 di 8

Swatch Est. 1983

Oggi voglio raccontarvi qualcosa di uno dei più grandi gruppi al mondo legati all’orologeria: il Gruppo Swatch; proponendovi nella galleria fotografica (senza nulla togliere agli altri marchi del Gruppo) alcuni degli orologi Swatch oramai diventati vere e proprie icone.

 

Swatch Group ieri

Verso la metà degli anni ’70, l’industria orologiera svizzera è nel mezzo della peggiore crisi mai sperimentata sino a quel momento. Da un punto di vista tecnologico, la concorrenza giapponese viene surclassata nel 1979 con il lancio di “Delirium,” l’orologio da polso più sottile al mondo, dotato di un numero ridotto di componenti. Tuttavia, a determinare la ripresa del settore è la nascita di SMH, la Sociètè suisse de Microèlectronique et d’Horlogerie o Società svizzera di microelettronica e orologeria. La sua risposta alla crisi fu Swatch, un sottile segnatempo in plastica dotato di appena 51 componenti (al posto degli abituali 91 o più) in grado di unire qualità superiore a un prezzo decisamente accessibile. Sotto la leadership di Nicolas G. Hayek (1928-2010), Swatch Group ha raggiunto la sua fama mondiale di gemma dell’industria orologiera. All’inizio degli anni 1980, N. G. Hayek ha risollevato l’azienda da una crisi profonda. La sua leadership determinante è stata essenziale per il lancio del marchio Swatch nel 1983, trascinando nella sua scia lo sviluppo costante e il perfezionamento permanente dei marchi di Swatch Group. Continua a leggere

Fifty Fathoms: Blancpain presenta la versione Bathyscaphe

Nato nel 1953, il Fifty Fathoms di Blancpain a 60 anni di distanza presenta due nuovi modelli. Maturato nel tempo, e frutto di annate fortunate, il Fifty Fathoms Bathyscaphe viene proposto in una versione 2013 sia maschile sia femminile che incorpora i più recenti progressi dell’orologeria, a partire dalla spirale in silicio.

Ispirati dal sottomarino per l’esplorazione degli abissi marini dello svizzero Jacques Piccard, gli orologi subacquei Bathyscaphe di Blancpain sono nati alla fine degli anni Cinquanta. Erano modelli per uomo e per donna. Eredi diretti di quegli storici precursori, i nuovi Fifty Fathoms Bathyscaphe ne propongono una reinterpretazione che incorpora le ultime innovazioni tecniche.

Diversi elementi della versione 2013 richiamano le prime edizioni. I contorni sono vivi come quelli dei loro predecessori. Le lancette conservano il look tradizionale dei loro progenitori, e la data compare in una finestrella. Fedele alla versione Bathyscaphe originale, la piastrina luminescente che compare sulla lunetta assicura la leggibilità del tempo d’immersione. Continua a leggere