Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe Day Date e Chronographe Flyback

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscape Day Date

Immagine 1 di 4

 

I due Batyscaphe che vi presento oggi fanno parte della collezione Fifty Fathoms di Blancpain. Il primo è una nuova edizione del Fifty Fathoms Bathyscaphe Day Date. Limitato a 500 esemplari, è ispirato a un orologio subacqueo di Blancpain degli anni ’70 ed è caratterizzato da un quadrante beige sabbia in tonalità degradanti con un decoro soleil. Questa nuance ricorda il deserto e in particolare la Valle della Morte negli Stati Uniti. Blancpain negli anni ’70 ruppe con i codici estetici tradizionali dei modelli Bathyscaphe, realizzando una serie di esemplari caratterizzati da una cassa a forma di cuscino con un anello girevole all’interno – in sostituzione della lunetta girevole convenzionale all’esterno – un quadrante grigio degradante oltre all’indicazione del giorno della settimana e della data. Il quadrante del Bathyscaphe Day Date Desert Edition si presenta in questo stile, associandolo per la prima volta alle delicate nuance degradanti beige sabbia, una tinta inedita in questa collezione.  La minuteria evidenziata da numeri arabi indica gli intervalli di cinque minuti, evocando l’anello girevole interno dell’orologio del Continua a leggere

Blancpain Fifty Fathoms Automatique e Fifty Fathoms Grande Date con bracciale in titanio

Blancpain Fifty Fathoms Automatique

Immagine 1 di 4

 

Quest’anno Blancpain ha dotato con un bracciale in titanio tre versioni del suo iconico Fifty Fathoms (nato nel 1953). Il Fifty Fathoms si distinse da subito per le sue caratteristiche tecniche ed estetiche avanguardistiche: i grandi indici e le lancette luminescenti su fondo nero, la sua robustezza, la sua impermeabilità e la lunetta girevole securizzata sono caratteristiche che divennero rapidamente standard per l’industria orologiera. Blancpain iniziò ben presto a usare materiali innovativi per la realizzazione dei suoi segnatempo. L’uso del titanio da parte di Blancpain risale in effetti ai primi anni ’60, quando fu costruita una serie speciale del modello MIL-SPEC II, destinata alle truppe antimine della Marina Americana. Lo dimostra l’orologio «US Navy», riacquistato dal Marchio nel 2015 in occasione di una vendita all’incanto, in una cassa di alpacca – una lega antimagnetica di rame, zinco e nichel – con il fondo in titanio, impiegato senza dubbio per la sua maggiore resistenza alla pressione. A quei tempi il titanio era riservato essenzialmente all’industria aereospaziale e sconosciuto al settore orologiero. I modelli Fifty Fathoms Automatique e Fifty Fathoms Grande Date si presentano con il loro nuovo bracciale in Continua a leggere

Blancpain Ocean Commitment Fifty Fathoms

Blancpain Ocean Commitment Fifty Fathoms

Immagine 1 di 6

 

In occasione della Giornata Mondiale dell’Oceano, Blancpain ha presentato in anteprima mondiale una terza serie di orologi subacquei in edizione limitata Blancpain Ocean Commitment (BOC). Con l’acquisto di uno di questi orologi, il cliente contribuisce all’impegno di Blancpain per la protezione gli oceani. Blancpain, dal canto suo, s’impegna a versare 1.000 euro per ogni orologio venduto, per un totale di 250.000 euro, che si aggiungono ai contributi versati regolarmente nei vari partenariati.

Dal lancio del Fifty Fathoms – il primo orologio subacqueo moderno – nel lontano 1953, Blancpain non ha mai smesso di investire nella scoperta, lo studio e la preservazione degli oceani. In aggiunta al sostegno offerto ogni anno a importanti spedizioni e progetti oceanografici, Blancpain ha presentato quattro anni fa una prima serie di orologi subacquei in edizione limitata BOC. Forte del successo di questo segnatempo, la Manifattura ha riproposto la stessa iniziativa nel 2016 e oggi presenta il suo terzo orologio BOC. Il Fifty Fathoms Ocean Commitment III unisce in sé le caratteristiche principali del modello originale del 1953, riferimento per gli orologi subacquei di Continua a leggere

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe Quantième Annuel

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe Quantième Annuel

Immagine 1 di 3

 

La collezione Fifty Fathoms di Blancpain quest’anno comprende per la prima volta il modello con datario annuale. Questa complicazione (che trovo molto utile) è stata aggiunta a un orologio Bathyscaphe che comunque conserva il DNA degli autentici orologi subacquei: anche questo modello presenta infatti un’ottima leggibilità, un movimento robusto e la lunetta girevole unidirezionale.

La storia del Fifty Fathoms risale all’anno 1953, quando Blancpain svelò quello che diventò il primo orologio subacqueo moderno a uso professionale. La collezione Fifty Fathoms divenne rapidamente famosa, tanto che tutta Continua a leggere

Orologi per tutte le tasche: photogallery delle migliori novità di Baselworld 2018

Rolex GMT-Master II Pepsi

Immagine 1 di 46

 

Come promesso qualche giorno fa, vi propongo una ricca photogallery con alcune delle più significative novità viste dal sottoscritto al recente Baselworld, tenutosi dal 22 al 27 marzo,  e che ha ospitato oltre 600 brand, fra i quali Rolex, Patek Philippe, TAG Heuer, Bvlgari, Hublot,, e i marchi del gruppo Swatch (Omega, Breguet, Longines, Hamilton, Tissot, Rado, ecc.). Qualche defezione illustre, come i player del lusso Hermès e Dior, che si aggiungono alle defezioni di Girard Perregaux, Ulysse Nardin e Louis Erard. Tra gli altri grandi brand che hanno detto addio a Basilea ci sono anche Eberhard & Co. e Movado. Giusto qualche riga sulle più significative novità, che via via nei prossimi giorni vi presenterò poi più dettagliatamente.

Rolex ha arricchito la sua gamma GMT-Master II con un nuovo modello in acciaio da 40 mm dotato di una lunetta girevole bidirezionale con disco Cerachrom graduato 24 ore bicolore in ceramica rossa e blu (Pepsi in gergo) e bracciale Jubilé.

Anche Tudor (Gruppo Rolex) ha presentato il suo GMT e, tra le altre novità, una splendida riedizione del Black Bay Fifty Eight.

Omega, Oltre ad uno splendido Speedmaster The Grey Side of the Moon,  ha proposto la riedizione di un modello lanciato 25 anni fa, il Seamaster Diver 300M ha cassa da 42 mm, valvola di scappamento dell’elio di forma conica, fondello dai bordi ondulati e bracciale integrato. Visibile dal fondello il movimento automatico certificato dall’Istituto Federale Svizzero di Metrologia (METAS).

TAG Heuer per festeggiare il 55mo anniversario della nascita dell’Heuer Carrera, TAG Heuer presenta il Carrera Chronographe Tourbillon Chronomètre Tête de Vipère, un’edizione limitata di 155 pezzi certificata dall’Osservatorio di Besançon. Realizzato in ceramica blu, questo cronografo automatico con tourbillon ha un diametro di 45 mm.

Bvlgari si riprende, dopo soli pochi mesi, il record di modello automatico più sottile al mondo con l’Octo Finissimo Tourbillon Automatic: 3,95 mm di spessore per questa cassa in titanio da 42 mm di diametro. Le novità ovviamente non finiscono qui, come avrete modo di scoprire guardando le foto.

Blancpain L-Evolution: ho provato per voi un orologio da favola!

Blancpain L-Evolution Tourbillon e Carrousel

Immagine 1 di 5

Ancora emozionato, vi racconto di un capolavoro che ho avuto il privilegio di provare ieri: il nuovo Blancpain scheletrato dotato sia di tourbillon sia di carrousel! L’abbinamento tra questi due regolatori ha dato vita a un nuovo calibro, il 2322V2. La cassa, caratterizzata da una lunetta di forma che trovo allo stesso tempo aggressiva e sportiva, racchiude il tourbillon e il carrousel, entrambi volanti. Il quadrante su parecchi livelli mi ha permesso di ammirare tutta la complessità del movimento traforato.

Il design dei ponti è stato lavorato minuziosamente con una finitura granulare e con un trattamento cosiddetto NAC (procedimento galvanico che permette di annerire i ponti e la piastra). La gabbietta del carrousel e quella del tourbillon sono rialzate per metterle in evidenza. Le viti del movimento sono di forma esagonale: si tratta di una «prima» per Blancpain.

Il tourbillon è composto da una gabbietta mobile sulla quale gravitano lo scappamento e l’organo regolatore. Il pignone dello scappamento ruota intorno alla ruota dei secondi, che è fissa. La rotazione della gabbietta trasmette l’energia occorrente allo scappamento e al bilanciere. La gabbietta compie un giro al minuto, e annulla gli scarti di marcia nelle posizioni verticali. Continua a leggere

Blancpain e Genoni in immersione in Islanda

geyserthumb 

Amici lettori bentornati! Dopo un paio di settimane di vacanze anche del sottoscritto, riprendo il blog rimanendo in “tema estivo”, raccontandovi dell’ultima avventura portata egregiamente a termine dall’amico Gianluca Genoni, pluriprimatista del mondo di apnea profonda, nonché ambassador del noto marchio di orologi Blancpain. Gianluca, da sempre impegnato nella difesa dell’ambiente e del mare, è tornato da poco da un’emozionante spedizione alla ricerca delle origini del mondo: l’immersione nella faglia di Silfra in Islanda.

La faglia di Silfra, è situata a 45 km a nord est di Reykjavik, nel parco nazionale di Thingvellir e fa parte dei 10 siti mondiali più famosi per le immersioni, è un’immersione non priva di insidie, soprattutto se fatta in apnea. La temperatura dell’acqua proveniente dai ghiacciai non supera mai i 2°C, e la faglia è una ferita molto stretta tra due continenti piena di anfratti e rocce sporgenti la cui distanza in alcuni punti non supera il metro e mezzo! Continua a leggere

Gianluca Genoni e Blancpain: intervista al campione mondiale di apnea

Blancpain Fifty Fathoms

Immagine 1 di 2

 

In esclusiva per voi lettori del TGCOM24, ho intervistato Gianluca Genoni, il recordman mondiale di immersione in apnea.

D: Come e quando è nata la tua passione per gli orologi?

R: la mia passione per gli orologi nasce molti anni fa quando ho ricevuto come regalo di maturità scientifica il mio primo orologio di un certo valore. Subito incuriosito ho acquistato riviste del settore e mi sono documentato sulla meccanica e sulle complicazioni varie.

D: Quando decidi di comprare un orologio cosa ha più importanza: estetica, meccanica, marchio o altro?

R: Dipende se parliamo di orologi che utilizzo nel tempo libero innanzi tutto mi deve piacere esteticamente, poi la meccanica deve essere importante ed essere un marchio con una storia. Se invece parliamo di orologi che utilizzo durante i miei allenamenti deve essere affidabile, ben visibile  e resistente a forti sbalzi di pressione. Il Blancpain 500 Fathoms, l’orologio che uso normalmente, è una sintesi fantastica tra bellezza, meccanica e affidabilità.

D: Ci puoi raccontare qualche cosa di particolare che ti è accaduto con un orologio?

R: Una decina di anni fa, mi è caduto dalla barca su un fondale di quasi 50m, un orologio che mi era stato appena regalato. Mi sono rimesso la muta mi sono ributtato in acqua e alla prima discesa l’ho ritrovato appoggiato sopra un grosso masso che luccicava con la poca luce che arriva a quella profondità. Continua a leggere

Orologi al Mare

Rolex Submariner

Immagine 1 di 16

Ritengo sia opportuno, in questo periodo, darvi dei consigli per far passare delle buone vacanze anche ai nostri adorati orologi.

Innanzi tutto mi raccomando di non fare bagni e tanto meno tuffi con orologi che non abbiano almeno 100 metri di tenuta: in un tuffo infatti la pressione dell’acqua è molto alta e potrebbe filtrare. Continua a leggere

Basilea 2014: gli orologi che più mi hanno colpito

Hublot Classic Fusion Tourbillon Skull

Immagine 1 di 25

 

Baselworld è terminata da quasi un mese e ho iniziato a raccontarvi in queste settimane le maggiori novità (e proseguirò a oltranza!). Amici, colleghi e lettori, però, più di una volta mi hanno chiesto quali siano stati i miei orologi preferiti. Una classifica non l’ho mai voluta fare, troppe le variabili: prezzo, complicazioni, materiali, braccialati o cinturini in pelle, automatici o manuali, significativi per il movimento di manifattura o per il design… Però è indubbio che qualche orologio mi ha colpito più di altri, da un punto di vista emotivo o anche solo per averlo potuto vedere meglio da vicino o provare al polso;  tralasciando perciò classifiche razionali o tecniche, vi propongo  una carrellata di alcuni orologi che ho reputato interessanti. Alcuni ve li ho già minuziosamente descritti, altri li descriverò meglio più avanti, ma repetita juvant!

Il Cronografo Calendario Annuale di Patek Philippe non è soltanto uno dei rari orologi complicati di Patek in acciaio (tra l’altro gli acciai complicati della Manifattura della famiglia Stern tendono sempre ad aumentare rapidamente di valore), ma anche un perfetto esempio di quanta cura del dettaglio sia in grado di esprimere l’orologeria. Continua a leggere