Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe Day Date e Chronographe Flyback

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscape Day Date

Immagine 1 di 4

 

I due Batyscaphe che vi presento oggi fanno parte della collezione Fifty Fathoms di Blancpain. Il primo è una nuova edizione del Fifty Fathoms Bathyscaphe Day Date. Limitato a 500 esemplari, è ispirato a un orologio subacqueo di Blancpain degli anni ’70 ed è caratterizzato da un quadrante beige sabbia in tonalità degradanti con un decoro soleil. Questa nuance ricorda il deserto e in particolare la Valle della Morte negli Stati Uniti. Blancpain negli anni ’70 ruppe con i codici estetici tradizionali dei modelli Bathyscaphe, realizzando una serie di esemplari caratterizzati da una cassa a forma di cuscino con un anello girevole all’interno – in sostituzione della lunetta girevole convenzionale all’esterno – un quadrante grigio degradante oltre all’indicazione del giorno della settimana e della data. Il quadrante del Bathyscaphe Day Date Desert Edition si presenta in questo stile, associandolo per la prima volta alle delicate nuance degradanti beige sabbia, una tinta inedita in questa collezione.  La minuteria evidenziata da numeri arabi indica gli intervalli di cinque minuti, evocando l’anello girevole interno dell’orologio del Continua a leggere

Blancpain e Gianluca Genoni per i 60 anni del Fifty Fathoms

5000-1110-b52-pr

Immagine 1 di 8

Blancpain Fifty Fathoms Bathyscaphe

 

Blancpain, per festeggiare i 60 anni del Fifty Fathoms, mi ha permesso di partecipare ad un evento entusiasmante, una “lectio aquatica”  con uno dei più grandi atleti dei quali come italiani andare fieri: Gianluca Genoni, 45enne apneista con svariati record mondiali. Genoni, infatti, è da anni ambassador della nota marca di orologi facente capo al Gruppo Swatch.

Ma prima di raccontarvi l’evento,  ripercorriamo un attimo le tappe più significative dell’orologio subacqueo della marca svizzera, la più antica al mondo (1735) .

Al suo arrivo alla testa di Blancpain, nel 1950, Jean-Jacques Fiechter, appassionato di immersioni, comincia a lavorare su uno strumento affidabile e robusto che possa accompagnarlo nelle attività sportive che pratica nel tempo libero. L’orologio subacqueo, a quell’epoca inesistente, riveste un’importanza capitale, perché la misura del tempo di immersione e la capacità di cronometrare le operazioni sono fondamentali.

Tre anni dopo, nel 1953, nasce il primo orologio subacqueo moderno che prende il nome di «Fifty Fathoms», in base alla misura britannica di 50 braccia (circa 91 metri), considerata a quell’epoca la profondità massima che i sub potevano raggiungere, tenendo conto dell’aria compressa allora in uso. Continua a leggere