Audemars Piguet Royal Oak con quadranti verdi

Royal Oak Cronografo Automatico in oro giallo

Immagine 9 di 9

 

Oggi vi presento i nuovi modelli di Royal Oak della Manifattura Audemars Piguet caratterizzati da quadranti di colore verde, colore che sta diventando di tendenza nel mondo dell’orologeria. I modelli comprendono un Royal Oak “Jumbo” Extra-Piatto in platino 950 con quadrante verde fumé e finitura soleil, un’edizione limitata del Royal Oak Cronografo Automatico con cassa in oro giallo 18 carati e quadrante verde “Grande Tapisserie” e 3 varianti del nuovo Automatico con Flying Tourbillon in titanio o oro rosa. Audemars Piguet, tra l’altro, fu il primo brand a realizzare, negli anni ‘70 del ‘900, quadranti con pietre colorate, nelle tonalità del marrone, del verde e del blu. Analizziamoli nel dettaglio.

Il “Jumbo” da 39 mm presenta una cassa e un bracciale in platino 950 oltre a un quadrante verde fumé decorato con una finitura soleil. È la prima volta che questa configurazione viene utilizzata all’interno della collezione 15202. Con soli 8,1 mm di spessore, anche la cassa conferisce all’orologio un aspetto molto fine. Gli indici applicati e le lancette Royal Oak in oro bianco sono trattati con un rivestimento luminescente per migliorare la leggibilità in caso di poca luce. La firma “Audemars Piguet” è posizionata sotto le ore 12, mentre le iniziali AP sono situate a ore 6, come avviene solitamente nei “Jumbo”. Nel cuore dell’orologio è custodito il Calibro di Manifattura 2121 a Carica Automatica, dotato di una massa oscillante in oro 22 carati. Tra le varie funzioni ci sono anche ore, minuti e data. Il Royal Oak “Jumbo” Extra-Piatto è riservato esclusivamente alle boutique monomarca.

Il Royal Oak Cronografo Automatico si presenta in una nuova varietà di colori che unisce una cassa in oro giallo 18 carati a un quadrante verde. Il quadrante è decorato con un motivo “Grande Tapisserie” e impreziosito da tre contatori dei secondi a chiocciola. Il nome “Audemars Piguet” sul quadrante è in oro 24 carati e realizzato in accrescimento galvanico. Il modello è dotato di un solido fondello che reca l’incisione “Limited Edition” (125 esemplari). Custodita in una cassa da 41 mm, questa versione del Royal Oak monta il Calibro di Manifattura 2385 a Carica Automatica che include una massa oscillante in oro 18 carati. Proprio come il suo cronografo, il movimento indica le ore, i minuti, i piccoli secondi e la data. Oltre al bracciale in oro giallo con chiusura déployante AP, il modello presenta due cinturini supplementari: in pelle di vitello verde e in caucciù verde.

Il Royal Oak Automatico con Flying Tourbillon mette in mostra i talenti degli artigiani della Manifattura con tre nuove varianti e tante diverse rifiniture realizzate a mano. Ogni versione è presentata con una cassa da 41 mm e dotata di un quadrante verde con motivo Tapisserie arricchito dalla finitura soleil. La prima referenza presenta una cassa in oro rosa 18 carati con lancette e indici coordinati. Questo modello è limitato a soli 10 esemplari. Il secondo modello, che conta 50 esemplari, è realizzato al 100% in titanio. Il terzo modello, prodotto in 15 esemplari, associa una cassa in titanio e una lunetta in oro bianco 18 carati tempestata di 32 smeraldi taglio baguette (~2,41 carati), ognuno tagliato individualmente, sfaccettato e incastonato a mano. Le sfumature verdi dello smeraldo esaltano il colore verde del quadrante Tapisserie, offrendo al tempo stesso un gioco di luci unico. Entrambi i modelli in titanio esibiscono indici applicati e lancette Royal Oak in oro bianco con rivestimento luminescente e presentano un bracciale in titanio. Tutti i modelli sono montati con il Calibro di Manifattura 2950 a Carica Automatica, l’ultima generazione del flying tourbillon di Audemars Piguet. A differenza del tourbillon tradizionale, il flying tourbillon rinuncia al bilanciere superiore, permettendo la visuale dello scappamento, dell’organo regolatore e della gabbia in movimento.

Tutti i modelli sono impermeabili fino a 50 metri e garantiscono una riserva di carica di circa 40 ore per il Jumbo e l’automatico, di circa 65 ore per gli orologi con flying tourbillon.

Janvier68

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *