Porsche Design e il 1919 Globetimer UTC

Porsche Design 1919 Globetimer UTC Titanium Blue

Immagine 1 di 3

 

Il nome Porsche Design rievoca immediatamente immagini di auto sportive veloci. Il nome, però, richiama alla mente anche precisione, funzionalità e prestazioni. E il 1919 Globetimer UTC racchiude una combinazione tecnologicamente innovativa ed esteticamente perfetta di sport motoristici e cronometraggio. Questo nuovo orologio da polso proposto da Porsche combina funzionalità radicalmente semplificate e leggibilità ottimizzata del quadrante: la semplice pressione di un pulsante reimposta la lancetta delle dodici ore per mostrare l’ora locale. Un disco giorno/notte funge da indicatore a.m/p.m. aiutando chi lo indossa a impostare il tempo per la metà corretta della giornata nel nuovo fuso orario. La data, collegata all’ora locale, si sposta automaticamente in avanti o indietro quando necessario. I display dei minuti e dell’ora del fuso orario di partenza non sono influenzati dal reset. Nel 1972 il Professor F. A. Porsche iniziò a trasporre le sue idee di design in un’ampia varietà di oggetti di uso quotidiano. Il cronografo da polso fu uno dei suoi primi progetti, progettandolo secondo gli stessi principi di perfetta leggibilità, ergonomia e immediato riconoscimento che caratterizzano da sempre il cruscotto della Porsche 911, da lui stesso progettato. Il famoso orologio con bussola integrata, che combina due strumenti di precisione per orientarsi nel tempo e nello spazio, ne è un esempio, come il primo cronografo realizzato interamente in titanio, che ha debuttato nel 1980. Il professor F.A.Porsche ha rivoluzionato l’orologeria tradizionale, attraverso l’uso del titanio, una lega metallica anticorrosione, leggera e ipoallergenica, che Porsche aveva già utilizzato nella costruzione dei motori delle auto da corsa. Anche l’orologio da sub “Ocean”  venne realizzato in titanio così come “l’orologio da viaggio” di Porsche Design con l’indicazione dei fusi orari e la sveglia nel 1995, il WorldTimer nel 2007 e il Globetimer nel 2015.

Il 1919 Globetimer UTC rende molto facile per i viaggiatori abituali (e per chi, in questo periodo, ha familiari molto lontani e non raggiungibili per la quarantena) sapere le ore nel mondo e l’ora locale. L’ora locale, infatti, può essere comodamente impostata con l’ausilio di un pulsante sagomato in maniera ergonomica e posizionato in modo ottimale. Ogni volta che si preme il pulsante, la lancetta corta delle ore locali avanza di una posizione in senso orario. Quando ci si sposta verso est, ogni pressione del pulsante “+” fa avanzare il secondo fuso orario di un intervallo di un’ora. Quando invece si viaggia verso ovest, premendo il pulsante “-“ le lancette UTC si spostano nella direzione opposta. Nel frattempo le lancette UTC si spostano automaticamente rimanendo in sintonia. Per assicurare che ciò avvenga a mezzanotte e non a mezzogiorno, è necessario impostare correttamente l’ora solo una volta. Porsche Design tiene anche in considerazione il fuso orario di partenza, per il quale è necessaria una seconda lancetta delle ore chiaramente distinguibile grazie alla punta luminosa. Questa lancetta gira una volta ogni ventiquattro ore. I pulsanti, ciascuno con un punto di pressione definito con precisione, inviano le indicazioni di commutazione con velocità e precisione e sono progettati e costruiti con la competenza cronografica accumulata da Porsche fin dal 1972. Il comando del pulsante perfettamente concepito assicura un funzionamento intuitivo, anche seduti al volante di un’automobile. Non è necessario svitare la corona o rilevare la sua prima posizione di arresto per una regolazione indipendente della lancetta delle ore locali, eliminando così una potenziale fonte di errore umano. La custodia impermeabile resiste in modo affidabile a una pressione fino a dieci ATM (circa 100 metri): per ora utile se lo si vuole utilizzare sotto la doccia, si spera quanto prima anche per nuotate e immersioni. La perfetta leggibilità è un’altra importante caratteristica. Per visualizzare intuitivamente il tempo da qualsiasi angolo di visione, il raggio del quadrante è stato ampliato il più possibile, mentre la cassa in titanio è stata progettata per essere straordinariamente sottile. I contrasti di colore, le lancette caratteristiche, gli indici e i numeri si combinano con l’uso generoso di Super-LumiNova per minimizzare la possibilità di errori di lettura, anche in condizioni di scarsa visibilità. Inoltre un rivestimento antiriflesso in sette strati e un trattamento ultra resistente proteggono il vetro zaffiro.

Due righe sull’innovativo movimento automatico all’interno della cassa in titanio tripartita, da 42 mm; mi riferisco al nuovo Calibro Werk 04.110 di Porsche Design: basato sul Calibro Sellita SW 200, aggiunge il proprio rotore a carica bidirezionale a sfere. Il movimento è dotato di una riserva di carica di 38 ore con il suo bilanciere regolato a 4 hertz. La parte anteriore del calibro è dotata di un meccanismo di fuso orario sviluppato appositamente per Porsche Design. Tale meccanismo di fuso orario, che utilizza un ingegnoso meccanismo a pulsante, non era ancora disponibile sul mercato. Nel 2014 l’azienda ha quindi deciso di sviluppare il movimento necessario. Il progetto è stato seguito dalla stesura di specifiche tecniche precise per un modulo esclusivo, debitamente progettato da Porsche Design e prodotto da Dubois-Dépraz.

Prima di iniziare la produzione in serie, i meccanismi sono stati sottoposti a numerosi test a lungo termine in conformità con i severi criteri di Chronofiable SA. I modelli sottoposti ai test d’urto ricevono un colpo equivalente a quasi 5.000 volte il loro peso, mentre ogni pezzo deve resistere ad almeno 10.000 cicli di attivazione – molto più di quanto l’orologio possa mai sopportare, anche in condizioni estreme. Prima di essere racchiuso nella sua cassa, ogni movimento deve anche dimostrare la sua precisione nel cronometraggio per quindici giorni consecutivi presso il COSC (Controllo Ufficiale Svizzero dei Cronometri). Il calibro non deve perdere più di quattro, né guadagnare più di sei secondi al giorno, durante i quindici giorni di prova. In questo periodo, il movimento viene sottoposto a test in cinque diverse posizioni e a tre diverse temperature.

Il 1919 Globetimer UTC fa parte dell’esclusiva collezione di orologi 1919 ed è disponibile in quattro varianti di modello, al prezzo di 5.950 euro (prezzo consigliato) sul sito www.porsche-design.com (unica opzione possibile in queste tremende settimane).

Video scaricabile a questo link: https://drive.google.com/drive/folders/1cJr5ow40WANx-nHBy3FLnxZTIuQxfLzE?usp=sharing 

Janvier

 

 

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *