H.Moser Streamliner Flyback Chronograph Automatic: anteprima per il TGCOM24

H.Moser & Cie Streamliner Flyback Chronograph Automatic

Immagine 19 di 19

 

Semplice, leggibile e minimalista. H. Moser & Cie. presenta lo Streamliner Flyback Chronograph Automatic, il primo cronografo automatico integrato con visualizzazione centrale e funzione flyback. Questo nuovo orologio, dal look che strizza l’occhio al passato, ci conquista subito con le sue linee fluide e le sue curve sinuose che vanno ad avvolgere il polso. Il nome Streamliner omaggia i primi treni ad alta velocità degli Anni 20 e 30; da essi ci si è infatti ispirati per la sua linea arrotondata e aerodinamica. Edouard Meylan, CEO di H. Moser & Cie. ha dichiarato: “Abbiamo iniziato dal bracciale, confortevole, elegante e diverso. Abbiamo quindi progettato questo modello intorno alla funzione cronografo perché era questa che volevamo evidenziare. Lo Streamliner è un cronografo che indica l’ora piuttosto che un orologio con cronografo. Abbiamo privilegiato la sobrietà, l’ergonomia e la leggibilità optando per indicazioni centrali senza quadrante secondario, rispecchiando alla perfezione la nostra filosofia minimalista. Siamo partiti dall’essenza stessa del cronografo e ne abbiamo ridefinito gli standard“.

L’H.Moser & Cie Streamliner Flyback Chronograph Automatic, prodotto in una serie limitata di 100 esemplari, presenta una cassa a cuscino in acciaio (42,3 mm x 14,2 mm) con corona decentrata a ore 4 arricchita con una “M” e i due pulsanti del cronografo visibili a ore 2 ed ore 10. La cassa, quasi una scultura che alterna superfici lucide e spazzolate con forme cave e satinate sui lati, custodisce al suo interno il calibro automatico HMC 902 sviluppato con AGENHOR per H. Moser & Cie (434 componenti, 55 rubini, 21.600 a/h, carica bidirezionale, doppio bariletto, cronografo con visualizzazione centrale e indicazione dei minuti e dei secondi trascorsi, funzione flyback su minuti e secondi, ruota a colonne, ruota liscia con microdentatura sia per evitare che gli ingranaggi si impegnino tra loro sia per diminuire gli scatti accidentali quando si attiva il cronografo, bascula a tulipano che permette l’azionamento o il rilascio del cronografo, autonomia di marcia di minimo 54 ore). Al fine di poter meglio ammirare il meccanismo dell’orologio, il funzionamento del cronografo e della ruota a colonne, la massa oscillante in tungsteno è stata collocata tra il movimento e il display.
Il quadrante sfoggia una nuova sfumatura grigio antracite fumé e griffè ed è’ protetto da vetro zaffiro leggermente bombato tipo Glassbox, lo stesso del fondello trasparente. Ad incorniciarlo vi sono due minuterie bianche e rosse: quella esterna per i secondi e quella interna per i minuti. Il numero 60, a ore 12, domina il quadrante e riprende il design dei cronometri Anni 60 e 70. Sul réhaut trova invece posto la scala tachimetrica. Il cronografo, con la lunetta con finitura spazzolata soleil, presenta quattro lancette: quelle di ore e minuti sono ricurve, tridimensionali con due sezioni e riempite con Globolight® (innovativo materiale, mai usato prima per le lancette, a base di ceramica che contiene Super-LumiNova®) mentre le lancette dei minuti e secondi cronografici presentano una base più spessa ed una punta più sottile; quella dei minuti è rodiata mentre quella dei secondi ha la base rossa. Il bracciale integrato alla cassa è in acciaio e sfoggia maglie snodate che vanno a creare una raffinata onda in un alternarsi di finiture spazzolate verticali e superfici lucide. Il design delle maglie non solo risulta esteticamente piacevole ma consente anche di essere comodamente indossato dai polsi più esili. Il bracciale è chiuso con una fibbia deployante in acciaio con tre lame e logo Moser inciso. L’impermeabilità fino a 12 ATM permette l’utilizzo del cronografo e della funzione flyback anche sott’acqua.

Silvia Bonfanti

2 risposte a “H.Moser Streamliner Flyback Chronograph Automatic: anteprima per il TGCOM24

  1. Orologio desueto e bellissimo, costicchia un po’ ma chi ragiona col cuore e non col cervello, come dovrebbe un vero appassionato, dovrebbe prenderlo se può
    Bella anche la descrizione dell’orologio di Silvia, si vede che scrive collegando le dita all’anima.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *