Longines Legend Diver Watch 36mm

Longines Legend Diver Watch 36mm

Immagine 2 di 5

IO SONO LEGGENDA. In fondo, il The Longines Legend Diver Watch, l’ha scritto pure nel suo nome. Sicuramente è uno dei diver più apprezzati da chi ama immergersi nel profondo blu e non solo. Parte della linea Heritage del marchio della clessidra alata, questo segnatempo continua a confermare la longevità di un modello onorandone la storia con sportiva raffinatezza. Prima di addentrarci nelle specifiche dell’ultima sua versione, facciamo un salto indietro nel tempo. Era il 23 gennaio del 1960 quando, a bordo del batiscafo Trieste, appartenente alla Marina degli U.S.A., l’ingegnere svizzero Jacques Piccard insieme con l’oceanografo e tenente della Marina statunitense Donald Walsh raggiunse la depressione Challenger Deep, il punto più profondo della Terra che si trova nell’Oceano Pacifico, all’estremità sud della fossa delle Marianne. I due esploratori raggiunsero una profondità di 10.916 metri sotto il livello del mare e una pressione di 1086 Bar.  La loro discesa durò circa 5 ore e rimasero 20 minuti sul fondo dell’oceano prima di risalire in 3 ore e 15 minuti. Usarono palle da cannone come zavorra e benzina per favorire il galleggiamento. Il riempimento con benzina aveva anche lo scopo di rendere lo scafo incomprimibile. Anche per celebrare quest’immersione la Maison di Saint-Imier realizzò il Diver Two Crown (calibro L19AS, 18.000 a/h, 100 mt. al quale subentrò il calibro L290 da 19.800 a/h e 300 mt).

Attualmemente il LLD, pur continuando ad ispirarsi all’iconico diver Super Compressor Longines 7042 degli Anni 60 (42mm), viene ora proposto con una cassa in acciaio inox da 36 millimetri, un diametro adatto ad abbracciare sia esili polsi maschili che femminili. Il quadrante, oltre ad essere proposto in nero o marrone laccato lucido, è offerto per i “polsi in rosa” in delicata madreperla bianca. Lo caratterizza una lunetta girevole interna bidirezionale e una doppia corona a vite (a ore 4 per regolare ora e data e a ore 2 per ruotare la ghiera interna ai fini della lettura dei tempi di immersione). La lunetta interna, oltre a conferire all’orologio maggiore versatilità all’indosso, è meno esposta a corrosione e urti accidentali. Sul quadrante, protetto da vetro zaffiro bombato multistrato lato interno, spiccano sottili indici a bastone dipinti, sfere rodiate lucide rivestite con Super-Luminova e numeri arabi (ore 6, 9 e 12).  Il suo cuore meccanico pulsante è il calibro automatico L592  su base ETA A20.LII (28.800 a/h, funzioni di ore, minuti, secondi, datario a ore 3 e riserva di carica di 40 ore).

Impermeabile fino a 300 metri, l’orologio dispone di un fondello avvitato che riporta, al pari del suo capostipite, un’incisione in rilievo che raffigura un sub. A scelta si può abbinarlo ad un bracciale in acciaio inox a maglia milanese con tripla chiusura deployante oppure ad un cinturino in pelle con impunture a contrasto e fibbia.

Articolo di Silvia Bonfanti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *