Bovet Récital 26 Brainstorm® Chapter One

Bovet Récital 26 Brainstorm® Chapter One

Immagine 2 di 4

Oggi vi presento un orologio incredibile realizzato in tiratura limitata da una Manifattura, ahimè, troppo poco conosciuta, Bovet 1922: manifattura però ben nota nel settore dell’orologeria, che nasce al Chateau de Motier, non lontano da Neuchâtel in Svizzera. Bovet ha un ruolo centrale nell’eccellenza orologiaia, sin da quando il suo fondatore, Édouard Bovet, fondò l’azienda nel 1822 (Édouard Bovet era di Ginevra, ma iniziò la sua attività a Londra nel 1814). La manifattura “fece ritorno” al castello quando Pascal Raffy (presidente di Bovet) decise di rilanciarla nel 2001. Senza ripercorre tutte le tappe, mi limito a menzionare il tourbillon Shooting Star, il primo segnatempo di una collezione dedicata all’astronomia presentato nel 2016. Seguito nel 2017 e 2018 dai tourbillon Astérium e Grand Récital. Al di là delle specifiche tecniche di ognuno di questi tre segnatempo, la loro cassa caratteristica a forma di leggio permise di esprimere diversamente la misura del tempo. Disegnata da Pascal Raffy, la cassa a forma di leggio presenta una lunetta inclinata a ore 6. Quest’idea ingegnosa consente di diversificare le tipologie delle indicazioni, utilizzando cupole, rulli, dischi e lancette tridimensionali per migliorarne l’intuitività, l’ergonomia e l’eleganza. Pascal Raffy non si è fermato a questi 3 capolavori: presentato (e ammirato dal sottoscritto) al SIHH 2019 di Ginevra, il Récital 26 Brainstorm® Chapter One presenta numerose innovazioni. Per questo primo capitolo del Brainstorm®, Pascal Raffy ha optato per un modello in zaffiro. Scelto per la sua trasparenza cristallina, lo zaffiro è il materiale più duro dopo il diamante e possiede la qualità poco conosciuta di essere più leggero del titanio. Nonostante le casse in zaffiro si conoscano da quasi quarant’anni, il loro design era rimasto relativamente semplice a causa delle difficoltà della lavorazione meccanica e della lucidatura dovute alla durezza del materiale. Il profilo asimmetrico della carrure, della lunetta e del vetro della cassa a forma di leggio ha obbligato gli ingegneri e i tecnici ad affrontare difficoltà inedite.

La carrure e il vetro formano un elemento unico che rispetta scrupolosamente il design originale delle casse della collezione. Il fondello è costituito da una lunetta e da quattro anse fabbricate in titanio grado 5. Naturalmente questa lunetta presenta un vetro zaffiro che si apre generosamente sul retro di un movimento ricco di segreti da svelare. Per sfruttare al meglio la trasparenza e l’ergonomia, gli orologiai di BOVET 1822 hanno deciso di fissare il movimento al fondello piuttosto che all’interno della carrure come nella procedura abituale. Quest’opzione era già stata sperimentata con successo nella costruzione del non meno luminoso Tourbillon Ottantasei nel 2016.

Il movimento scelto per occupare questa vetrina panoramica tridimensionale è regolato dal tourbillon volante double-face brevettato, lanciato nel 2015. Quattro anni più tardi e dopo varie fasi di evoluzione, oggi presenta un bilanciere a inerzia variabile per una cronometria migliorata dall’uso di una spirale tradizionale: una scienza che BOVET è una delle rare case orologiere capaci di dominare. Questo nuovo calibro recepisce l’energia da un unico bariletto, che garantisce una riserva di carica di 10 giorni nonostante le numerose complicazioni che alimenta. La tradizionale maestria nelle lunghe riserve di carica degli orologiai di BOVET 1822 (loro il record assoluto con un orologio da tasca fabbricato nel 1900 e con ben 370 giorni di autonomia!) si spiega grazie al costante impegno nel minimizzare la frizione nel cuore del movimento. L’applicazione di metodi artigianali e la cura dedicata a ogni dettaglio determinano questo controllo dell’energia e riassumono la filosofia che governa l’ufficio tecnico della Manifattura, basata sull’idea del risparmio di energia piuttosto che sul suo incremento per aumentare la riserva di carica. La soluzione al problema imposto dai tempi di ricarica è offerta dal sistema di carica con differenziale sferico, oggetto di due brevetti, che dimezza il numero di giri della corona necessari per caricare completamente il segnatempo.

Forte di questa solida base di performance cronometriche esemplari, il Brainstorm® presenta le ore e i minuti decentrati al 12. Trattandosi della parte più alta sotto la cupola pronunciata della cassa, gli orologiai hanno manifatturato un’attaccatura delle lancette particolarmente alta. Un indice avvitato alla ruota della gabbia, così come due bracci del ponte della gabbia si succedono a 120° d’intervallo, percorrendo il settore graduato dei secondi in una scanalatura del quadrante principale. È da rilevare che il ponte della gabbia in titanio dorato richiede da solo due giornate di lavoro da parte di un artigiano unicamente per la sua decorazione. Per accentuare la trasparenza della cassa, la riserva di carica si mostra mediante una camma che indica l’energia disponibile attraverso un indicatore «in crescendo» situato al 4. Disposta simmetricamente a ore 8, una gran data appare quasi misteriosa attraverso una finestrella circolare. L’intero meccanismo si rivela all’occhio del collezionista, che ne potrà apprezzare i minimi dettagli mediante l’uso del disco in zaffiro delle unità, che fornisce la trasparenza necessaria. Al 12, immersa nel volume del quadrante delle ore e dei minuti, spunta una fase lunare tridimensionale, in cui la curvatura della cupola si oppone magistralmente alle curve del quadrante. Per un maggiore realismo, la superficie della cupola lunare è incisa e le parti più profonde sono riempite di Superluminova®. Il cielo è qui rappresentato nella sua espressione più nobile. I quadrantisti di BOVET 1822 sono riusciti a incastonare due placchette circolari di vetro avventurina all’interno della curva pronunciata dell’indicatore emisferico delle fasi lunari! Le fasi lunari sono leggibili con un realismo straordinario attraverso le due aperture circolari che sovrastano la cupola.

I collezionisti potranno scegliere tra due tipi di quadrante. Il primo presenta una cupola pronunciata in quarzo blu, la cui trasparenza consente di percorrere successivamente con lo sguardo i diversi strati del movimento. Questa stessa trasparenza si ritrova nello spazio compreso tra ognuna delle pale dell’elica concava che forma il secondo quadrante proposto. Quest’ultimo è lavorato su un blocco di alluminio e poi decorato dalle mani esperte dei quadrantisti. Chi lo desideri, potrà optare per un quadrante inciso a mano dagli artigiani della manifattura. Un lavoro che richiede un’abilità straordinaria, poiché le pale sono strette e la loro forma concava è pronunciata. I quadranti saranno disponibili in vari colori, con la possibilità di personalizzare il segnatempo scegliendo una forma particolare dell’elica, ispirata, ad esempio, ai cerchioni della propria automobile favorita. Sebbene le complicazioni e la loro configurazione inedita siano assolutamente stupefacenti e giustifichino pienamente l’uso dello zaffiro per la cassa, questa dovrà essere girata di lato per osservarne il movimento. Interamente sviluppato e manifatturato negli uffici e laboratori di BOVET 1822, rivela un’architettura a gradini, in cui i piani inclinati successivi sostengono tutti i componenti del movimento. Questa scelta esclusiva offre numerosi vantaggi per diversi aspetti. Innanzitutto, permette di ottimizzare il volume del profilo a V della carrure, ottenendo una migliore ergonomia e un’estetica all’altezza dei più alti standard dell’alta orologeria artigianale. Anche la leggibilità viene migliorata. Ogni indicazione si articola intorno ad un’asse perpendicolare al piano inclinato della lunetta, offrendo il miglior angolo di lettura con il polso in posizione normale. Pascal Raffy ha reso omaggio a tutti gli esperti in microingegneria, decoratori, quadrantisti e orologiai, battezzando questa nuova prodezza orologiera Brainstorm®, un nome che evoca sia le soluzioni trovate in comune, sia la genialità necessaria per risolvere le numerose situazioni inedite.

Com’è consuetudine alla BOVET, il Récital 26 Brainstorm Chapter One si presenta in edizione limitata, secondo il numero di movimenti fabbricati: in questo caso solo 60 movimenti usciranno dai laboratori della Manifattura.

 

MOVIMENTO

Calibro 17DM04-SMP

Tipologia Manuale

Diametro 38.50 mm (17 1/3’’’)

Frequenza 18,000V/h

Riserva di carica 10 giorni

Funzioni Ore, minuti, secondi sul tourbillon, gran data, indicatore della riserva di carica,

indicatore della fase lunare emisferica

BREVETTI

Sistema di carica sferica

Dentatura tridimensionale con ingranaggio multiplo

Tourbillon volante double-face

GARANZIA 5 anni

CASSA

Tipologia Cassa Dimier a forma di leggio

Diametro 48 mm

Spessore 15.50 mm

Materiale Zaffiro con anse e fondello in titanio

Cinturino Alligatore

Fibbia Ad ardiglione in oro bianco 18K

Impermeabilità 30m

QUADRANTE

Convesso in quarzo blu o a forma di elica in diversi colori

Ref R260002, quadrante convesso in quarzo blu

Ref R260001, quadrante in alluminio nero

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *