Breguet Marine Equation Marchante

Breguet Marine Equation Marchante

 

Abraham-Louis Breguet, durante tutta la sua carriera, non smise mai di dimostrare la sua eccezionale maestria. Stimato in tutta Europa, Breguet trovò in Luigi XVIII, re di Francia, un ammiratore attivo. L’anno 1814 quest’ultimo lo nomina membro del Bureau des Longitudes di Parigi. Istituito nel 1795, questo organismo ha per scopo il perfezionamento dei diversi rami dell’astronomia e la loro applicazione alla geografia, la navigazione e la fisica del globo. Unico rappresentante della sua professione, Breguet diventa l’orologiaio di riferimento, in particolare per quando riguarda il calcolo delle longitudini in mare, col titolo ufficiale di Horloger de la Marine Royale. La nomina di orologiaio della Marina implica notevoli conoscenze scientifiche e gli conferisce una funzione fondamentale per il Paese. A quell’epoca, infatti, i cronometri da marina erano di vitale importanza per le flotte perché consentivano di calcolare la posizione delle navi.

Sulla scia di questa eredità unica, la Maison Breguet lancia oggi in esclusiva mondiale il modello Marine Équation Marchante 5887. L’equazione del tempo è una delle complicazioni orologiere più rare e affascinanti. Consente di indicare l’oscillazione del tempo solare medio – ore e minuti civili – rispetto al vero tempo solare – ore e minuti solari. Già nell’antichità si usava il sole come base per definire il tempo. Ciononostante, il movimento visibile del sole – il tempo solare reale indicato dai quadranti solari – non è regolare. Migliorando la precisione orologiera, gli orologi sono diventati il riferimento per il tempo e il tempo solare reale è stato sostituito dal tempo solare medio, dove tutti i giorni sono uguali e durano 24 ore. Il tempo solare medio può presentare un ritardo fino a 16 minuti o un anticipo fino a 14 minuti rispetto al tempo solare reale. Soltanto in quattro giorni all’anno i due tempi hanno lo stesso valore. Poiché le diverse posizioni del sole nel cielo si ripresentano in maniera identica sempre nelle stesse date, gli orologiai possono «programmarle» grazie a una camma speciale. Avendo la forma di un 8, questa riproduce meccanicamente la traccia della posizione solare nel cielo, l’analemma. Con una precisione estrema nell’esecuzione, la camma è accoppiata a un tastatore, che trascina una levetta di equazione e consente così di indicare la differenza fra l’ora civile e l’ora solare (compresa fra -16 e +14 minuti). Tale indicazione viene mostrata generalmente in un settore o in un quadrante sussidiario. L’utilizzatore ha quindi il compito di aggiungere o sottrarre mentalmente la differenza rispetto all’ora media indicata per conoscere l’ora solare reale. Il nuovo orologio Marine Équation Marchante di Breguet va oltre questo principio indicando contemporaneamente l’ora civile e l’ora reale grazie a due lancette distinte dei minuti. La lancetta solare marciante, decorata con un sole dorato sfaccettato, propone l’indicazione diretta dei minuti del tempo solare, una grande comodità che fa guadagnare tempo. Questa semplicità apparente in realtà nasconde una realizzazione ardua, che pochi orologiai sono in grado di compiere. La lancetta dei minuti solari deve infatti rispondere a due imperativi: deve marciare in maniera convenzionale sul quadrante, esattamente come la lancetta dei minuti civili, ma si deve allontanare ogni giorno da quest’ultima di un valore variabile secondo l’analemma per indicare l’equazione del tempo. Breguet ha ottenuto questo risultato dotando la lancetta solare marciante di un ingranaggio differenziale, animato da due fonti di rotazione funzionanti in modo completamente indipendente; la rotazione dei minuti civili e quella controllata dalla leva a contatto con la camma di equazione che, a sua volta, effettua un giro all’anno. Breguet ha sviluppato una camma di equazione estremamente fine, supportata da un disco in zaffiro trasparente, che serve anche per la correzione dell’equazione del tempo mensile.

Alla complessità dell’indicazione dell’equazione marciante, su questa Grande Complicazione, Breguet ha aggiunto anche un calendario perpetuo. Due finestrelle, situate rispettivamente fra le ore 10 e le ore 11 e fra l’1 e le ore 2, indicano rispettivamente i giorni della settimana e i mesi e l’anno bisestile. Il datario si trova all’interno del giro delle ore ed è indicato grazie a una lancetta retrograda, recante un ancòra alla sua fine, che percorre un semicerchio da ore 9 a ore 3. La distribuzione delle informazioni sul quadrante è stata studiata con cura e consente una lettura in linea semplice e intuitiva, senza rinunciare a un’estetica impeccabile.

Basato sul calibro automatico 581DR, il nuovo Marine Équation Marchante di Breguet racchiude pure una terza complicazione e non una delle minori: è dotato di un tourbillon 60 secondi, la cui gabbia in titanio ospita un bilanciere Breguet con spirale in silicio. Questa caratteristica innovativa consente al bilanciere di raggiungere una frequenza di 4 Hz, mantenendo comunque una riserva di marcia particolarmente ampia per un orologio automatico (indicata in una finestrella fra le ore 7 e le ore 9): 80 ore! Sul lato quadrante presenta due tipi di guillochage, di cui uno con motivo a «onde», concepito espressamente per questa nuova creazione. La menzione «Marine Royale», incisa sulla barretta del tourbillon, attira immancabilmente l’attenzione. Sul dorso dell’orologio i ponti, visibili attraverso un fondocassa in vetro zaffiro, sono stati finemente cesellati per rappresentare nei minimi dettagli il «Royal Louis», vascello di primo rango della Marina Reale Francese. Il bariletto è decorato con una rosa dei venti, facente riferimento alla navigazione astronomica.

Questo modello Grande Complication viene presentato in una cassa di 43,9 mm di diametro in oro rosa o platino. La versione in oro rosa ha un quadrante argentato e un movimento antracite, mentre quella in platino ha il quadrante blu e il movimento rodiato.

 

BREGUET MARINE ÉQUATION MARCHANTE 5887 

Cassa in platino 950 con carrure scanalata. Fondocassa in vetro zaffiro. Diametro 43,9 mm. Impermeabile fino a 10 bar (100 m).

Quadrante blu in oro, inciso a mano. Numerazione individuale e firma Breguet. Giro delle ore con numeri romani e indici luminescenti. Lancette Breguet a «pomme» in oro 18 carati sfaccettato, con materiale luminescente. Lancetta dei minuti solari con sole dorato sfaccettato. Finestrella del giorno fra le ore 10 e 11. Finestrella del mese e dell’anno fra le ore 1 e 2. Datario retrogrado lungo un semicerchio da ore 9 a ore 3. Indicazione della riserva di marcia in una finestrella fra le ore 7 e 9.

Movimento meccanico a carica automatica con equazione del tempo marciante, calendario perpetuo, tourbillon e riserva di marcia di 80 ore, cal. 581DPE. Numerato e firmato Breguet. Piccoli secondi e camma d’equazione sull’asse del tourbillon. 16¾ linee. 57 rubini. Ruota di scappamento in silicio e ancòra laterale invertita con corna in silicio. Spirale in silicio, Frequenza 4 Hz. Regolato in 6 posizioni.

Cinturino in alligatore con boucle déployante in oro.

Disponibile anche in oro rosa 18 carati con quadrante in oro argentato e movimento antracite:

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *