Zenith El Primero Tourbillon Skeleton e El Primero Skeleton Nero intenso

El Primero Tourbillon Skeleton

Oggi vi presento due notevoli orologi Zenith che fanno il loro ingresso sulla scena e rivelano il loro leggendario meccanismo attraverso un design scheletrito: El Primero Tourbillon Skeleton ed El Primero Skeleton Nero Intenso. La cassa in ceramica nera di 45 mm e il quadrante scheletrato avvolgono il quadrante scheletrato mostrando il meccanismo El Primero. Sono modelli dal meccanismo indubbiamente complesso: il primo abbina il tourbillon ad un cronografo ad alta frequenza, mentre il secondo scheletrato esibisce l’energia di un classico cronografo “El Primero”. Una novità per Zenith è la ceramica, appena entrata in collezione e che già “equipaggia” il movimento tourbillon cronografo automatico El Primero Calibro 4035 e l’El Primero Calibro 400B, l’erede del cronografo sviluppato da Zenith nel 1969.

Entrambi si possono ammirare attraverso il quadrante scheletrato nero intenso, ravvivato da tocchi di rosso. La loro rapida frequenza di 5 Hz fa muovere le lancette placcate rutenio, sfaccettate e luminescenti sugli indici abbinati. Contatori scheletrati e una minuteria avvitata al movimento valorizzano questa visualizzazione tridimensionale.

Il modello El Primero Skeleton Tourbillon abbina il tourbillon ad un cronografo ad alta frequenza in modo decisamente futuristico. La gabbia del tourbillon, che esegue una rotazione al minuto, è decentrata alle ore 11, mentre i contatori del cronografo scheletrati assumono la forma di un otto. Il movimento cronografo El Primero Skeleton, che batte a 36.000 alt/ora, consente di visualizzare ore e minuti centrali, piccoli secondi, cronografo e data. Entrambi i modelli hanno una riserva di carica di oltre 50 ore. Il carattere deciso di El Primero Tourbillon Skeleton e El Primero Skeleton è accentuato da un cinturino in caucciù nero – traforato per la versione tourbillon e rivestito in fibra di carbonio per quella cronografo – con tripla fibbia deployante in titanio e PVD nero.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *