Eberhard Scafograf 300

Eberhard Scafograf 300

Chi di mestiere fa il giornalista, dovrebbe cercare di essere il più imparziale possibile e dare le notizie con professionale distacco. Io non sono un giornalista, ma un appassionato che scrive da anni di orologi spinto solo dall’amore che ho per i segnatempo. Ogni passione, come tale, fa vedere le cose con i propri occhi e, a volte, si finisce con l’essere poco imparziali. Come con Eberhard, ad esempio. Il rapporto che ho con la loro proprietà, con il presidente e con tante persone che lavorano da loro è davvero unico. In un mondo fatto di numeri, precisione e immagine non è facile trovare persone come loro, credetemi.
Premesso questo vediamo di parlare di un modello molto ben riuscito che hanno presentato a Basilea. Ad ispirare Eberhard & Co. per la presentazione di una delle principali novità del 2016, è stato un tuffo nel proprio passato… Erano gli anni ’50 quando la Maison svizzera, da sempre incline alla ricerca tecnica e all’innovazione, decise di affrontare una delle sfide che da sempre ha affascinato l’uomo di ogni tempo, quella con il mare e i suoi profondi e misteriosi abissi. Il mare, oggetto di imprese e leggende, dall’orizzonte infinito, un mondo sommerso che non si finisce mai di scoprire la cui superficie però si congiunge con la vita dell’uomo. Erano gli anni in cui veniva pubblicato uno dei grandi capolavori di Hemingway – “Il vecchio e il mare” – che affrontava temi quali il coraggio e la tenacia dell’uomo di fronte alla natura – all’immensa massa azzurra nello specifico – e la sua fusione con essa. Erano gli anni in cui veniva presentata la collezione Scafograf di Eberhard & Co., pensata per un polso avventuroso e sportivo che ama condurre la propria vita con spirito dinamico. La collezione, arricchita negli anni seguenti, era composta da modelli in acciaio, impermeabili a 100, 200, 300, 400, 750 e 1.000 metri, con o senza lunetta girevole ed ore luminescenti. Lo Scafograf 300 in particolare racchiudeva in sé tutte le principali caratteristiche di un orologio subacqueo: automatico con una cassa in acciaio robusta e resistente agli urti (Ø 42,5 mm), una lunetta nera graduata che permetteva di controllare con facilità il tempo di immersione trascorso, un quadrante a contrasto con lancette e indici luminescenti, un bracciale estensibile in acciaio inossidabile, tutto quanto necessario per accompagnare intrepidi sub e appassionati di sport acquatici nell’incanto della profondità, scandendo il tempo sotto il mare. La data a ore 3 – inusuale per orologi subacquei – e il look di questo modello lo rendevano piacevolmente indossabile anche per uso quotidiano. Il 300 del nome del modello esplicitava la profondità a cui era waterresistant. Scafograf 300 A questo modello Eberhard & Co. ha deciso di dedicare una riedizione, frutto di una reinterpretazione in chiave contemporanea. Il nuovo SCAFOGRAF 300 è un orologio meccanico a carica automatica, subacqueo, con una cassa in acciaio di Ø 43 mm, lunetta in ceramica girevole unidirezionale con luminescenza sul primo quarto della scala della minuteria, vetro zaffiro bombato e valvola per la fuoriuscita dell’elio ad ore 9. Il quadrante nero, galbé, ha indici applique luminescenti e datario ad ore 3. Il nome del modello, così come la lancetta centrale dei secondi e i dots in corrispondenza degli indici possono essere di colore bianco, azzurro o giallo. Le lancette ore e minuti sono anch’esse luminescenti. Impermeabile fino a 300 mt, il nuovo SCAFOGRAF 300 ha un fondo avvitato personalizzato con l’incisione di una stella marina. Il modello è corredato da cinturino nero in gomma, integrato o dal bracciale Chassis® in acciaio con chiusura déployante Déclic® (Patented). La linea pulita, precisa e rigorosa di SCAFOGRAF 300 ben si addice anche ad un uso più casualchic lontano dall’acqua.
L’orologio è davvero ben riuscito. La cassa ha una perfetta armonia con anse, lunetta, cinturino e quadrante. Questo fa si che l’orologio calzi in maniera perfetta anche su polsi piccoli come il mio. Sono certo che quest’orologio darà delle grandi soddisfazioni a chi deciderà di fare una scelta un poco fuori dal coro. Scelta che potrebbe essere per altro molto azzeccata considerando che il prezzo al pubblico sarà attorno ai 2.400 euro.

Buona Pasqua a tutti!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *