OMEGA presenta il primo Master Chronometer al mondo

OMEGA-FIRST-MASTER-CHRONOMETER_1

Il primo Master Chronometer al mondo (un nuovo standard per tutta l’industria orologiera) è stato presentato durante una conferenza stampa che si è svolta nel quartiere generale di OMEGA a Biel, in Svizzera.

Nel 2014 OMEGA e l’Istituto Federale Svizzero di Misurazione (METAS) avevano annunciato la collaborazione per una nuova certificazione grazie alla quale precisione e prestazioni sarebbero state testate e certificate come mai prima d’ora.
 Oggi, con il nuovo laboratorio METAS nel cuore della produzione OMEGA, il Globemaster è ufficialmente diventato il primo segnatempo ad ottenere la certificazione di “Master Chronometer”. A presentarlo sono stati il CEO di Swatch Group Nick Hayek, Christian Bock direttore del METAS, Stephen Uruqhart presidente di OMEGA e Andreas Hobmeier vice presidente della produzione.

Mentre il COSC, la certificazione dell’industria orologiera per eccellenza, rimane parte integrante del processo OMEGA, i nuovi test METAS raddoppieranno a tutti gli effetti la certificazione di ogni orologio, permettendo a OMEGA e a tutti i produttori svizzeri di dimostrare la qualità e le prestazioni dei propri segnatempo come mai prima d’ora. Ogni orologio dovrà superare otto test della durata di 10 giorni. Una gamma di prove che riproducono le condizioni di utilizzo del segnatempo, inclusa l’esposizione a campi magnetici di 15.000 gauss. Dopo aver spiegato ogni singolo test, Andreas Hobmeier ha mostrato il primo Master Chronometer al mondo, il Globemaster.

Quasi dimenticavo: ogni consumatore potrà consultare online i risultati dei test del proprio orologio.

Di seguito gli 8 test METAS.

 

  1. PRECISIONE MEDIA GIORNALIERA DELL’OROLOGIO

Questo test dura 4 giorni e verifica la precisione giornaliera dell’orologio in normali condizioni d’uso. L’orologio viene prima collocato in posizioni e temperature differenti, in seguito esposto ad un campo magnetico pari a 15.000 gauss, poi smagnetizzato e infine testato nuovamente in posizioni e temperature differenti. Per ogni fase viene scattata una fotografia dell’orologio che verrà confrontata dopo 24 ore per verificare la precisione in base all’ora UTC.

  1. FUNZIONAMENTO DEL MOVIMENTO APPROVATO DAL COSC DURANTE L’ESPOSIZIONE AD UN CAMPO MAGNETICO DI 15 000 GAUSS

Questo test verifica il solo movimento dell’orologio, collocandolo in due diverse posizioni e sottoponendolo ad un campo magnetico pari a 15.000 gauss. Ogni posizione viene mantenuta per 30 secondi, durante i quali si verifica in modo udibile il funzionamento del movimento attraverso un microfono.

 

  1. FUNZIONAMENTO DELL’OROLOGIO DURANTE L’ESPOSIZIONE AD UN CAMPO MAGNETICO DI 15.000 GAUSS

Simile al n° 2, questo test espone ad un campo magnetico di 15.000 gauss non solo il movimento ma l’intero orologio. La verifica del funzionamento avviene sempre attraverso il supporto audio. Nel mondo moderno il magnetismo si trova in tutto ciò che ci circonda, in oggetti quali tablet, telefoni, asciugacapelli e persino nelle chiusure delle borsette. Negli orologi meccanici privi di tecnologia antimagnetica l’esposizione ai campi magnetici può incidere a lungo termine sull’accuratezza.

 

  1. DEVIAZIONE DELLA PRECISIONE MEDIA GIORNALIERA DOPO L’ESPOSIZIONE A UN CAMPO MAGNETICO DI 15.000 GAUSS

Questo test misura la deviazione media giornaliera dell’orologio tra il 2° ed il 3° giorno dal primo test. Il risultato indica la precisione media giornaliera dell’orologio prima e in seguito all’esposizione ad un campo magnetico di 15.000 gauss.

  

  1. IMPERMEABILITÀ

Con questo test l’orologio viene immerso in acqua applicando una pressione graduale fino al raggiungimento della profondità di impermeabilità indicata . Per alcuni orologi si raggiungono anche profondità maggiori. In questo modo si garantisce la corretta verifica dell’orologio per le condizioni subacquee.

 

  1. RISERVA DI CARICA

Con questo test la riserva di carica dell’orologio viene verificata scattando delle fotografie all’inizio e alla fine della carica prevista. Con un’ulteriore controllo di eventuali deviazioni si garantisce che l’orologio funzioni con precisione per il tempo di carica stabilito. Il consumatore potrà contare sul fatto che anche se lasciato sul comodino per un fine settimana intero il suo orologio continuerà a funzionare perfettamente.

  

  1. SCARTO DI MARCIA CON UNA RISERVA DI CARICA CHE VA DAL 100% AL 33%

Questo test prevede di collocare l’orologio in sei posizioni differenti, come le sei facce di un dado. L’orologio è carico al 100% e ogni posizione viene mantenuta per 30 secondi, durante i quali si registra la precisione media tramite un supporto audio. In seguito la riserva di carica viene ridotta di 2/3 e la verifica viene ripetuta per garantire la stessa precisione anche quando l’orologio non è completamente carico.

 

  1. SCARTO DI MARCIA IN SEI POSIZIONI

Simile al precedente, questo test rileva l’eventuale presenza di deviazione della marcia dell’orologio collocato in sei posizioni differenti, come le sei facce di un dado. Ogni posizione viene mantenuta per 30 secondi e il risultato viene registrato tramite supporto audio. Collocando l’orologio in posizioni differenti è possibile garantirne le prestazioni indipendentemente dall’attività viene svolta. Dal un lavoro alla scrivania alla pratica di uno sport.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Una risposta a “OMEGA presenta il primo Master Chronometer al mondo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *