Audemars Piguet Royal Oak Offshore Diver in ceramica bianca

ROO_15707CB_OO_A010CA_4_closeup_PR(CMYK)

Il 2014 sarà ricordato non soltanto per essere l’anno della collezione Offshore, ma anche e soprattutto per l’ampio uso da parte di Audemars Piguet della ceramica bianca. La Manifattura, infatti, si appresta ad arricchire la collezione Royal Oak Offshore Diver con un meraviglioso esemplare destinato a risplendere persino nelle profondità dell’oceano. Il nuovo segnatempo, come gli altri modelli della serie, è impermeabile fino a 300 metri ed è protetto dai campi magnetici mediante una speciale cassa interna. Le iconiche viti del fondello, i bulloni intermedi e le viti esagonali fissano la cassa, garantendo al modello la stessa sicurezza del boccaporto di un sottomarino. Il Diver è dotato di un dispositivo di preselezione dei tempi di immersione (normativa NIHS 92-11) ed è disponibile in acciaio o in una sofisticata versione nera su ceramica nera. Continua a leggere

Rolex: Gli Sportivi in Acciaio

Yacht Master

Immagine 1 di 30

 

La storia di Rolex, dei suoi successi e della sua fama, posano le fondamenta sugli orologi sportivi che hanno segnato la storia del marchio. Orologi robusti, resistenti e con un design inconfondibile.
Facciamo quindi una carrellata di questi modelli con una fotogallery davvero ricca ed interessante.

Ecco qui quali sono i modelli.
Yacht-Master
Oyster, 40 mm, acciaio e platino
L’Oyster Perpetual Yacht-Master è un orologio elegante, di classe e sportivo, simbolo del legame privilegiato che unisce Rolex al mondo della vela sin dagli anni ‘50. È il solo modello Professionale della collezione Oyster a declinarsi in tre dimensioni: 40, 35 e 29 mm.

Yacht-Master II
Oyster, 44 mm, acciaio
Lo Yacht-Master II è stato pensato per rispondere alle esigenze dei velisti professionisti. Primo orologio al mondo con funzione programmabile di conto alla rovescia a memoria meccanica, questo cronometro da regata consente di sincronizzarsi perfettamente alla partenza di ogni gara. Continua a leggere

Bell & Ross 03-90 Grand Data e riserva di carica: prova al polso

Bell & Ross 03-90 Grand Data e Riserva di carica

Immagine 1 di 9

A Baselworld di quest’anno, tra i tanti orologi visti, uno di quelli che mi aveva colpito era, della collezione Aviation,  il Bell & Ross 03-92 in ceramica. Perciò, quando mi hanno proposto di provare un suo parente stretto, il Br 03-90 in acciaio, mi sono reso subito disponibile.

E’ un orologio di forma dalle dimensioni indubbiamente importanti: orologio di aviazione ad uso professionale di 42 mm di diametro, è munito di una grande data e di un indicatore di riserva di carica. E’ a tutti gli effetti un’altra versione del forse più famoso BR 01, di ben 46 mm, perciò improponibile per un polso come il mio. Ma vediamo un attimo le sue caratteristiche tecniche. Movimento meccanico automatico, con le funzioni di ore, minuti e secondi, abbinate a una grande data. Indicatore di riserva di carica. Cassa appunto di diametro 42 mm in acciaio lucido-satinato. Quadrante nero galvanico opaco. Numeri, indici e lancette ricoperti da un rivestimento fotoluminescente. Il vetro ovviamente è zaffiro trattato antiriflesso e l’impermeabilità è di 100 m. Partiamo subito dall’impermeabilità: non essendo un subacqueo provetto mi sono limitato a collaudarlo in piscina come attestato da alcune foto che potete vedere nella fotogallery, ovviamente senza incontrare alcun problema! Continua a leggere

Andiamo al mare con il muletto

Swatch Scuba

Immagine 1 di 22

 

Molti appassionati, per altro anche giustamente, evitano di andare al mare o per lo meno di praticare sport acquatici con orologi costosi. L’acqua salata, la sabbia, i tuffi ed i colpi non sono proprio sicurissimi per gli orologi.
Per le vacanze ricorrono quindi a quello che, in gergo, chiamano “muletto“. Si tratta di orologi appositamente studiati per andare in acqua e sono quindi molto resistenti ed affidabili. Oltre ad essere, naturalmente,  orologi dal costo medio o basso che, però, sono realizzati con cura e tenendo conto delle sollecitazioni a cui andranno incontro. Nella fotogallery potrete vedere una folta serie di segnatempo interessanti. Continua a leggere

Girard Perregaux Sea Hawk

GP Sea Hawk

Immagine 1 di 9

Ci sono degli orologi che entrano nella storia dell’orologeria con il passare degli anni. Il Sea Hawk trovo sia uno di questi. Un orologio robusto e di grande carattere. Il modello venne introdotto negli anni 40 ed era molto diverso da quello odierno. Nasce negli anni della guerra e quindi per essere un orologio adatto a sopportare condizioni estreme. Il Sea Hawk rimane un orologio di stile classico fino al 1989, anno in cui viene completamente rivisto il design. La cassa diventa più grande, più robusta e spunta la ghiera girevole. Il design odierno deriva però dal modello che venne messo in produzione nel 2002. Il nuovo Sea Hawk si caratterizza per le tonalità vivaci: il blu cobalto e l’arancione corallo colorano il quadrante, mentre le lancette e la lunetta unidirezionale di questo orologio subacqueo gli conferiscono uno stile informale. Il Sea Hawk riprende le caratteristiche tecniche e visive che hanno decretato il successo di questa linea, oggetto di un restyling nel 2012. Continua a leggere

Paul Picot Plongeur e Alex Carella

Paul Picot Plongeur Helium Valve Black

Immagine 1 di 4

 

La collezione Plongeur di Paul Picot è sempre stata un punto di riferimento  nel settore dell’orologeria subacquea. Questo cronografo, infatti, ha sempre avuto un carattere e caratteristiche unici. In questa versione, oltre alle solite forme perfette, l’altissima qualità del titanio gli garantisce una notevole leggerezza al polso. Il nuovo Plongeur 48, impermeabile fino a 300 metri, è equipaggiato di valvola ad elio. I subacquei professionisti trascorrono lunghi periodi in camere di pressurizzazione dove respirano mix di gas, incluso l’elio. L’ elio è costituito di parti molto piccole e leggere di atomi che possono penetrare nell’orologio e provocare una extra pressione. Quando la pressione si riduce, gli atomi di elio vengono dissolti e non possono introdursi nel movimento. La valvola elio permette tutto questo ed evita danni relativi alla pressione eccessiva. Continua a leggere

Hamilton RailRoad Auto Chrono provato al polso per voi!

Hamilton RailRoad Auto Chrono

Immagine 1 di 8

 

Nell’America del 1880, ogni città e villaggio aveva un proprio orario standard determinato dal sole che rendeva i viaggi in treno un’impresa rischiosa. I passeggeri erano confusi da orari complicati e gli incidenti gravi erano all’ordine del giorno in quanto le ferrovie lavoravano con oltre 50 “orari” diversi. Quando pochi anni dopo l’ora venne standardizzata, fu motivo di ottimismo. Nel 1892 la Hamilton Watch Company (Hamilton venne fondata quell’anno a Lancaster, Pennsylvania) decise di produrre orologi di precisione per la comunità ferroviaria. All’inizio del ventesimo secolo, Hamilton si guadagnò il titolo di “The Watch of Railroad Accuracy – orologio di precisione ferroviaria”. Il primo annuncio pubblicitario di Hamilton, pubblicato nel 1908 sul National Geographic, recava lo slogan “Rail Road Timekeeper of the World”. L’unico problema era che i passeggeri non riuscivano a stare al passo con la precisione cronometrica del personale ferroviario. In tutta l’America, le persone perdevano il treno a causa dell’imprecisione dei loro orologi. Verificare che ora fosse con gli altri passeggeri spesso si rivelava inutile perché ogni orologio indicava un’ora diversa. Hamilton intravide dunque un’opportunità e si mise in azione. Continua a leggere

Patek Philippe Nautilus Cronografo Travel Time referenza 5990/1A

Patek Philippe Nautilus Cronografo Travel Time

Immagine 1 di 8

 

Oggi vi presento un nuovo Nautilus di Patek Philippe. La  referenza 5990/1A Patek Philippe Nautilus Cronografo Travel Time (questo il nome completo) viene infatti ad arricchire la collezione degli orologi Nautilus complicati, aggiungendo al cronografo il meccanismo Travel Time per leggere insieme l’ora di due fusi orari. L’indicazione di un secondo fuso orario ed il cronografo sono due complicazioni che rappresentano perfettamente lo stile di vita mobile e dinamico dei nostri tempi. Per sapere le differenti ore del mondo, tenendo però sott’occhio l’ora del luogo di partenza, il nuovo Nautilus Cronografo Travel Time sovrappone due lancette delle ore al centro. La lancetta inferiore, traforata, serve a indicare l’ora “di casa”. La lancetta superiore, di design uguale alla lancetta dei minuti, serve ad indicare l’ora “locale”. Quando ci si trova “a casa”, cioè nel luogo di residenza abituale, l’ora “di casa” è identica a quella “locale”; le due lancette perfettamente sovrapposte diventano una. Quando si cambia di fuso orario, si regola la lancetta dell’ora “locale” in avanti o all’indietro, a intervalli di un’ora, mediante i pulsanti «+» e «–». Durante queste operazioni la lancetta traforata continua ad indicare l’ora “di casa”. Sul Nautilus Cronografo Travel Time, questa  funzione è  completata dalle indicazioni giorno/notte nelle finestrelle intitolate LOCAL e HOME, che consentono di sapere in quale fase della giornata si trova ciascuno dei fusi orari indicati. Continua a leggere

Breitling Navitimer: le versioni 2014

Breitling Navitimer 46 mm Acciaio

Immagine 1 di 8

 

A Basilea ho avuto modo di vedere le due nuove variazioni di un orologio leggendario, il cronografo d’aviazione Navitimer, proposto da Breitling da un lato col suo classico modello ma con un diametro maggiore, e dall’altro con  una versione per viaggiatori o per chi (io ne sono un esempio) ama sapere sempre che ora è in ogni angolo del globo. Gli orologi sono entrambi dotati di movimenti di manifattura dalle ottime prestazioni  e con certificato di cronometro.

Nel 1952 Breitling creò uno «strumento da polso» progettato appositamente per i piloti e i professionisti dell’aviazione. Munito di un regolo calcolatore circolare, il Navitimer permette di effettuare tutte le operazioni connesse con la navigazione aerea. Con il suo stile ultratecnico, originale ed elegante, questo cronografo unico nel suo genere si è imposto come un vero e proprio «cult» per tutti gli appassionati dell’aeronautica. Prodotto senza interruzione da oltre sessant’anni, ve li descrivo.

Continua a leggere

Gianluca Genoni e Blancpain: intervista al campione mondiale di apnea

Blancpain Fifty Fathoms

Immagine 1 di 2

 

In esclusiva per voi lettori del TGCOM24, ho intervistato Gianluca Genoni, il recordman mondiale di immersione in apnea.

D: Come e quando è nata la tua passione per gli orologi?

R: la mia passione per gli orologi nasce molti anni fa quando ho ricevuto come regalo di maturità scientifica il mio primo orologio di un certo valore. Subito incuriosito ho acquistato riviste del settore e mi sono documentato sulla meccanica e sulle complicazioni varie.

D: Quando decidi di comprare un orologio cosa ha più importanza: estetica, meccanica, marchio o altro?

R: Dipende se parliamo di orologi che utilizzo nel tempo libero innanzi tutto mi deve piacere esteticamente, poi la meccanica deve essere importante ed essere un marchio con una storia. Se invece parliamo di orologi che utilizzo durante i miei allenamenti deve essere affidabile, ben visibile  e resistente a forti sbalzi di pressione. Il Blancpain 500 Fathoms, l’orologio che uso normalmente, è una sintesi fantastica tra bellezza, meccanica e affidabilità.

D: Ci puoi raccontare qualche cosa di particolare che ti è accaduto con un orologio?

R: Una decina di anni fa, mi è caduto dalla barca su un fondale di quasi 50m, un orologio che mi era stato appena regalato. Mi sono rimesso la muta mi sono ributtato in acqua e alla prima discesa l’ho ritrovato appoggiato sopra un grosso masso che luccicava con la poca luce che arriva a quella profondità. Continua a leggere