Le Prove di Giorgione: Jaeger-Le Coultre 39mm Master Ultra Thin Calendario Perpetuo

JLC, da sempre, produce orologi e meccanismi di altissima qualità. Segnatempo storici:come il Reverso, il Master… Eppure, fino a questa prova, non ne avevo mai avuto uno al polso. Ricevere quindi in prova un Jaeger-Le Coultre’s 39mm Master Ultra Thin Calendario Perpetuo (per altro l’edizione in acciaio riservata alle boutique) è stata per me l’opportunità di indossare per la prima volta questo marchio.

Devo dire che è un orologio che ha delle misure perfette: con i suoi 39mm. e con il suo basso spessore (9.2mm) è un calendario perpetuo di un’eleganza rara e che si può portare con la stessa disinvoltura sia quando si indossano dei jeans sia quando si indossa un abito.

Questo fa si che l’orologio si adatti bene anche a polsi piccoli. Una volta indossato si nota il quadrante luminoso e la semplicità della cassa che gli da quel tocco vintage che ho apprezzato tantissimo. Essendo cosi sottile e con un diametro giusto non ci si accorge quasi di indossarlo. Si nasconde perfettamente sotto il polsino della camicia senza mai essere di ingombro. Vi renderete però spesso conto di averlo con voi: è talmente ben fatto che lo guarderete spesso non per sapere l’ora, ma per gustarvelo.

Il meccanismo dell’orologio è il calibro 868 che è già stato testato su altri orologi. Un meccanismo automatico con un incredibile spessore: solo 4.72mm! Dati che faranno felici molti amanti dei calendari perpetui più classici.

Indossarlo è davvero un’esperienza piacevole. Io credo che questo orologio, specialmente nella versione acciaio, sia un elogio alla semplicità. Un quadrante pulito con le indicazioni che sono davvero leggibili. A ore 12 troviamo le fasi lunari che sono davvero ben realizzate. Sempre a ore 12, spostata verso il centro dell’orologio, l’indicazione giorno/notte. Questa è un’indicazione davvero fondamentale: per chi non lo sapesse, usare il correttore durante il cambio data (fra le 22 e le 2) causa danni al meccanismo.  Quando la finestrella diventa rossa non bisogna quindi per nessun motivo regolare la data tramite il correttore. Ad ore tre abbiamo poi indicazione della data, ad ore sei l’indicazione del mese e ad ore nove il giorno. Infine, alle sette e trenta, l’indicazione dell’anno. Tutte le indicazioni, prerogativa del calibro, si sistemano con un solo correttore posto sulla cassa ad ore otto. A causa di questo sincronismo è molte importante, settando l’orologio, non superare la data corretta o bisognerà farlo fermare ed attendere.

E’ un orologio che, specialmente in acciaio o in oro bianco, passa davvero inosservato agli occhi dei non esperti. Se invece incontrerete degli appassionati state certi che vi faranno i complimenti. Si tratta infatti di un orologio davvero raffinato e con una delle complicazioni più utili in orologeria.

Apprezzo che JLC produca orologi di queste dimensioni, di queste forme e di questa semplicità. In un momento in cui tutti hanno aumentato dimensioni, spessori e confusione su quadranti JLC ha proseguito sulla sua strada regalandoci un bellissimo calendario perpetuo che, nella versione in acciaio (disponibile solo in boutique) ha un prezzo molto competitivo di 16.700 euro.

Esiste anche in oro rosa (26.100 euro) ed in oro bianco (28.600 euro).


Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *