Le Prove di Giorgione: Rado HyperChrome Court

Ho avuto l’occasione di provare al polso per qualche giorno il Rado HyperChrome Court. Ho provato, per imitare il fresco vincitore di Wimbledon Murray, la versione con dettagli verdi dedicata proprio a questo torneo.

E’ un orologio molto particolare. A prima vista ricorda molto gli orologi che si usano per lo sport (solitamente giapponesi): l’orologio, infatti, ha un bracciale in caucciù che combacia perfettamente con la cassa (cosi bene da parere quasi integrato). La  cassa è realizzata in ceramica hi-tech nero matt, resistente ai graffi e, da lontano, sembra anch’essa realizzata in plastica. Appena però si indossa si capisce che la qualità dei materiali è elevatissima. L’orologio è infatti robusto e resistente (cosi come suo meccanismo realizzato su base Valjoux 2894-2).

Rado è uno dei marchi che metto veramente a dura prova: è un’azienda che punta molto su materiali hi-tech di alta resistenza ed è quindi logico che io cerchi di capire se è realmente cosi. Tempo fa provai un True Thinline: e rimasi stupito dalla resistenza ai graffi. Alla consegna di questo orologio ho chiesto il permesso di usarlo in palestra, giocando a tennis e andando in spiaggia: permesso che mi è stato naturalmente accordato. Ebbene, nonostante lo abbia veramente strapazzato e qualche piccolo colpo lo abbia preso, l’orologio è ancora come quando mi è stato consegnato. Non un graffio, non un segno: nulla. Mi ha davvero impressionato. Il fondello è a vista ed è chiuso per mezzo di quattro viti: da qui spicca un rotore davvero ben realizzato in metallo brunito.

Il quadrante è davvero ben realizzato e leggibile sia di giorno che di notte grazie al superluminova.Indici e sfere sono cromati e fanno un bell’effetto sul quadrante nero con particolari verdi. La cassa ha la parte superiore di colore nero e quella laterale in colore grigio: entrambe satinate. Questo crea un bell’effetto di movimento ed alleggerisce la cassa. I tasti del cronografo sono quasi a filo e di una bella forma.

Erba, terra e cemento sono le superfici più diffuse  nel circuito professionistico del moderno gioco del tennis e Rado è al top delle  classifiche con la sbalorditiva nuova mini collezione della serie Rado HyperChrome ispirata a questo gioco. Questi tre esemplari rappresentano ciascuno una diversa  superficie di gioco. La superficie in cemento è simboleggiata dalla versione blu splendente, l’erba da un  verde brillante e la terra da un audace arancione. Di solito il colore associato al tennis è il bianco, ma Rado con le sue ultime proposte  non segue le convenzioni. Ogni cronografo è dinamico, determinato, incisivo e  realizzato in leggerissima ceramica hi-tech color nero opaco, resistente ai graffi. Sabbiata alla perfezione per garantire un look accattivante, la ceramica hi-tech color  nero opaco raggiunge un livello superiore nella complessa attività di produzione di  casse in ceramica per l’orologeria. Grazie al loro look sarete sempre “cool” anche in campo, non importa quanto sia  rovente, e ogni orologio super sportivo potrà seguirvi fuori dal terreno di gioco fino a  bordo piscina o in spiaggia oppure, se siete dei campioni di tennis, sul vostro yacht. Sia che preferiate il gioco dalla linea di fondo, o che scendiate a rete, oppure che  prediligiate il ‘servizio e volée’, la Collezione Rado HyperChrome Court è il  complemento perfetto del vostro gioco. I vostri avversari vi troveranno il partner  ideale per il doppio e quando lo stile farà la differenza voi sarete sempre al top. Diritti,  rovesci, volée e schiacciate non sono mai state così puntuali. Inconfondibile e seducente, ma dotato dello stile unico derivante dalla leggerezza e  dalla resistenza ai graffi di tutti i modelli in ceramica della serie Rado HyperChrome,  la nuova collezione Rado HyperChrome Court offre comfort e design in un tutt’uno  inimitabile. Un altro colpo vincente di Rado.

Nella versione cinturino in caucciù costa 3.850€, nella versione bracciale ceramica high-tech 4.150€.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someonePrint this page

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *